Intervista con Seok-Hwan You di Rokit Healthcare

Intervista a Seok-Hwan You di Rokit Healthcare sul Bioprinting

Quando Seok-Hwan hai fondato Rokit Healthcarel’azienda è stata una delle prime al mondo in grado di stampare in 3D PEEK e altri materiali ad alte prestazioni. È cresciuto rapidamente fino a dominare il suo mercato coreano locale di medicina e bioprinting prima di raggiungere oltremare per l’espansione. Di recente l’azienda si è orientata dalla vendita di stampanti e materiali 3D all’offerta di soluzioni integrate. Con una rinnovata attenzione per l’assistenza sanitaria rigenerativa, l’azienda offre soluzioni complete per la bioprinting. Rokit Healthcare offre ora bioink, l’azienda ha una banca dei tessuti, un servizio di stampa 3D e formazione. Rokit Healthcare sta ora promuovendo il suo obiettivo di condurre nella bioprinting. Sono stato molto colpito dalle strutture e dal personale di Rokit quando ho visitato l’azienda. Abbiamo intervistato il CEO di Rokit Healthcare Seok-Hwan You per scoprire di più sulla sua visione sulla bioprinting e sugli obiettivi per l’azienda pionieristica.

Che cos’è Rokit Healthcare?

ROKIT Healthcare si impegna a migliorare la qualità della vita e della salute in tutto il mondo affrontando il problema dell’invecchiamento e delle malattie legate all’età con soluzioni sanitarie totali. La biofabbricazione 3D e lo sviluppo di terapie di rigenerazione dei tessuti e degli organi specifiche del paziente sono le nostre capacità principali. Tuttavia, siamo anche coinvolti nella fornitura di altri programmi sanitari, come test genetici di individui, servizi assicurativi personalizzati e visite mediche globali.

Perché ti sei orientato verso la medicina rigenerativa e lontano dalla bioprinting?

Di per sé non abbiamo imperniato “lontano dalla bioprinting”. È la nostra principale tecnologia scientifica; pone la base per soluzioni terapeutiche personalizzate che prevediamo di introdurre negli ospedali globali, dalla rigenerazione della pelle e della cartilagine specifica per il paziente alle soluzioni di biofabbricazione con patch per cuore e retina. Tuttavia, come accennato in precedenza, riteniamo che il bioprinting debba convergere con altre medicina preventiva e tecnologie diagnostiche, digitalizzazione e strategie di gestione sanitaria per essere veramente efficaci a livello di risultati per i pazienti.
Quindi, cerchiamo di affrontare la medicina rigenerativa e l’assistenza sanitaria da un punto di vista molto più ampio, con la bioprinting come un’area importante ma non l’unica delle nostre attività.

Perché dovrebbe collaborare con 3D Print?

Ciò che distingue ROKIT Healthcare è che offriamo servizi e approfondimenti dal punto di vista di un fornitore di soluzioni di medicina rigenerativa totale piuttosto che un dispositivo di bioprinting 3D, biomateriale o società di prodotti in tessuto stampato 3D.
Per quanto la bioprinting 3D sia al centro di una convergenza tecnologica esponenziale, è probabile che un gruppo in grado di avvicinarsi al campo da vari punti di vista dell’economia e dell’economia sanitaria sia il partner ideale per la stampa 3D nel raggiungere le sue diverse basi di clienti professionali . ROKIT Healthcare è un gruppo del genere.

Quali clienti stai cercando?

Attualmente, la nostra priorità sta nello sviluppo di basi di clienti per le nostre piattaforme per bioprinter 3D e biomateriali. I nostri clienti principali includono gruppi di ricerca di università, istituti governativi, laboratori ospedalieri e aziende farmaceutiche. I campi di applicazione spaziano dall’ingegneria dei tessuti e dalla medicina rigenerativa allo sviluppo di micro-tessuti per test farmaceutici in alternativa agli esperimenti sugli animali. Presto, tuttavia, mentre introduciamo soluzioni terapeutiche basate sulla bioprinting 3D come piattaforme di rigenerazione della pelle e della cartilagine, ci aspettiamo che le nostre basi di clienti si espandano oltre la ricerca nel campo delle scienze della vita ai medici e alle aziende di dispositivi medici.

Com’è la cultura della tua azienda?

Come tutte le grandi aziende, apprezziamo l’integrità, l’eccellenza, il rispetto, la collaborazione e l’autonomia. Ma i quattro valori chiave in cui viviamo come azienda sono: 1) proprietà: incoraggiamo una forte proprietà e un processo decisionale autonomo da parte dei dipendenti; 2) orientamento ai dettagli: affrontiamo ogni attività con una pratica di revisione completa e concisa dell’esecuzione di prodotti o servizi; 3) nessuna resa: non ci arrendiamo facilmente e troviamo valore anche nella più piccola possibilità dell’1% contro le obiezioni del 99%; 4) ritorno alle basi: ci atteniamo alla semplicità e all’adesione ai principi e ai valori fondamentali di integrità, disciplina e rispetto.

