James Boag e le nuove bottiglie di birra stampate in 3d

Quando ne apri una fredda, non è probabile che il tuo primo pensiero riguardi il design stampato in 3D. Ma se la Premium Lager di James Boag è la tua birra preferita, ti godrai direttamente   alcune innovazioni abilitate grazie alla stampa 3D.

Attraverso una recente collaborazione con 3D Systems, il fornitore di bottiglie Orora ha progettato e stampato in 3D un prototipo di bottiglia di birra per il birrificio australiano James Boag.

Fondata nel 1883, la James Boag è stato un punto fermo nel mercato australiano della birra per molti anni, proponendo ai suoi clienti  con le sue birre premium prodotte dalle acque locali della Tasmania.

Quando il birraio ha deciso di aggiornare la bottiglia di birra per la sua Premium Lager, voleva assicurarsi che la nuova bottiglia fosse piacevole e prima di investire un sacco di soldi in nuovi macchinari di produzione.

La soluzione, proposta da Orora, prevedeva il servizio on-demand di 3D Systems Quickparts. Con questo servizio, 3D Systems ha potuto creare in modo additivo un prototipo realistico del nuovo design in grado di soddisfare i requisiti del processo di catena di fornitura di James Boag.

A differenza della maggior parte degli altri prototipi stampati in 3D, 3D Systems ha avuto l’unica sfida di stampare una bottiglia da birra che sembrava fatta di vetro. Per raggiungere questo obiettivo, l’azienda si è affidata alla sua tecnologia di stampa 3D con tecnologia stereolitografica (SLA) per produrre quattro prototipi di bottiglie (basate su progetti digitali di Orora).

Le quattro bottiglie sono state stampate in 3D dalla resina trasparente VisiJet SL e sono state sottoposte a numerose fasi di post-elaborazione, compresa la levigatura a umido e a secco, aggiungendo una tinta superficiale verde e una vernice trasparente finale. Il prodotto finale non solo assomigliava ad una vera bottiglia di vetro, ma aveva anche lo stesso peso e la stessa densità di una vera bottiglia (ottenuta regolando lo spessore della parete interna della bottiglia).

Secondo 3D Systems Quickparts, i quattro prototipi di bottiglie di birra stampate in 3D sono stati completati in “pochi giorni”, una svolta molto più rapida rispetto alla prototipazione tradizionale.

Le bottiglie stampate in 3D hanno riportato risultati molto buoni nelle prove dei clienti, poiché sono state riempite, etichettate e collocate sugli scaffali dei negozi. Come previsto, i clienti sono stati attratti dalle bottiglie.

“Il nuovo flacone James Boag Lager ha stabilito uno standard all’interno di Orora per il modo in cui il design del packaging e la prototipazione 3D possono unirsi senza problemi con un breve preavviso”, ha commentato il team di Orora’s Innovation & Design. “È il tipo di innovazione tecnologica che ci sta dando un vantaggio critico quando si tratta di sviluppare la progettazione di imbottigliamento best-practice e le soluzioni di produzione per i nostri clienti.”

Non c’è ancora una data precisa per quando le nuove bottiglie di James Boag arriveranno sugli scaffali, ma sarà interessante sapere che sono state progettate con l’aiuto della stampa 3D . Se ti senti audace, puoi persino aprire la birra con questi stupidi chiodi adesivi stampati in 3D .

Be the first to comment on "James Boag e le nuove bottiglie di birra stampate in 3d"

Leave a comment