Kodak Portrait prova su strada test drive

Il mercato sub-industriale delle stampanti 3D è forse più competitivo di quanto non sia mai stato. I kit di stampanti 3D a basso costo hanno distrutto il mercato degli hobbisti, lasciando ai produttori solo quello che si potrebbe considerare come prodotto premium in questa arena .

È qui che la storica società di imaging Kodak scopre le sue carte. Rivelata a partire dal 2018, Kodak Portrait, la stampante 3D di debutto di Kodak, è pronto per il suo primo incontro.

Tuttavia, la stampante non è stata sviluppata dalla stessa Kodak. Infatti, Portrait  è il risultato del lavoro della startup argentina Smart International, che ha ottenuto i diritti per usare il nome illustre di Kodak.

Ripiegando la nuova immagine di Kodak come marchio per i professionisti della creatività, il ritratto di Kodak è un debutto di punta per l’azienda, portando con sé un ecosistema di materiali, caratteristiche di qualità della vita tra cui connettività cloud e controllo, oltre a profili di materiali di produttori per plug-and -play operazione.

Abbiamo visto la stampante da vicino a formnext e possiamo confermare che sembra il business. Ci sono poche stampanti che si incontrano senza difetti visibili o immediati, e il Ritratto di Kodak è uno di questi.

 

SPECIFICHE

La Kodak Portrait è una stampante 3D con modellazione di deposizione con fusione a fusione con estrusione professionale (FDM). Il prezzo è di $ 3,499, e si colloca esattamente tra  Ultimaker 3, MakerGear M3-ID e BCN3D Sigma R19 per quanto riguarda prezzo e capacità.

La stampa multi-materiale viene gestita su Kodak Portrait tramite una testina di stampa a doppio nucleo di stampa simile al concetto di “Print Core” di Ultimaker, introdotto in Ultimaker 3.

Accettando qualsiasi combinazione di PTFE e terminali completamente in metallo per soddisfare un’ampia varietà di requisiti di materiali, è interessante vedere un tale sistema ottenere una trazione. Nonostante le loro similitudini, l’implementazione di Kodak richiede un po ‘più di lavoro manuale per rimuovere l’alloggiamento della testina di stampa .

L’ugello inattivo viene retratto meccanicamente dalla stampa per aiutare a prevenire la trasudazione e creare transizioni pulite tra materiali e colori.

L’alimentazione di questa versatile testina di stampa è una doppia disposizione dell’estrusore Bowden, alimentata a sua volta da una delle inclusioni più interessanti del Kodak Portrait: cartucce di filamento riutilizzabili resistenti all’umidità.

Non la più alta tecnologia di funzionalità – essenzialmente due custodie in plastica trasparente con scomparti con scomparti per sacchetti di silice – queste unità compatibili con filamento Kodak significano che è possibile caricare filamenti igroscopici come il nylon (che fa parte dell’ecosistema di materiali Kodak per la stampante ) e stampare per giorni senza paura della miseria indotta dall’umidità. Non è rivoluzionario, ma una rarità riflessiva comunque.

Il ritratto Kodak ha un volume di stampa 200 x 200 x 235 mm, con un letto di vetro rimovibile che si aggancia con i magneti. Riscaldando a 105 e 295 gradi Celsius rispettivamente, il letto e le estremità calde sono proprio così per aiutare la macchina ad affrontare una vasta gamma di materiali tra cui HIPS, PETG e diversi gradi di nylon.

Una struttura rigida in acciaio con lati e soffitto in acrilico trasparente avvolge completamente la camera di stampa, creando un ambiente accogliente per la stampa di materiali sensibili alla temperatura. Un filtro aria HEPA e carbone attivo affronta i VOC rilasciati durante il processo di stampa, fino a un certo punto.

Il sistema di locomozione presenta rotaie lineari per la stabilità negli assi X e Y e una vite a ricircolazione di precisione per l’asse Z, in una disposizione di testa cartesiana-XY.

Pitching per operazioni senza sforzo, Smart International ha scelto di utilizzare l’esperienza di 3DPrinterOS per la generazione di lavori di stampa, il controllo della stampante e la gestione della fattoria. Scolpito nel caratteristico colore giallo di Kodak e marchiato come Kodak 3D Cloud, il software e l’interfaccia utente della stampante risultanti danno la priorità alla semplicità, con i profili dei materiali Kodak che eliminano le congetture e le prove ed errori spesso richiesti nella stampa.

Operabile tramite un browser Web da qualsiasi luogo con una connessione Internet, questo approccio cloud alla gestione della stampa consente a Portrait di inserirsi in una rete di macchine senza carico sulla macchina stessa. Un Raspberry Pi 3 integrato mantiene le cose a canticchiare, con il funzionamento diretto possibile tramite il touchscreen a colori da 5 pollici della stampante.

Il funzionamento offline è anche possibile tramite il Kodak 3D Slicer per la preparazione della stampa, spostando i lavori di stampa su Portrait tramite LAN o USB.

Nel complesso, il ritratto di Kodak è una proposta intrigante. Compresa una serie di caratteristiche di qualità della vita che la concorrenza diretta manca per un punto di prezzo simile invia un messaggio chiaro, e con un nome di famiglia bancabile schiaffeggiato sul davanti della macchina è, senza dubbio, una delle stampanti 3D più interessanti per lancio quest’anno.

SPECIFICHE GENERALI
Tecnologia: FDM
Anno: 2018
Assemblaggio: completamente assemblato
Disposizione meccanica: testa cartesiana-XY
Produttore: Kodak (Smart International)
MATERIALE
Diametro del filamento: 1,75 mm
Filamenti di terze parti: sì
Materiali compatibili: Kodak ABS, Flex 98, HIPS, Nylon 6, Nylon 12, PETG, PLA +, PLA Tough, PVA, altri 3rd-party
PROPRIETÀ DI STAMPA 3D
Precisione: XY +/- 12,5 micron, Z +/- 2,5 micron
Altezza dello strato: 20 – 250 micron
Sistema di alimentazione: Bowden
Tipo di estrusore: testina di stampa singola – doppio lato caldo
Dimensione dell’ugello: 0.4mm
Max. temperatura dell’estrusore: 295 ° C
Max. temperatura del letto riscaldato: 105 ° C
Max. velocità di stampa: –
Camera di stampa chiusa: sì
Livellamento del letto: automatico
Stampa letto: riscaldato
Display: touchscreen a colori da 5 pollici
Connettività: WiFi, LAN, USB
Fotocamera integrata: Sì
Extra: filtro aria carbone attivo HEPA +, cartucce a filamento antiumidità

Be the first to comment on "Kodak Portrait prova su strada test drive"

Leave a comment