Inventia Life Science bioprinting 3D robotico per la rigenerazione intraoperatoria della pelle

Stampante 3D Robot Skin vicina alle sperimentazioni cliniche first-in-human
In soli due anni un dispositivo robotico che stampa le cellule della pelle di un paziente direttamente su un’ustione o una ferita potrebbe avere i suoi primi test clinici sull’uomo. Il sistema di bioprinting 3D per la rigenerazione intraoperatoria della pelle sviluppato dalla start-up biotecnologica australiana Inventia Life Science ha acquisito nuovo slancio grazie a importanti investimenti da parte del governo australiano e di due nuovi potenti partner, l’esperta di ustioni di fama mondiale Fiona Wood e il ricercatore leader di bioprinting Gordon Wallace .

Nome in codice Ligō dal latino “legare”, il sistema dovrebbe rivoluzionare la riparazione delle ferite fornendo più tipi di cellule e biomateriali in modo rapido e preciso, creando un nuovo strato di pelle dove è stata danneggiata. Il nuovo sistema è destinato a sostituire gli attuali metodi di guarigione delle ferite che tentano semplicemente di riparare la pelle ed è stato sviluppato da Inventia Skin , una sussidiaria di Inventia Life Science.

“Quando abbiamo avviato Inventia Life Science, la nostra visione era quella di creare una piattaforma tecnologica con il potenziale per portare enormi benefici alla salute umana. Siamo lieti di vedere quanto velocemente questa visione stia progredendo insieme ai nostri fantastici collaboratori. Questo supporto del governo federale ci aiuterà sicuramente ad accelerare ancora più velocemente “, ha affermato il Dr. Julio Ribeiro, CEO e co-fondatore di Inventia.

Cercando di supportare il settore della tecnologia biomedica e medica australiana, il governo australiano ha annunciato che investirà 1 milione di dollari australiani (723.085 dollari americani) per potenziare il sistema di bioprinting 3D Ligõ per la rigenerazione della pelle. Il progetto è una delle 21 iniziative a ricevere sostegno dal programma BioMedTech Horizons (BMTH) del governo federale , gestito da MTPConnect , un’organizzazione senza scopo di lucro che mira ad accelerare il tasso di crescita delle tecnologie mediche, delle biotecnologie e del settore farmaceutico in Australia.

Alla fine di luglio 2020, il ministro federale della sanità australiano, Greg Hunt, ha annunciato che il finanziamento del programma dovrebbe spostare il dispositivo più velocemente verso i primi studi clinici sull’uomo. Separatamente, il team ha anche ricevuto finanziamenti dalla missione di terapie con cellule staminali del Fondo di ricerca medica per il futuro per collaborare con l’esperto di cellule staminali Pritinder Kaur della Curtin University , a Perth, per utilizzare il dispositivo Ligo per fornire prodotti a base di cellule staminali che potrebbero migliorare la rigenerazione della pelle.

Secondo Inventia, la pelle è il primo punto di lesione in incidenti e alcune malattie e, se danneggiata in modo significativo, guarisce lentamente, di solito lasciando una cicatrice. Inoltre, durante tutto il processo di rigenerazione, è esposto alle infezioni, un grave problema nella prima barriera protettiva del corpo e una ragione sufficiente per trovare nuovi modi per accelerare il processo di guarigione.

Concentrare le energie sulla creazione di un robot in grado di stampare minuscole goccioline contenenti le cellule della pelle del paziente e biomateriali direttamente sulla ferita ha dato a Inventia il potenziale per ricreare una pelle funzionale ed esteticamente normale. Inoltre, i ricercatori alla base della tecnologia Ligõ suggeriscono che ciò può essere ottenuto in un’unica procedura in sala operatoria, riducendo i costi del trattamento e le degenze ospedaliere e minimizzando il rischio di infezione.

Il dispositivo utilizza la tecnologia brevettata di Inventia , già presente con successo nella sua piattaforma RASTRUM per la ricerca medica in laboratorio e la scoperta di farmaci. Portando questa tecnologia di base nella clinica attraverso il robot Ligō, l’azienda prevede di aprire nuovi orizzonti con alcuni dei leader australiani nella rigenerazione della pelle.

I ricercatori dell’ARC Center of Excellence for Electromaterials Science (ACES) dell’Università di Wollongong , in Australia, presteranno anche la loro esperienza di fama internazionale nei bioink per sviluppare il nuovo sistema di bioprinting 3D per il trattamento delle ustioni durante l’intervento chirurgico. Guidati dal direttore di ACES Gordon Wallace, i ricercatori forniranno un input critico nel processo di sviluppo di bioprinter e bioink. Questa notizia non sorprende in quanto il team ACES aveva già un forte rapporto di lavoro con Inventia.

“ACES è in prima linea nella creazione di nuovi approcci alla stampa 3D e questo progetto si baserà su questo significativo successo che abbiamo avuto in questo spazio negli ultimi anni”, ha affermato Wallace. “La stampa 3D è emersa come il progresso più entusiasmante nella fabbricazione degli ultimi decenni e sono entusiasta di continuare a sviluppare le nostre capacità locali in quest’area per creare un settore nuovo, innovativo e sostenibile per l’Illawarra [una regione nello stato australiano di Nuovo Galles del Sud]. Far parte di questo progetto di rigenerazione della pelle aiuterà a mettere Wollongong sulla mappa per la produzione commerciale di tecnologie di bioprinting “.

Per la partner del progetto Fiona Wood, specialista e chirurgo in ustioni leader a livello mondiale e direttrice del Burns Service of Western Australia, questa non è la prima volta che si rivolge alla bioingegneria per aiutare i suoi pazienti. All’inizio degli anni ’90, l’esperto ha aperto la strada all’innovativa tecnica “spray-on skin”, che riduce notevolmente le cicatrici permanenti nelle vittime di ustioni, e ne è venuto a conoscenza nel 2002, quando la maggior parte dei sopravvissuti agli attentati di Bali arrivò al Royal Perth Hospital.

“La combinazione di queste sovvenzioni è un eccellente esempio del modo in cui il Fondo per il futuro della ricerca medica viene applicato nel continuum della ricerca traslazionale fino alla commercializzazione, portando a migliori risultati per i pazienti”, ha commentato Wood.

Burns sono il tipo più comune di quarta traumi in tutto il mondo, con una stima di 11 milioni di bruciato pazienti trattati ogni anno in tutto il mondo, e più di 300.000 decessi dovuti a ferite gravi. Solo in Australia, la fondazione di Wood ha riferito che 200.000 persone subiscono ustioni ogni anno, con un costo alla comunità australiana di oltre 150 milioni di dollari australiani all’anno. Le lesioni da ustione sono orribili e presentano problemi complessi da affrontare sia per il paziente che per i medici, con una strada per il recupero oltre che facile da affrontare. Inventia Skin prevede che la tecnologia di bioprinting cambierà il gioco nella medicina delle ferite. Inoltre, ilL’esperienza combinata dei principali specialisti in bioprinting e ferite da ustione, insieme ai finanziamenti e al supporto del governo locale, potrebbe portare a uno dei sistemi di bioprinting 3D più innovativi per il trattamento delle ustioni durante l’intervento chirurgico e, soprattutto, potrebbe essere disponibile nel 2022.

Be the first to comment on "Inventia Life Science bioprinting 3D robotico per la rigenerazione intraoperatoria della pelle"

Leave a comment