Kuca Quantec il braccio robotico che stampa volumi di 100 metri cubi un diverso concetto di stampante 3d

La Stampa 3D ha dei limiti . Sì è limitata dai materiali che sono disponibili, dalle dimensioni della piattaforma di costruzione, e dalle dimensioni degli ugelli da cui il materiale viene estruso.

Ma per una società tedesca, la Artis Ingegneria, questo non deve necessariamente essere un problema.

La Artis Engineering, è nata nel 1994, inizialmente era una semplice immobiliare che è poi evoluta i una società specializzata in ingegneria e costruzioni, che impiega 30 persone. Recentemente, i membri del team di Artis hanno iniziato a giochicciare  con l’idea della stampa 3D. E Attualmente hanno un coso chiamato KUKA Quantec, che è un enorme macchina a controllo numerico in grado di fare delle cose  che le stampanti tipo CNC possono solo sognare. L’attuale modello dispone di un enorme volume  di costruzione di 150 metri cubi (13 x 4 x 3,5 metri), Usa un sistema a 7 assi è capace di fresare, levigare, lucidare, tagliare a filo caldo, e anche  alcune applicazioni aggiuntive che ora includono … avete indovinato … la stampa 3D.

Utilizzando questo enorme robot industriale, la Artis Engineering pensa  un giorno di essere in grado  di stampare oggetti grandi 100 metri cubicome 100 metri cubi di dimensioni.

“Per il momento   è ancora piuttosto sperimentale, e non vogliamo condividere il 100% dei nostri dati , ha spiegato Simon Lullin di Artis Engineering . “Abbiamo effettivamente utilizzato  un braccio  1.4 agganciato ad una Arduino 2560 per controllare l’estrusore e l’ugello. L’ugello ha cartucce di calore 2x40W, e due resistenze 100k. In realtà è un ugello modificato un E3D v6. Questo ci permette di stampare ad alta velocità, con spessori da  0,5 millimetri, 1 mm e 2,5 millimetri evitando inceppamenti e altri problemi. ”

Questo è solo l’inizio per Lullin e la squadra, però. Il loro obiettivo è di consentire a questo robot  di  stampare oggetti 3D grandi 100 metri cubi, ciò significa che una intero auto potrebbe essere stampata in un solo colpo. Questo non è tutto però, come spiega Lullin:

“Il nostro prossimo obiettivo è quello di sincronizzare perfettamente i movimenti del robot con l’estrusore (principalmente la velocità), che richiedono una montagna di nuovo hardware, visto che siamo già ai limiti in termini di quantità di ‘estensioni’. Questo è l’equivalente di aggiungere un ottavo asse al nostro robot. Ciò sarà fatto nei prossimi mesi. ”

Una sfida che dovranno affrontare è l’orditura di queste grandi stampe. Per contrastare potenziali problemi di deformazione, la Artis Ingegneria prevede di creare un enorme letto riscaldato costruito con semplici resistenze di potenza e “carichi” di alluminio.

Dovrebbe essere interessante seguire come la Artis Ingegneria continuerà a sviluppare questa stampante 3D potenzialmente rivoluzionaria. L’utilizzo di un braccio robotizzato, apre possibilità uniche per questa macchina.

Be the first to comment on "Kuca Quantec il braccio robotico che stampa volumi di 100 metri cubi un diverso concetto di stampante 3d"

Leave a comment