Kisi il nuovo sistema per gestire le chiavi dell’ufficio e delle abitazioni attraverso lo smartphone

Kisi una sociatà con sede a Brooklin che presenta  un nuovo modello di serratura per uffici che non viene governata da chiavi ma dagli smartphone.

Avete mai dimenticato le chiavi di ufficio?Avete un collega che ha l’unica chiave per l’ufficio e lui non si presenta? Ci sono così tanti problemi con le chiavi quando c’è  bisogno di monitorare l’accesso ad una casa o ad un ufficio, e tutti prima o dopo abbiamo avuto qualche serio problema. Fortunatamente, una società tedesca con sede a  Brooklyn potrebbe avere la soluzione. Kisi ovvero un dispositivo  stampato in 3d app-controllato che sostituisce le tessere e le chiavi con il semplice tocco su un telefonino.

Questa intrigante alternativa per le chiavi di riserva è stato in fase di testing  per molto  tempo, e ora è finalmente pronta per la prima serata, con l’aiuto di MakerBot. Il tutto è iniziato in un piccolo ufficio a Monaco di Baviera, in Germania come Kisibox nel 2012, che  ha ottenuto molta attenzione nelle competizioni di innovazione. Nel 2012 ha vinto il Gründerwettbewerb IKT Innovativ ospitato dal ministero tedesco per gli affari economici e energia,  è stata trasferita in America a New York dove ha vinto il NYC Next Idea Competition (premio in denaro di 35.000 $).
Come spiega Alex Shamy, la loro idea nasce dalle frustrazioni a cui sono stati sottoposti nell’uso delle chiavi dell’ufficio. “I nostri fondatori hanno lavorato in una società di macchine per il fitness cloud-based che cresceva da cinque dipendenti a 50 in un anno”, ha spiegato  Alex Shamy. “Essendo due dei primi dipendenti, si sono trovati con 50 colleghi e solo cinque chiavi di sicurezza. Cosa Che non ha migliorato esattamente la sicurezza in ufficio, tutti giravano senza controllare chi era alla porta “Questa frustrazione è cresciuta in una soluzione software che emettale chiavi e l’accesso digitale: Kisi nasce dalla combinazione delle parole Key e  easy  la chiave facile.

Quindi, come funziona? Kisi è essenzialmente un sistema di controllo di accesso senza chiave per gli uffici che consente la gestione dell’ accesso attraverso il web. Un dispositivo di stampa 3D è installato sul pannello di sicurezza principale ed è integrato in qualsiasi sistema di  chiavi a tessere esistente. Ma invece di strisciare una key-card, è necessario utilizzare l’applicazione Kisi per sbloccare la porta. “Una volta installato, il dispositivo è collegato alle principali porte di accesso e si connette al WiFi dell’Ufficio”, spiega Alex Shamy. “Gli Office manager possono quindi connettersi al dashboard di KISI sul web e iniziare la distribuzione delle chiavi smartphone ai dipendenti. Le chiavi possono essere limitate nel tempo, allla data, alla porta e alla serratura. “Una volta che un dipendente si connette alla rete Wi-Fi, Kisi riconoscerà ciò che farà il dipendente.

E abbastanza interessante, la tecnologia di stampa 3D è fondamentale nella produzione di dispositivi Kisi. E ‘ un hardware essenzialmente costituito da componenti della scheda a circuito stampato (PCB). Questo è incorporato in un box stampato in 3D  , una tecnologia scelta per le sue possibilità di prototipazione e collaudo veloci. “Sviluppiamo tutto il nostro hardware fisico in sprint, un metodo che viene normalmente riservato per lo sviluppo mobile”, ha spiegato Shamy. “Ecco perché a volte la stampa 3D è l’unico modo per ottenere un prodotto sul mercato all’interno delle nostre tempistiche. Fare uno strumento, ordinando le componenti dall’Asia e in attesa della spedizione che prende spesso da sei a otto settimane è troppo lungo per la nuova tecnologia di oggi “.

In realtà, la società ha rivelato che  un fornitore con  tecnologie tradizionali richiederebbe molto più tempo e denaro rispetto alla stampa 3D. Un venditore ci ha fatto pagare   10.000 dollari per cinque prototipi identici, che sarebbero stati sviluppati in più di tre mesi, mentre un fornitore d’oltremare ha chiesto   5.000 dollari  per cinquee due mesi di tempo.  Questo è il motivo per cui si sono rivolti a MakerBot, con la Replicator 2  si stampano più case al giorno ad una frazione di costo.

Di conseguenza, la stampa 3D è stata ampiamente utilizzata nella prototipazione di Kisi. I loro prodotti sono ancora in fase di perfezionamento attraverso il feedback dei primi clienti, e ogni nuova iterazione viene prodotta in ufficio per circa 2,50 dollari di  costi per il filamento.
Sembra innegabile che la stampa 3D abbia svolto un ruolo chiave nello sviluppo di questo concetto interessante, che è già diventato un must a New York e dintorni, dove centinaia di aziende tecnologiche e start-up hanno adottato Kisi. “KISI è perfetta per spazi di co-lavoro con un elevato turnover  e per start-up in rapida crescita. Dà il responsabile dell’ufficio ha una chiara comprensione di chi ha accesso e a che ora e luogo “, spiega Shamy. “Quando un dipendente o un inquilino lascia, l’accesso può essere revocato immediatamente. Le nuove chiavi vengono rilasciati immediatamente.

Be the first to comment on "Kisi il nuovo sistema per gestire le chiavi dell’ufficio e delle abitazioni attraverso lo smartphone"

Leave a comment