Kijenzi la start-up umanitaria di Penn State in aiuto al Kenia con forniture mediche stampate in 3d

LA STARTUP DI PENN STATE KIJENZI FORNISCE ALLE COMUNITÀ DEL KENYA FORNITURE MEDICHE STAMPATE IN 3D

Kijenzi , una start-up umanitaria del College of Engineering della Pennsylvania State University , sta aiutando strutture sanitarie remote in Kenya con forniture mediche stampate in 3D .

La visione iniziale di Kijenzi mirava a utilizzare le sue stampanti 3D portatili e personalizzate per produrre rapidamente apparecchiature per la salute come apparecchi, morsetti e pompe per vuoto a costi contenuti. Tuttavia, quando l’iniziativa ha iniziato a funzionare nella comunità keniota, il team ha concluso che l’accesso ai file di progettazione CAD necessari per stampare l’attrezzatura era più limitato rispetto all’hardware.

Pertanto, la start-up è passata dalla fornitura di stampanti 3D allo sviluppo di un sistema basato su cloud, consentendo l’accesso a file stampabili 3D per ospedali e medici. John K. Gershenson, co-fondatore di Kijenzi e direttore del programma Penn State Humanitarian Engineering and Social Entrepreneurship (HESE) ha spiegato:

“I NOSTRI CLIENTI SONO STRUTTURE SANITARIE CHE NON HANNO ACCESSO ALLE CATENE DI APPROVVIGIONAMENTO DI CUI HANNO BISOGNO E OLTRE IL 40% NON DISPONE DELLE ATTREZZATURE NECESSARIE PER TRATTARE I PROPRI PAZIENTI. PORTIAMO LA CAPACITÀ DI PRODURRE LOCALMENTE CIÒ DI CUI HANNO BISOGNO, QUANDO NE HANNO BISOGNO. QUESTO È UN PUNTO DI SVOLTA PER L’ACCESSO ALLE CURE. “

Stampa 3D con uno scopo

Gershenson e Benjamin Savonen, un dottorando in ingegneria meccanica, hanno co-fondato l’impresa Kijenzi con l’aiuto di vari programmi di sostegno imprenditoriale a Penn State, in particolare il programma Penn State HESE . Ciò sfida gli studenti e i docenti a creare soluzioni basate sulla tecnologia che influenzeranno positivamente coloro che vivono in comunità a basso reddito utilizzando modelli di business sostenibili.

Kijenzi è stato ulteriormente sviluppato attraverso la sua partecipazione al programma TechCelerator del Ben Franklin Technology Center . Gershenson ha aggiunto: “Il TechCelerator ci ha dato il tempo e i feedback di cui avevamo bisogno per creare la storia di Kijenzi in modo tale che tutti potessero capire quello che stiamo facendo”.

Savonen ha identificato la necessità di nuove attrezzature di laboratorio mentre insegnava in Africa. Ciò ha portato l’avventura nelle aree rurali del Kenya. La stampa 3D è stata riconosciuta come una soluzione appropriata per la produzione di articoli difficili da ottenere come modelli anatomici, pezzi di ricambio e dispositivi per terapia occupazionale, che contribuiscono al benessere degli altri.

In molti casi, le catene di approvvigionamento possono essere limitate a causa di macchinari rotti e obsoleti e difficoltà logistiche. Kijenzi ha affrontato queste limitazioni con il suo sistema basato su cloud che contiene circa 400 parti nel suo inventario.

Le apparecchiature stampate in 3D sono state testate e utilizzate all’interno di istituti di formazione collaborativi e strutture mediche. Kijenzi si sta preparando a lanciare un programma iniziale in Kenya a maggio.

Allo stesso modo, lo scorso anno, Field Ready , un’organizzazione no-profit con base in Illinois, ha affrontato le sfide logistiche, le esigenze mediche e sociali del Sharia Camp in Iraq con nuovi saponi con giocattoli stampati in 3D all’interno .

Be the first to comment on "Kijenzi la start-up umanitaria di Penn State in aiuto al Kenia con forniture mediche stampate in 3d"

Leave a comment