Julia Daviy la stilista che crea vestiti green

Incredibile ma i vestiti sonoun problema serio nel trattamento dei rifiuti. Secondo il Council for Textile Recycling , il cittadino americano medio butta via 3o chili di vestiti o altri tessuti ogni anno ( e da italiani 30 chili sono davvero tanti non so neanche se ho acquistato 30 chili di vestiti nella mia vita ), e l’Environmental Protection Agency stima che circa il 5% dello spazio nelle discariche sia occupato da rifiuti tessili. Molte persone non si rendono conto che molte cose che buttano via possono essere donate . Ad esempio, se un capo di abbigliamento ha una macchia o un buco, le persone presumono che non sia abbastanza buono da donare e buttarlo via. Tuttavia, molte organizzazioni di beneficenza, non sono come le Caritas e non tutte sono organizzazioni di beneficenza .

Certo, se i nostri vestiti fossero biodegradabili non dovremmo preoccuparci di cosa fare con i nostri vestiti logori – potremmo semplicemente gettarli in un mucchio di compost. La maggior parte dell’abbigliamento non è completamente biodegradabile, a meno che non sia cotone o lana al 100%. Ma una designer di nome Julia Daviy  sta creando un nuovo tipo di moda biodegradabile – in plastica stampata in 3D. Daviy, ecologista e responsabile del settore delle tecnologie pulite che ha iniziato a sperimentare con la stampa 3D nel 2016, ritiene che la stampa 3D cambierà il modo in cui viene prodotto l’abbigliamento , forse addirittura sostituendo i tessuti tradizionali alla fine.

“Il filamento non è ancora pronto per sostituire completamente il tessuto, ma è solo questione di tempo”, ha detto. “Così com’è oggi, la tecnologia è già abbastanza buona per creare abiti migliori di certi materiali, come la pelle. Ad esempio, ho creato un top e una gonna che sembrano come se avessi usato un laser per tagliarli in modo complicato da un pezzo di pelle, ma è completamente flessibile e biodegradabile, a base vegetale. Era più veloce, più economico e più sostenibile rispetto all’uso della pelle. ”

Tra i suoi pezzi ci sono abiti e top stampati in lacy e fantasia, e, a differenza della maggior parte della moda stampata in 3D, sembra che possano essere indossati in un posto diverso da una passerella . Oltre ad essere biodegradabile, l’abbigliamento di Daviy è rispettoso dell’ambiente perché non ha bisogno di essere prodotto in serie e immagazzinato – un cliente può semplicemente comprare un file di disegno e stampare un pezzo a casa in 3D, che è molto più etico rispetto al modo in cui l’abbigliamento è prodotto attualmente.

“Metà dei tessuti utilizzati nella produzione si trasformano in rifiuti proprio all’inizio del processo di produzione e l’industria della fast-fashion utilizza metodi di produzione economici che spesso implicano la schiavitù”, ha affermato Daviy.
Permettere ai clienti di stampare in 3D i propri indumenti a casa potrebbe anche consentire loro di apportare modifiche personalizzate se lo desiderano, che è un’idea accattivante per molti che desiderano qualcosa di più personale rispetto agli indumenti di produzione di massa. La stessa Daviy utilizza sia stampanti 3D che penne per la stampa 3D per produrre la sua moda, e mentre lei ha avuto una formazione specializzata nella tecnologia, crede che sia accessibile a chiunque.

“Ho creato questo top (su di me) con la tecnologia 3D senza fili , senza punti. Inoltre non ho avuto bisogno di alcun tipo di tessuto per questa creazione di alto livello e qualsiasi tipo di coinvolgimento del lavoro. Questo top è riciclabile facilmente, quindi quando non mi piacerà più, potrei farne un altro da questo materiale. Non è bello? “Dice Daviy.
L’uso della stampa 3D ha permesso a Daviy di passare dal consumatore al creatore, una transizione di cui è orgogliosa.

“L’idea di uno stile di vita rispettoso dell’ambiente e della sua esplorazione, i tentativi di vivere una vita non dannosa e dolorosa per altri terrestri e per la Terra è stata la ragione e l’inizio del mio percorso per studiare il Design Thinking e le diverse tecnologie. Quando ho acquisito maggiore familiarità con la stampa 3D, mi rendo conto di quale enorme potere di trasformazione abbia “, spiega nel suo sito web.

“Oggi, credo che la stampa 3D sia il modo più sostenibile per rivoluzionare lo sviluppo della maggior parte delle industrie, inoltre è sostenibile da solo.

“Più ho studiato, più comprendo come la combinazione dei metodi di Design Thinking e 3D Printing (e progettazione 3D) possa offrire soluzioni migliori a persone, startup e ogni organizzazione.

“E sono diventato ossessionato dall’idea di trasformare noi, la società dei consumatori nella società dei creatori. È così che tutto è iniziato. ”

Be the first to comment on "Julia Daviy la stilista che crea vestiti green"

Leave a comment