Intervista con Tendai Pasipanodya

Intervista con Tendai Pasipanodya sull’integrazione della stampa 3D con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite

È interessante notare che ci sono idee per integrare la stampa 3D con gli SDG delle Nazioni Unite (Sustainable Development Goals) e che può essere uno strumento utile per migliorarli o guidarli. Questa intervista discute un concetto che sta già prendendo forma in questo senso. Parliamo con Tendai Pasipanodya, che ci guida attraverso il concetto che la sua organizzazione, Endeva , che ha sede a Berlino, in Germania, sta perseguendo.

Puoi parlarci del tuo coinvolgimento nella stampa 3D e nella produzione additiva?

Come sfondo qui c’è un po ‘di Endeva e di me.

Credo fermamente che il successo negli affari non riguardi la vendita di prodotti e servizi, ma la soluzione dei problemi. Se lo fai in un modo che ha senso per qualcuno, accetteranno di darti dei soldi per farlo
Quindi, il lavoro che faccio a Endeva è incentrato sull’affrontare le sfide dello sviluppo di oggi costruendo le idee imprenditoriali del futuro
Lo facciamo con successo pettinando diversi strumenti
Innovazione inclusiva: usare l’innovazione come leva; l’innovazione può venire dalla tecnologia, dall’innovazione retrò, dall’innovazione frugale alla fine si tratta di innovazione che è inclusiva.
I sistemi cambiano l’approccio con cui lavoriamo con l’intero ecosistema che supporta e interagisce con le aziende.
Creare collegamenti e costruire partnership dinamiche e produttive per raggiungere un obiettivo condiviso.
Quindi per rispondere alla tua domanda. Una delle iniziative più importanti a endeva è ii2030 . Questa è la visione generale dell’evento,
Endeva ha tenuto un evento il 5 e 6 giugno a Berlino chiamato “inclusive innovation 2030″ o ” ii2030″L’evento interattivo ha identificato opportunità commerciali che sfruttano la tecnologia per raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sociale (SDG) delle Nazioni Unite. Pensavamo che HP sarebbe stata perfetta per la pista di stampa 3D che esplorasse come rendere la produzione additiva più circolare e inclusiva nei paesi a reddito medio-basso. Durante l’evento abbiamo esaminato l’attuale ecosistema e identificato le soluzioni. Ciò che ha reso il nostro evento unico è che è stato più di un semplice evento. Abbiamo dimostrato che la nostra iniziativa può continuare a creare partnership che implementino effettivamente le soluzioni che creiamo! L’evento ha utilizzato una combinazione di pensiero progettuale e metodologia di cambiamento dei sistemi. È divertente e di forte impatto e potrebbe aprire nuove interessanti opportunità di business. Dal settore della stampa 3D abbiamo avuto BigRep GmbHe Reflow che partecipano al programma. BigRep produce stampanti su larga scala mentre Reflow produce filamenti da rifiuti PET.

Quali progetti o lavori speciali hai fatto o stai attualmente sviluppando nel panorama della stampa 3D?

Abbiamo tenuto l’evento di cui ho parlato sopra ii2030 e sono emerse 2 idee interessanti che stiamo perseguendo. Stiamo sviluppando questi 2 concetti con la nostra alleanza di partner per la produzione additiva inclusiva e circolare. Uno si concentra su come abilitare Maker Spaces in Africa per avere più successo e l’altro è una pubblicazione su quali flussi di rifiuti possono essere utilizzati per stampare. In quest’ultimo caso, esaminiamo anche i flussi di rifiuti esistenti e quali materie plastiche sono disponibili e non vengono utilizzate per fare nulla. Vediamo anche quali tipi di plastica possono essere utili flussi di rifiuti per produrre materie prime AM.

Come vede il tuo concetto influenzare la promozione della stampa 3D e della produzione additiva?

Il primo passo è aiutare gli hub ad essere ancora più efficaci nell’aiutare gli imprenditori a sbloccare modelli di business. Quindi passare alla produzione locale di filamenti da rifiuti e anche gli elementi stampati possono essere analizzati e riutilizzati.

Come vedi la stampa 3D e l’influenza di produzione additiva sulla crescita e lo sviluppo in Africa?

Localizzare la produzione aumentando l’aggiunta di valore

Pietra angolare della prossima rivoluzione industriale

È importante che l’Africa pensi al futuro della produzione e alle opportunità che offre per scavalcare

Grande opportunità per la quale dovremmo prepararci

La progettazione educativa in 3D, le imprese e gli imprenditori comprendono le potenzialità e i vantaggi in modo che possano identificare casi d’uso / opportunità, costruzione tecnica e hardware da rifiuti, manutenzione riparazione.

Be the first to comment on "Intervista con Tendai Pasipanodya"

Leave a comment