John Jordan, della Penn State University la stampa 3d sta sostituendo la produzione di massa con la personalizzazione

i magazzini si svuotano mentre la personalizzazione della stampa 3D uccide la produzione di massa?

John Jordan, della Penn State University , comprende le vaste implicazioni della tecnologia di stampa 3D sul mondo e sulla produzione industriale. La produzione come la conosciamo, insieme al modo in cui creiamo geometrie più complesse e le presentiamo, è, e sarà ulteriormente sconvolta da una tecnologia che consente di creare innovazioni più velocemente, migliori e più convenienti, ma anche in modi che non ci saremmo mai aspettati prima. Jordan si concentra sui cambiamenti che vedremo nella progettazione organizzativa, riguardanti le decisioni in termini di volume di produzione a livello manageriale e quali parti saranno stampate in 3D, come le opzioni di personalizzazione continueranno a crescere e quale livello di istruzione sarà richiesto per le imprese e i loro dipendenti adottano nuove pratiche nell’era digitale.

Jordan è attento a valutare la stampa 3D e il suo impatto relativo in modo realistico, capendo che non vi è alcuna garanzia che “costringerà a un cambiamento”, o addirittura comincerà a sostituire la produzione di massa convenzionale come la conosciamo. Capisce che gli umani, nelle loro forme più elementari di creazione e produzione, hanno tre possibilità: aggiungere, modellare o sottrarre. La stampa 3D e la produzione additiva sono arrivate e ci hanno offerto nuove scelte per la produzione on-site e on-site e spesso in località remote; grandi esempi di questo sono i paesi in via di sviluppo , le installazioni militari e l’ industria del petrolio e del gas .

Le opportunità sono vaste nella personalizzazione e la Giordania fa riferimento a esempi negli apparecchi acustici e nei mercati ortodontici . L’improvvisa disponibilità di tecnologia per produrre geometrie complesse che possono essere create attraverso la modellazione 3D e perfezionate secondo necessità, in modo rapido e conveniente, offre un’ampia libertà anche – e non solo alle aziende ma a chiunque stia progettando e ingegnerizzando parti, pezzi o prototipi.

Nella sua ricerca, Jordan guarda ai leader del settore automobilistico come Mercedes e Porsche , che utilizzano entrambi la stampa 3D in polimeri e metallo, oltre a fabbricare parti che sono diventate obsolete e che sarebbe molto difficile da ordinare o trovare oggi.

“Spostare il luogo e la scala di produzione a sua volta influenza le dimensioni e le attività dell’organizzazione di acquisto, la funzione di gestione dell’inventario e, naturalmente, le fabbriche”, afferma Jordan. “Le riparazioni in precedenza impossibili (come la ricostruzione di denti rotti su un ingranaggio grande, complesso e / o obsoleto) possono diventare fattibili. Le previsioni potrebbero dover diventare molto più granulose, reattive e localizzate per riflettere le strutture produttive più piccole più vicine alla domanda finale. “

La maggior parte dei consumatori si entusiasma delle personalizzazioni. Proprio come la stampa 3D sta permettendo al campo medico di diventare ‘paziente-specifico’ e consentendo una migliore qualità della vita per i pazienti, all’interno del regno dei consumatori, questo significa che scarpe e una varietà di differenti acquisti di dimensioni potrebbero essere fattibili in futuro essere fatto su misura ogni volta È innegabile, tuttavia, che produttori e dettaglianti, così come gli acquirenti, siano profondamente radicati nei processi convenzionali e Jordan prevede che “la catena di approvvigionamento dovrà essere riconcepita e riconfigurata, con implicazioni organizzative significative”. Dichiara inoltre che attualmente le “capacità di definizione” della stampa 3D non vengono utilizzate per il loro potenziale, che molti concorderanno, e forse lo considereranno anche un enorme understatement.

