Jonathan Jaglom di Makerbot e i progetti per un misterioso sistema di networking legato a Thingiverse

Il Ceo di MakerBot  esprime ottimismo per il futuro della società  e punta su un grande progetto di networking che coinvolge Thingiverse.

E’ stato un anno difficile per MakerBot, con licenziamenti e chiusure di negozi, così come sono stati deludenti risultati del terzo trimestre, causando molte voci negative nel settore. Il CEO Jonathan Jaglom non è preoccupato, però. Jaglom si è occupato  della ristrutturazione e della ridefinizione delle priorità della società nel tentativo di rendere l’organizzazione più forte per il  2016. Jaglom è ottimista per il  futuro, e, in una recente intervista con il New York Business Journal, ha parlato dei prossimi obiettivi di MakerBot, tra cui un misterioso progetto di networking .
MakerBot non è stata l’unica  azienda che ha subito perdite nel 2015. E ‘stato un anno nel complesso deludente per l’industria della stampa 3D , che Jaglom però attribuisce ad aspettative non realistiche.
“L’anno scorso c’è stato un picco di aspettative che non si sono realizzate nei tempi che ci si aspettava. Aspettavamo un mercato consumer  più maturo  di quanto la realtà suggeriva. ”

I licenziamenti erano necessari per MakerBot perconcentrarsi sui propri punti di forza, ha proseguito, a scapito di alcuni dei suoi sforzi di minor successo. Uno di questi tentativi di minor successo è stata la MakerBot Digital Store, che non ha preso piede nel modo in cui la società pensava  “. MakerBot ha spostato la propria attenzione sul miglioramento del proprio  firmware e del proprio software  .
Parte della riorganizzazione del personale che Jaglom ha  intrapreso ha lo scopo di creare più squadre locali di gestione per le divisioni globali di MakerBot, piuttosto che continuare a gestirle da lontano. Tale ristrutturazione assicura che ogni divisione ha un team di gestione che è a conoscenza nei dettagli della situazione delle proprie operazioni.

Makerbot  è stata uno delle più attive e visibili  per  dotare di  stampanti 3D le scuole, assicurandosi che programmi di stampa 3D educativi siano ampiamente riconosciuti nel maggior  numero di scuole possibili.

Quando si parla di piani futuri per MakerBot  Jaglom però è un po ‘criptico, accennando a un progetto imminente che potrebbe utilizzare Thingiverse e le sue funzionalità di rete per collegare gli educatori in una sorta di internet del sistema .
“Abbiamo stampanti in oltre 5.000 scuole e stiamo dando gli insegnanti l’accessibilità attraverso Thingiverse per imparare e per aiutarli nei loro corsi”, ha detto Jaglom. “Immaginate se si potesse lasciare che gli insegnanti comunichino direttamente tra loro. Un insegnante in Australia potrebbe tenere una lezione di matematica in quarta elementare utilizzando una Makerbot e poi in streaming  attraverso i  mezzi di comunicazione … potrebbe inviarla a qualcuno qui a New York City . Ma non stiamo parlando solo di due insegnanti, stiamo parlando di mezzo milione di utenti attivi su Thingiverse. Se riusciamo a legare tutto questo insieme e a creare un’esperienza che sia lineare e semplice da usare, ecco l’immensità, e la potenza  che può scaturire “.
Nessun’altra informazione è stata offerta, ma un progetto di networking su scala descritto da Jaglom potrebbero davvero essere innovativo.

Be the first to comment on "Jonathan Jaglom di Makerbot e i progetti per un misterioso sistema di networking legato a Thingiverse"

Leave a comment