Jenny Filipetti Breath Vessels i respiri catturati e trasformati in vasi di argilla

L’ Artista Jenny Filipetti riunisce la respirazione e l’argilla stampata in 3D nella sua  ” Breath Vessels”

La Semiotica è lo studio della teoria filosofica dei segni e dei simboli, ed è strettamente legata alla linguistica, ma la semiotica tiene conto anche dei sistemi simbolici non-linguistici, .

Jenny Filipetti usa il suo background in semiotica per considerare e creare oggetti che vedano il concetto di arte come “sforzo evolutivo”.

“Come artista, cerco di capire i sistemi in cui viviamo e di come  ci riguardano”, dice la Filipetti. “Questo mi rende, per molti versi, una  specie di ricercatrice che rovistando nelle masse di dati per trovare un accenno di qualcosa di più profondo che si preannuncia per il nostro mondo. Dati altrimenti dimenticati. Questi sono i dati dell’immateriale: ” la Forma delrespiro, la composizione dell’aria ”

Filipetti chiede inoltre a se stessa una “machinophile” una filosofia delle macchine che tenta di capire le “logiche delle macchine” tutto intorno a noi. Lei dice che non c’è ragione per cui non dovremmo “cantare insieme con le voci dei compressori e delle pompe ad aria.”

A tal fine, Breath Vessels il progetto di Filipetti è un’esplorazione di queste idee, utilizzando tecnologie di stampa 3D e l’elettronica per generare modelli 3D virtuali in tempo reale.

Il volume e la velocità di questi respiri in un dato momento durante l’espirazione determina la larghezza del diametro dello strato di un vaso che viene poi stampato in ceramica su una stampante 3D tipo delta; la Filipetti sostiene che  ciascuno dei vasi risultanti cattura “un momento unico: la diffusione di un nuovo sé  in aria, congelato nel tempo. ”

La stampante utilizzata per creare i vasi si basa sul design dell’artista Jonathan Mastio, ed è alimentata da una scheda Arduino dotata di un accelerometro e di un anemometro  che cattura il respiro.

Le letture dell’accelerometro e degli anemometri vengono trasferiti in  un algoritmo, che poi genera il modello 3D in tempo reale in risposta al modello del respiro misurato. Tali dati diventano un file .STL per l’output di stampa, e un’immagine di quel modello virtuale viene catturato e inserito in un “archivio” dei campioni respiratori individuali.

” Breath Vessels richiama l’attenzione sulla natura fisica stessa di questo rituale di sostegno vitale”, dice Filipetti. “Così come le parole immateriali possono avere effetti tangibili nel mondo, il nostro respiro è profondamente legato sia alla nostra vita biologica ed emotiva, e quindi ha anche effetti reali su noi stessi e sul  nostro mondo.”

Filipetti dichiara  che il progetto si avvale anche della  biblioteca Toxiclibs di Karsten Schmidt.

Be the first to comment on "Jenny Filipetti Breath Vessels i respiri catturati e trasformati in vasi di argilla"

Leave a comment