InvestEGGator delle uova di tartaruga finte stampate in 3d tracciano i bracconieri

InvestEGGator: le uova di tartaruga stampate in 3D di Paso Pacifico utilizzano l’IoT per monitorare i bracconieri

Paso Pacifico, un’organizzazione di conservazione che utilizza uova di tartaruga stampate in 3D finte per rintracciare i bracconieri illegali, ritiene che la connettività Internet of Things (IoT) possa contribuire a migliorare la sua missione ambientale, che ora è denominata “InvestEGGator”.

Negli ultimi anni, abbiamo sentito parlare del lavoro di Paso Pacifico in diverse occasioni. Con uffici sia in California che in Nicaragua, l’organizzazione di conservazione mira a proteggere la biodiversità, ripristinando e proteggendo gli ecosistemi del Pacific Slope del Mesoamerica.

Dal nostro punto di vista, tuttavia, Paso Pacifico è interamente dedicato alle uova di tartaruga stampate in 3D . Un paio di anni fa, l’organizzazione ebbe l’idea intelligente di fare delle uova di tartaruga stampate in 3D finte che contengono tracker GPS-GSM. Piantando queste uova dentro e intorno ai veri nidi delle tartarughe, i lavoratori dell’organizzazione possono quindi rintracciare eventuali bracconieri illegali che inavvertitamente rubano l’uovo stampato in 3D.

“Abbiamo un prototipo che funziona utilizzando un dispositivo GPS / GSM ed è collegato a una rete di telefoni cellulari e quindi inserito in un uovo di tartaruga artificiale”, afferma Sarah Otterstrom, direttore esecutivo di Paso Pacifico. “Mentre quelle uova si muovono lungo le vie di transito, le uova artificiali trasmettono in tempo reale la loro posizione attuale.”

A  100 dollari per uovo stampato in 3D, il programma “InvestEGGator” si sta rivelando un ottimo rapporto qualità-prezzo. Dal momento che le autorità sanno molto poco su dove operano i bracconieri e gli operatori del mercato nero, ottenere queste mappe delle rotte commerciali di nascosto potrebbe fare un’enorme differenza nella lotta contro il bracconaggio.

Ora si potrebbe pensare che un uovo stampato in 3D sarebbe evidente tra quelli veri, ma Paso Pacifico dice che non è affatto così. Non solo le uova finte sono realistiche sia nell’aspetto che nel peso, ma gli ambientalisti hanno anche altri fattori a loro vantaggio: i bracconieri devono tipicamente andare in giro per le loro attività notturne, rendendo più difficile per loro individuare eventuali beni sospetti, mentre devono anche lavorare velocemente, il che significa che le uova finte hanno meno probabilità di essere danneggiate o di perdere energia durante i lunghi viaggi.

Il test delle uova di tartaruga stampate in 3D, che contengono un tracker GPS-GSM, una scheda SIM e un alimentatore, si è svolto sulle spiagge del Nicaragua e l’attuale versione del dispositivo da  100 dollari funziona meglio che mai.

Non è solo Paso Pacifico a pensare che le uova di tartaruga stampate in 3D siano una buona idea, comunque. L’organizzazione di conservazione ha vinto un premio, oltre a un enorme finanziamento di  100.000 dollari , dalla Wildlife Crime Tech Challenge, organizzata dall’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (USAID).

Il finanziamento dimostra il crescente interesse per tecniche di conservazione intelligenti come questa. E mentre altre organizzazioni hanno tentato tattiche simili, come incorporare i sensori nelle corna di rinoceronti in via di estinzione, pochi approcci sono altrettanto sottili ed efficaci delle uova di tartaruga stampate in 3D.

Bracconieri, attenzione: la stampa 3D e l’IoT potrebbero presto ostacolare le tue pratiche per sempre.

Be the first to comment on "InvestEGGator delle uova di tartaruga finte stampate in 3d tracciano i bracconieri"

Leave a comment