Ivaldi Group e Wilhelmsen insieme per la stampa 3d in marina

Ivaldi Group è un’azienda specializzata che desidera portare la stampa 3D nelle industrie marine e offshore. Sfruttando la stampa 3D, l’azienda spera di riparare, adeguare e ampliare le navi, i gasdotti e le installazioni offshore. La società desidera digitalizzare i pezzi di ricambio e estendere la sua portata in mare aperto e in tutto il mondo. Offshore e marine sono spesso industrie strettamente regolamentate in cui si ha bisogno di tasche profonde e di esperienza per sopravvivere e prosperare. Al fine di aiutare Ivaldi a navigare nell’industria offshore e marina, Wilhelmsen ha collaborato con l’azienda. Wilhelmsen è un vero gigante marino internazionale che offre servizi di riparazione e ristrutturazione in 2000 porti. L’azienda offre pezzi di ricambio e materiali di consumo da qualsiasi cosa, dalla corda alle sostanze chimiche. Wilhelmsen è una specie di UPS / Amazon di materniti di manutenzione e riparazione per le navi in ​​corso. Potrebbero fornire a Ivalvi molte connessioni, clienti e opzioni collaborative a livello globale. Wilhelmsen menziona la loro collaborazione qui.

Concretamente Ivaldi metterà un impianto di stampa 3D all’interno degli stabilimenti del Wilhelmsen Ships Service a Singapore. Questa struttura fornirà un numero limitato di partner con parti stampate in 3D.

Kjell Andre Engen, vicepresidente esecutivo di prodotti per l’industria marina, afferma Wilhelmsen Ships Service,

“Considerando i costi associati alle vendite dei nostri prodotti marini, i costi della catena di approvvigionamento sono spesso almeno pari al costo dei beni venduti. La produzione additiva con un partner tecnologico come Ivaldi ci consentirà di ridurre i costi e l’impatto ambientale, aumentando allo stesso tempo le nostre capacità di servizio per servire i nostri clienti “.
Sim Teck Siang, responsabile degli acquisti, Berge Bulk, un cliente Wihelmsen e membro del progetto pilota, ha dichiarato:

“Lunghi tempi di consegna, disponibilità limitata delle parti e ampia logistica sono alcune delle sfide affrontate dall’industria marittima. Operando e gestendo più di 50 navi, richiediamo che le parti marine siano consegnate alle nostre navi in ​​modo efficiente e in un breve lasso di tempo. Il progresso della tecnologia di stampa 3D e le sue capacità di utilizzare una vasta gamma di materiali per produrre le parti che richiediamo sono impressionanti. Non vediamo l’ora di esplorare la crescente versatilità della stampa 3D nella personalizzazione della progettazione e produzione di componenti su richiesta tramite questo programma. ”

Espen Sivertsen, CEO di Ivaldi Group ha dichiarato che:

“Il Gruppo Ivaldi sta lavorando con le parti interessate del settore, dagli OEM alle navi e ai loro equipaggi, per poter rivoluzionare la catena di fornitura delle parti marine. Utilizzando il sistema del Gruppo Ivaldi per garantire l’efficienza dei costi e l’abbinamento con la rete globale e le competenze marittime di Wilhelmsen, possiamo risolvere meglio i punti critici che i clienti devono affrontare oggi. Ad esempio, invece di dover acquistare una nuova maschera di saldatura a causa di una clip rotta, è stata stampata una nuova clip per un decimo del prezzo. È stato anche consegnato entro 24 ore anziché dover attendere le 3-4 settimane che altrimenti impiegherebbe per spedire al cliente. ”

L’opportunità in qualsiasi tipo di arena di riparazione e operazioni di manutenzione specializzata è ampia per la stampa 3D. Milioni di parti sono ancora volate e trasportate in tutto il mondo e una nave ferma può costare migliaia all’ora o al giorno. L’enorme quantità di parti tecniche a bordo di una nave significa che qualsiasi tipo di miglioramento incrementale della disponibilità di tali parti a livello globale offrirebbe vantaggi alle società partecipanti. Soprattutto per le tecnologie di Deposition Energy Directed, MROpotrebbe fornire eccellenti opportunità. Le parti potrebbero essere aggiunte e ringiovanite con DED e CNC. Il percorso non sarà facile con enormi quantità di capitale richiesto per tale impresa. Inoltre, la certificazione in sé e per sé sarebbe importante. Gli assicuratori dovranno accettare le scelte tecnologiche, i materiali e le procedure in quanto svolgono un ruolo fuori dal comune nel settore. Le compagnie petrolifere specializzate come Schlumberger e giganti del petrolio come Shell saranno certamente interessate a Ivaldi e alle vicende che circondano l’azienda, potrebbero essere interessate a comprarle oa fare qualcosa di simile. Inoltre, tutte le parti coinvolte in questo settore esigente saranno ipercritiche delle prestazioni a lungo termine della vita reale di parti stampate in 3D per marine e offshore. Credo che Ivaldi sia un gioco brillante e probabilmente vedremo emergere molte altre società specializzate come questa.

Be the first to comment on "Ivaldi Group e Wilhelmsen insieme per la stampa 3d in marina"

Leave a comment