Alla convergenza di questi quattro valori sta un principio d’azione chiave: “Keep Blitz and Simple”. Noi, ROKIT Healthcare, ci impegniamo a massimizzare la libertà dei dipendenti di combattere il “pitone del processo”. Diamo quantità insolite di libertà e informazioni a tutti i dipendenti, condividendo documenti e piani aziendali internamente in modo ampio e sistematico, poiché riteniamo che dipendenti altamente informati e autonomi siano in grado di giudicare per condurre l’azienda al successo.

Cosa speri di ottenere nei prossimi cinque anni?

Prevediamo di integrare la bioprinter 3D e le sue applicazioni nei servizi sanitari tradizionali, trasformando in realtà l’idea del bioprinting come dispositivo medico. Abbiamo già iniziato il viaggio questo mese, con l’inizio del nostro primo studio clinico sulla rigenerazione della pelle basata sulla bioprinting per i pazienti con ulcera del piede diabetico in India (agosto 2019).

Perché è importante la bioprint all’interno della sala operatoria?

La bioprinting direttamente dal lato del letto all’interno della sala operatoria significa tempi, rischi e costi ridotti nel trasferimento delle cellule del paziente nella bioprinter e nel trasferimento dei tessuti stampati al paziente. È un nuovo tipo di soluzione sanitaria personalizzata point-of-care che massimizza i benefici delle tecnologie di medicina rigenerativa autologa.

Di quali materiali di bioprinting sei entusiasta?

Al giorno d’oggi, ci sono molti tipi di bioink sul mercato, compresi i polimeri sintetici e naturali. Ma non sono tutti applicabili al corpo umano. Diciamo che l’invecchiamento è una malattia; La natura è la migliore terapia ”. In tal senso, siamo entusiasti dell’intero bioink basato sulla matrice extracellulare (ECM) che deriva dal ” Corpo umano” . Crediamo che l’ECM sia la natura.

Quali nuovi sviluppi sono molto interessanti per te?

Quando si tratta della diagnostica tradizionale del cancro, indipendentemente dal suo genere, i medici hanno trattato i loro pazienti solo con analisi di massa basate sull’RNA. Ma, come molti di noi realizzano oggi nel campo della ricerca sul cancro, sappiamo che la ragione per cui il cancro è così difficile da curare è che si tratta di una popolazione estremamente eterogenea di cellule. Comprendiamo che ogni cellula è il suo universo. Comprendere ciascuno di questi universi è possibile solo con l’analisi dell’RNA a singola cellula, e questo sarà la chiave per fare un passo avanti verso la ricerca di trattamenti efficaci per il cancro. La tecnologia scRNA potrebbe avere molto spazio per maturare, ma ci stiamo lavorando entusiasti del suo potenziale.

Che prodotti avete?

Forniamo INVIVO, la nostra bioprinter 3D firmata. Inoltre, forniamo stampanti 3D per l’ingegneria dei materiali e la prototipazione avanzata nei campi biomedici con materiali come PEEK e ULTEM.

Hai grandi speranze per PEEK? PCL? Altri materiali?

Abbiamo prestato molta attenzione all’ampliamento delle applicazioni per PCL e PEEK di grado medico, in particolare nelle applicazioni della matrice rigenerativa ossea e della fabbricazione personalizzata di pillole. Tuttavia, il focus principale della nostra energia non è sulla plastica sintetica, ma su ingredienti naturali come l’ECM umano come materiale di supporto per le cellule viventi stampate in 3D.

Quali sono le sfide nel bioprinting?

La più grande sfida che tutti gli attori industriali della bioprinting 3D devono affrontare sta colmando il divario tra la tecnologia che forniamo e le reali esigenze dei nostri clienti nella ricerca sulla bioprinting. Una parte fondamentale di queste esigenze è capire che la stampa bio 3D, diversamente dalla stampa 3D industriale, non riguarda solo le strutture di produzione con stabilità architettonica, ma anche la promozione della crescita cellulare e la considerazione dell’impatto della produzione sulla vitalità delle cellule. Basandoci su una costante ricerca di tale comprensione, stiamo costruendo una base per lo sviluppo di tecnologie di bioprinting di prossima generazione e applicazioni biomateriali.

Be the first to comment on "Intervista con Seok-Hwan You di Rokit Healthcare"

Leave a comment