Keppel Offshore & Marine ottiene l’approvazione dai Lloyd’s Register (LR) per la stampa 3d di componenti in acciaio di qualità offshore

KEPPEL O&M RICEVE L’APPROVAZIONE DAL LLOYD’S REGISTER PER LA STAMPA 3D DI COMPONENTI IN ACCIAIO DI QUALITÀ OFFSHORE

Keppel Offshore & Marine (Keppel O&M), la divisione marittima del conglomerato di Singapore Keppel Corporation , è stata certificata dall’azienda di valutazione indipendente globale Lloyd’s Register (LR) per produrre acciaio di qualità offshore utilizzando la tecnologia Laser Aided Additive Manufacturing (LAAM).

In collaborazione con la Nanyang Technological University (NTU) di Singapore e il Singapore Institute of Manufacturing Technology (SIMTech), Keppel O&M stamperà ora componenti in acciaio di alto valore per l’industria navale. Sfruttando la tecnologia LAAM di SIMTech, Keppel O&M mira a produrre parti in acciaio di tipo offshore con tempi di produzione più rapidi e una maggiore redditività economica. Aziz Merchant, direttore esecutivo di Keppel Marine & Deepwater Technology, commenta: “Questa certificazione è il primo passo per noi per produrre componenti di alto valore essenziali per le strutture offshore e marine”.

“LA PRODUZIONE ADDITIVA O LA STAMPA 3D, COME È PIÙ COMUNEMENTE NOTO, ACCELERERANNO I TEMPI DI PRODUZIONE, IL CHE A SUA VOLTA PUÒ AIUTARE A PORTARE A TERMINE I PROGETTI MOLTO PIÙ RAPIDAMENTE.”

Con sede a Singapore, le attività di Keppel O&M si concentrano sulla progettazione, costruzione e riparazione di impianti offshore, riparazione e conversione di navi e costruzioni navali specializzate. La società è al servizio dell’energia globale offshore e dei settori marittimi. La sua società madre, Keppel Corporation, ha anche diverse società affiliate specializzate in proprietà, infrastrutture e gestione patrimoniale.

Oltre a ridurre i tempi di consegna dei progetti, Keppel O&M e i suoi partner hanno cercato di utilizzare la stampa 3D per alleviare i limiti delle risorse, ridurre l’impronta di carbonio associata alla produzione e offrire risparmi a lungo termine. L’azienda collabora al progetto con NTU e SIMTech da oltre tre anni: “Siamo lieti di collaborare con NTU e SIMTech dal 2016 allo sviluppo della tecnologia AM e la certificazione LR dimostra che i componenti che produciamo utilizzando questo metodo sono sicuri e adatto allo scopo – qualcosa di fondamentale per la nostra attività “, aggiunge Merchant.

I ricercatori NTU hanno completato i test su oltre 50 parti in acciaio di qualità offshore stampate in 3D con la tecnologia LAAM di SIMTech. I test hanno compreso un’analisi delle proprietà di resa, trazione, allungamento, fatica e resistenza del materiale. A seguito dei test, i ricercatori hanno determinato che il processo di stampa 3D e le proprietà dei materiali soddisfacevano i requisiti stabiliti dalla specifica A131 dell’American Society of Testing and Materials (ASTM), ricevendo quindi la successiva approvazione LR.

Inizialmente una società di classificazione marittima, LR si è affermata come fornitore leader internazionale di servizi professionali per ingegneria e tecnologia. In tempi recenti, la società ha dimostrato un maggiore supporto per la crescente industria manifatturiera degli additivi , fornendo un servizio di certificazione delle parti fabbricato in modo additivo per tutti i verticali, dalle parti legate alla classe marittima a petrolio e gas a monte ea valle. Nel 2017, con The Welding Institute (TWI), è diventata la prima organizzazione a pubblicare note di orientamento sulla certificazione delle parti metalliche prodotte dalla produzione additiva. Alla fine del 2019, la società ha collaborato con il National Additive Manufacturing Innovation Cluster (NAMIC) di Singapore , Autodesk, ST Engineering e AML3D lanceranno un concorso di progettazione per un’imbarcazione di salvataggio stampata in 3D su larga scala .

Hussain Quraishi, Senior Consultant del Singapore Advisory Centre di LR, ha dichiarato: “È bello vedere come AM possa apportare benefici così positivi, non solo alle aziende con cui stiamo lavorando, ma anche ai loro clienti. AM è una tecnica altamente innovativa a cui sempre più aziende si stanno orientando per offrire componenti di alta qualità da utilizzare in progetti in una vasta gamma di settori. “

LAAM è una tecnologia basata su CNC che utilizza un raggio laser focalizzato sull’energia per la deposizione del materiale. Con un controllo aggiuntivo sull’ingresso di calore del laser, il processo LAAM può ottenere una granulometria raffinata e una microstruttura su misura, con conseguente miglioramento delle proprietà meccaniche, dell’usura e della resistenza alla corrosione. In precedenza è stato utilizzato per costruire e riparare prodotti simili a profili alare e turbocompressori. Acciai a bassa lega ad alta resistenza, acciai inossidabili, leghe di alluminio e titanio sono inclusi nel suo portafoglio di materiali.

La tecnologia è stata sviluppata presso SIMTech, un istituto di ricerca dell’Agenzia per la scienza, la tecnologia e la ricerca (A * STAR), un consiglio statutario del Ministero del commercio e dell’industria di Singapore . A * STAR supporta principalmente la ricerca e lo sviluppo in settori a vantaggio competitivo e esigenze nazionali per Singapore.

La tecnologia LAAM di SIMTech ha già visto applicazioni nell’industria navale. In precedenza, Sembcorp Marine aveva firmato un protocollo d’intesa con SIMTech, la società di assicurazione della qualità e gestione dei rischi DNV GL e NAMIC. Parte dell’accordo comprendeva la fabbricazione di strutture su larga scala per le nuove navi e la riparazione dei componenti mediante il processo LAAM a Singapore.

In effetti, Singapore ha dimostrato una crescente esperienza nella stampa 3D per il settore marittimo. Nel 2018 l’ Autorità marittima e portuale di Singapore (MPA) ha avviato un programma congiunto dell’industria (JIP) volto ad accelerare la produzione di additivi nel settore marittimo.

Da allora, si sono verificati una serie di sviluppi, tra cui la nomina di DNV GL come principale ricercatore del JIP per collaborare con 10 compagnie dell’Associazione delle navi di Singapore (SSA) ed esaminare l’efficacia in termini di costi e tempo delle parti stampate in 3D per le navi della marina . Inoltre, l’AMP ha sostenuto un programma di adozione anticipata (EAP) lanciato dal gruppo dell’industria marittima globale Wilhelmsen e l’ufficio di servizio di produzione additiva Ivaldi Group per fornire parti di ricambio stampate in 3D su richiesta a navi e altre navi a Singapore.

Be the first to comment on "Keppel Offshore & Marine ottiene l’approvazione dai Lloyd’s Register (LR) per la stampa 3d di componenti in acciaio di qualità offshore"

Leave a comment