Intervista con Vinod Devan di Deloitte

Con la stampa 3D verso un’adozione più ampia, molte aziende stanno ora entrando nel nostro mercato. Uno di questi è Deloitte. La società di servizi professionali che fa tutto, dalla contabilità alla tassazione e M & A, vuole anche guidare le aziende nel mondo della stampa 3D. Abbiamo intervistato Vinod Devan, Product Strategy e Operations Lead presso Deloitte Consulting per vedere quali sono i piani dell’azienda nella stampa 3D e come spera di aiutare i clienti.

Perché Deloitte entra nel mercato della stampa 3D?

La produzione additiva (AM) è un componente critico della trasformazione digitale Industry 4.0. La tecnologia AM è finalmente al punto in cui le aziende stanno iniziando a realizzare un valore significativo, tangibile, nuovo per sé e per i propri clienti. Deloitte sta investendo in modo significativo nella conoscenza e nelle capacità della stampa 3D, in modo da poter consigliare e unirsi ai nostri clienti mentre rivoluzionano le catene di approvvigionamento, i portafogli di prodotti e i modelli di business.
Quali competenze ha il team?

In Deloitte abbiamo un’incredibile profondità nella catena di fornitura e nella produzione e stiamo aiutando le aziende a digitalizzare le loro operazioni. Ciò include la progettazione e lo sviluppo del prodotto, la produzione, la progettazione della produzione e la gestione del mercato, tutti fattori che sono influenzati da AM. Attraverso il nostro crescente ecosistema di collaboratori e alleanze globali con i principali attori hardware e software in questo spazio, portiamo una visione olistica dei benefici e dell’impatto delle tecnologie digitali AM e complementari.
Che tipo di progetti hai fatto con i clienti?

I nostri progetti in genere cadono in tre bucket: aiutare i clienti che sono nuovi alla produzione additiva entrare nello spazio in modo strategico, aiutando i clienti a rendere operativi e scalare gli sforzi esistenti, ma relativamente fondamentali, e aiutare i clienti che sono già maturi nella trasformazione e ottimizzare le operazioni end to end del prodotto e della supply chain. Indipendentemente dal tipo di progetto, ci sforziamo di trovare un equilibrio tra fattibilità tecnica, redditività aziendale e desiderabilità del cliente. Questo approccio è necessario per una strategia “gioca per vincere” in AM.
Che consiglio potresti darmi se fossi una grande azienda manifatturiera e vorrei iniziare con la stampa 3D?

Iniziare in piccolo e concentrarsi su aree di alto valore: potrebbe essere la prototipazione rapida, la produzione di pezzi di ricambio o componenti di utensili. Utilizzare questo esercizio per familiarizzare con la tecnologia, l’economia e il valore della stampa 3D. Crea una roadmap per dimostrare il successo e continua ad espandere il portfolio di applicazioni AM all’interno dell’azienda. Non trattare AM come una moda passeggera; cambierà la produzione in modi senza precedenti.

Quali aree applicative vedete aprirsi?

Nei prossimi tre-cinque anni, ci aspettiamo crescita e scalabilità nelle applicazioni che stanno ottenendo una trazione significativa oggi – pezzi di ricambio di lunga coda, attrezzature, produzione di ponti, personalizzazione del prodotto e personalizzazione di massa.
Quali sono i prossimi prodotti che saranno industrializzati con la stampa 3D?

Le aziende automobilistiche e le grandi aziende manifatturiere stanno guidando l’industrializzazione di AM, a causa dei significativi risparmi sui costi associati alla digitalizzazione del loro inventario. I prodotti di consumo e le società di tecnologia medica beneficiano dell’elevato grado di personalizzazione economica che AM offre. La gamma di prodotti che verranno prodotti in modo addizionale dipenderà dal tasso di sviluppo di materiali specializzati, dall’adozione del filo digitale, dall’integrazione della sicurezza digitale per proteggere IP, dalla certificazione dei prodotti AM da parte delle agenzie di regolazione e, forse ancora più importante, dalla volontà di dirigenti innovativi che scelgono di essere fiduciosi nella digitalizzazione delle loro attività.
Quali sono alcune delle tecnologie che ti interessano di più?

