Keith Lonsdale e la faccia stampata in 3d

Un volto stampato in 3D che permette all’uomo di tenere la testa alta e  tornare nel mondo di nuovo dopo una battaglia contro un cancro orrendo.

Keith Lonsdale e la faccia stampata in 3d dopo un cancro 05Keith Lonsdale,  74 anni, padre di tre figli, e nonno di otto ora può sentirsi sicuro e andare al suo pub a mangiare e a giocare a freccette come era solito fare, prima dell’aggressivo carcinoma basocellulare che gli ha fatto perdere il naso , zigomi, mascella superiore, e gran parte del suo palato. Lonsdale sta combattendo da quasi 25 anni, prima con il cancro e poi con la ricerca di una protesi che gli permettesse di mangiare, bere, e comunicare comodamente. Ha avuto diversi tipi di protesi facciali, ma nessuna dava dei risultati decenti. La prima maschera  doveva essere incollata e spesso scivolava fuori dal suo volto. Come risultato, ha dovuto portare in giro un pezzo di elastico, nel caso in cui la faccia cominciasse  a scivolare  . La moglie di Lonsdale, Marjorie, spieg che la prima maschera non era per nulla somigliante e questo era frustrante per lei e la sua famiglia.

La seconda maschera era anch’essa incollata, e Keith haveva aggiunto della plastica ai lati da legare intorno alla testa, ma, alla fine, la maschera si è allungata e ha perso la sua forma. La terza maschera ha implementato delle cinghie in velcro per fissarsi intorno alla testa di Keith,ma anche questa era inadatta.

la Nuova maschera stampata in 3d di Keith è nata dalla collaborazione  di chirurghi, scienziati, e di suo figlio Scott di 43 anni. Il figlio di Lonsdale ha trascorso sei ore presso l’ospedale per  essere fotografato con una fotocamera 3D. Poi, le immagini di Scott e di suo padre sono stati caricate in software CAD, in cui un programma è stato utilizzato per riempire i pezzi mancanti del volto di Keith. Il team dice al Nottingham Post, “Abbiamo utilizzato una nuova telecamera 3D per creare immagini di  Keith e di suo figlio, così abbiamo potuto letteralmente riempire i vuoti sul computer. Abbiamo poi stampato la forma con una stampante 3D, duplicata questa forma in cera e perfezionata per riprodurre la struttura della pelle con dettagli precisi. La fase finale si è fatta utilizzando una tecnica di 5000 anni fa per creare uno stampo in materiale siliconico realistico. Ora che abbiamo perfezionato lapelle  si può creare il numero di versioni di cui ha bisogno e può anche cambiare i toni della pelle quando si va in vacanza. ”
Infine, i chirurghi hanno estratto parte dell’osso pelvico di Lonsdale e lo hanno montato in modo che il suo volto cioè  la maschera potesse essere fissato con magneti al posto dell’ elastico . La parte migliore di tutto il processo è che, se succede qualcosa a questa protesi, può facilmente essere duplicata
Ora che Keith si sta godendo la sua nuova protesi che gli toglie anche qualche anno

 

Be the first to comment on "Keith Lonsdale e la faccia stampata in 3d"

Leave a comment