Jordan di nuovo porta avanti l’esempio dell’industria degli apparecchi acustici:

“Per progettare un processo di personalizzazione di massa da zero, la chiave è iniziare con unità di domanda uniche: cos’è che viene personalizzata e con quali parametri? Il mercato degli apparecchi acustici è istruttivo in questo senso: gli audiologi locali misurano le perdite uditive e le dimensioni dell’orecchio del cliente, quindi alimentano questi dati nel processo “, afferma Jordan. “In assenza di un flusso costante di tali ordini personalizzati, la” massa “nella personalizzazione di massa non si materializza a livelli economicamente interessanti. In quale altro modo le merci personalizzabili possono trovare acquirenti volenterosi, chi può essere servito da montatori e configuratori con accesso alla capacità di stampa 3D in qualche forma o forma? “

Quando i proprietari di attività si rendono conto che la stampa 3D è una possibilità e iniziano ad espandersi sui benefici, “i processi vengono ridefiniti”. È piuttosto sbalorditivo considerare che con una personalizzazione così estrema disponibile, piuttosto che molte decine o centinaia o migliaia, molti potrebbero essere comunemente ridotti a uno solo.

Jordan immagina un ‘organizzazione additivo-native’ come uno che ‘cedere il passo a generalisti agili,’ con i prodotti ‘più vicini ai clienti finali’ e magazzini che diventeranno abbastanza vuoto a causa di consumatori che iniziano a fare affidamento su oggetti realizzati appositamente per le loro dimensioni e gusto.

Come ulteriore vantaggio per le imprese e i livelli di redditività, vede anche aumentare il capitale disponibile complessivo poiché metodi convenzionali e costosi come gli utensili potrebbero non essere necessari ei materiali possono essere molto più economici, a seconda del tessuto o del metallo.

“Infine, l’investimento di capitale nell’attrezzatura di produzione additiva è altamente adattabile: è una cosa che può fare molte cose diverse. Al contrario, gli stampatori, gli stampi e le matrici sono strettamente vincolati e difficili o impossibili da adattare al mutare delle condizioni di mercato. Pertanto, l’organizzazione finanziaria e contabile dovrà affrontare nuovi parametri, potenzialmente correlati alla flessibilità e ai costi “, afferma Jordan.

“Queste misure interne saranno giudicate da investitori e analisti esterni. Alla fine, i mercati azionari si aspettano nuovi obiettivi di performance, quindi l’orientamento degli utili si evolverà, facendo pressione sulle analisi e sui report finanziari tradizionali. “

La disponibilità di così tanti nuovi materiali sta portando anche la stampa 3D più in là, e Jordan punta alla stampa 3D su scarpe da corsa, con aziende come Adidas e Carbon che lavorano insieme , e su scala più grande nell’aerospaziale con GE che sviluppa stampe 3D ugelli del motore aeronautico .

Le incursioni di GE sono notevoli e vaste nella stampa 3D e nella produzione additiva, ma nel caso di un’innovazione come gli ugelli, GE dimostra una lunga lista di vantaggi derivanti da risparmi in termini di costi, tempi di sviluppo e altro, inclusi costi di carburante. Gli elementi del design coinvolti sono giudicati poco costosi dalla Giordania, ma dal punto di vista finanziario, la “curva di apprendimento del consolidamento delle parti” dovrebbe essere navigata e nello studio di questo progetto, Jordan fa un’osservazione astuta che se guardiamo alla stampa 3D nella mentalità della produzione di massa ci saranno ostacoli

GE sta stampando enormi ugelli 3D per motori di aerei. (Foto: GE Reports )

“Piuttosto, con una gamma ampliata di possibilità, le ipotesi esistenti dovranno essere testate. Ad esempio, nel campo del decentramento, non si dovrebbe presumere che la stampa 3D guidi la maggior parte della produzione da strutture centralizzate verso la periferia, ma non si può continuare a considerare la centralizzazione come predefinita. In breve, ciascuno dei quattro domini [discussi] rappresenta un insieme di decisioni che i progettisti ei manager organizzativi dovranno ora affrontare con deliberazione cosciente piuttosto che con assunzioni precedentemente limitate. Le interrelazioni tra questi domini di cambiamento – e altre che emergeranno – rimangono da scoprire “, afferma Jordan.

Be the first to comment on "John Jordan, della Penn State University la stampa 3d sta sostituendo la produzione di massa con la personalizzazione"

Leave a comment