La capacità di stampare in 3D è in circolazione da molto tempo. Mentre i recenti sviluppi nell’AM sono certamente incoraggianti ed eccitanti, lo sviluppo di tecnologie complementari che accelerano ed espandono il valore di AM sono molto interessanti.  Questi includono IoT, analisi dei dati e AR / VR.   Insieme a AM, queste tecnologie liberano il vero potenziale di Industry 4.0.
Quali sono alcuni sviluppi chiave nei materiali di stampa 3D?

I materiali sono definitivamente sul percorso critico per l’adozione su larga scala della produzione additiva. Far sì che i prodotti AM siano uguali o migliori di quelli prodotti da processi di produzione legacy spesso si riduce alla scienza e all’ingegneria dei materiali. Considerati i requisiti unici per ogni applicazione, stiamo vedendo produttori di materiali sviluppare nuove strategie e anche nuove iniziative commerciali non solo per sviluppare materiali speciali, ma anche per fornire servizi supplementari che accelerano l’adozione dei loro materiali.

Quali sono gli ostacoli principali nelle implementazioni di stampa 3D?

Ci sono due ostacoli principali: il primo sono le aziende che non credono che AM sia finalmente arrivato, non solo hype. Gli attuali processi di produzione sono in circolazione da molto più tempo di AM e hanno raggiunto un alto grado di efficienza e ottimizzazione. La AM è stata propagandata come una rottura di quei modelli legacy per quasi tre decenni, ma è stata insufficiente fino a poco tempo fa. C’è una mentalità trincerata che richiederà un cambiamento culturale per facilitare l’adozione.   Il secondo ostacolo è la mancanza di un approccio olistico all’AM. Vi è una tendenza da parte di dirigenti e ingegneri a concentrarsi su entrambi i costi o sulla qualità o su altri vantaggi a sé stanti. Ciò si traduce in una strategia di adozione ristretta, che spesso non offre un valore sufficiente per giustificare investimenti aggiuntivi.
Un sacco di gente non può mai dirmi quanto costa un pezzo stampato in 3D. Quanto costerebbe una penna stampata in 3D? Quanti potrei fare un giorno?

Le domande sui costi e sul volume sono valide, ma le risposte variano notevolmente in base alla tecnologia, al materiale e al processo. E a nostro avviso, non forniscono informazioni sufficienti per valutare la stampa 3D. Insieme agli elementi di costo (una volta per determinare come si intende stampare una parte), è necessario prendere in considerazione altre importanti domande. Ad esempio, una penna con stampa 3D può funzionare meglio di una penna tradizionale? Potrebbe essere più leggero? Potrebbe essere personalizzato per l’utente? Potresti vendere più di una penna stampata in 3D rispetto a una penna normale a causa del suo valore aggiunto? Il costo del ciclo di vita – non solo un costo di produzione – della penna sarebbe inferiore?
Quali prodotti avrebbero senso per la stampa 3D, quale no?

Nonostante i progressi degli ultimi anni, restano alcune limitazioni. Ad esempio, i prodotti o le parti che superano la dimensione di costruzione ottimale delle macchine attuali non possono essere stampati. I prodotti in settori caratterizzati da un’elevata supervisione normativa e lunghi processi di certificazione rendono l’utilizzo scalato della stampa 3D un esercizio complicato.   I prodotti che non possono essere adattati al set di materiali di oggi richiedono cicli di progettazione aggiuntivi per determinarne la fattibilità. Come con qualsiasi tecnologia dirompente, il numero di prodotti che possono essere “integrati” in AM aumenterà in modo esponenziale all’aumentare della domanda.

Be the first to comment on "Intervista con Vinod Devan di Deloitte"

Leave a comment