Intervista con Rania Sedhom del Sedhom Law Group


La legge e la stampa 3D rappresentano per molti una zona emergente di grande interesse. Cosa succede esattamente con i prodotti stampati in 3D e la responsabilità o l’IP? La maggior parte delle persone nella stampa 3D non vuole leggi separate per la stampa 3D o le merci stampate in 3D. Ma, con le pistole stampate in 3D, abbiamo visto i legislatori buttarsi nella pazza macchina da clown per legiferare con il comunicato stampa e fare leggi separate per la stampa 3D. Cosa riserva il futuro? Rania Sedhom del Sedhom Law Group ci ha contattati per condividere le sue opinioni .

I legislatori sembrano intenzionati a creare una nuova legislazione specifica per la stampa 3D. Sei d’accordo con questo?

Sì, certamente. Mentre la tecnologia è una mesh (gioco di parole) di software e tessile, è unica e ha bisogno della propria legislazione.

L’IP ha davvero bisogno di cambiare a causa del 3D?

Sì, la legge sulla proprietà intellettuale consente alle persone di cambiare un oggetto o un’idea attualmente protetta e quindi proteggerlo come suo. Molte persone capiscono quali modifiche e / o miglioramenti sono necessari per le idee e il prodotto di pensiero utilizzati senza tecnologia 3D. Tuttavia, è necessaria una guida per la quantità di cambiamento necessaria con la tecnologia 3D al fine di contrassegnarla come “nuova” o “adeguatamente modificata”.

Quali problemi vedi sorgere a causa della stampa 3D?

La stampa 3D finirà per aiutare i contraffattori a produrre prodotti che sono più difficili da individuare come falsi. Quando l’utilizzo della tecnologia 3D è la replica. La maggior parte di noi probabilmente utilizzerà questa tecnologia per riprodurre un pulsante mancante per la nostra camicia o per il nostro maglione. Tuttavia, i contraffattori saranno in grado di riprodurre l’intero articolo. Come con tutta la tecnologia e il progresso, può essere cannibalizzato in modo improprio dai criminali.

Perché sei interessato allo spazio?

Sta per espandere il mondo della moda e l’intera definizione della moda! Ora, aziende e designer di moda lavorano con chimici e architetti per creare, ad esempio, nuovi tessuti e forme. Non vedo l’ora di vedere cosa succede dopo!

Se sono un piccolo designer indipendente e voglio condividere un design stampato in 3D ma ancora trarre profitto dalla vendita di copie fisiche cosa posso fare?

È difficile rispondere a questa domanda completamente senza scrivere diverse pagine. Tuttavia, il lungo e il corto di esso ruota attorno agli accordi. Un accordo che delinea i proprietari del software 3D e quali diritti stanno vendendo ai progettisti, un accordo che specifica i proprietari del design risultante e un accordo relativo alle vendite. Se i progettisti vendono online, dovrebbero assicurarsi che i loro termini e condizioni siano chiari, in particolare quelli relativi a ciò che i consumatori possono o meno fare con il prodotto. Ad esempio, possono creare prodotti derivati ​​e, se lo fanno, chi possiede quel lavoro derivato. Attualmente, non molte famiglie hanno le proprie stampanti 3D, ma questo cambierà nel tempo. Penso che le stampanti 3D saranno più popolari delle stampanti tradizionali e che quasi tutte le famiglie avranno una dimensione variabile.

Come posso essere un inventore senza contanti, proteggere al meglio la mia idea dal furto?

Chiedere consulenza legale. Diversi avvocati offrono consulenze gratuite per aiutare gli inventori neofiti a comprendere i loro diritti e responsabilità. Un avvocato che è interessato a lavorare con le startup di solito ha modelli di pricing alternativi in ​​modo che l’inventore possa beneficiare della rappresentanza legale con commissioni e costi appropriati.

Nella moda, non c’è copyright ma l’industria della moda funziona?

Esistono diverse protezioni per l’industria della moda. Se un prodotto è realizzato utilizzando un processo specifico, o tecnologia, è possibile un brevetto. Il logo del designer può essere registrato, le immagini sono protette e alcuni post del blog e altri scritti possono essere protetti da copyright.

La stampa 3D dovrebbe funzionare allo stesso modo?

La stampa 3D è una tecnologia. E, come tale, può essere trattato diversamente. Il processo utilizzato nella stampa dell’articolo sarà la principale fonte di proprietà e il nuovo tessuto creato sarà la principale fonte di proprietà per il marchio e / o il designer.

Il file o la stampa è il vero design?

Penso che sia qui che abbiamo bisogno di una guida da parte dei regolatori. La risposta è complessa Io, un designer, ho richiesto il file che mi permette di stampare il prodotto? Se sì, allora il file è ciò che deve essere protetto? Io, il progettista, ho utilizzato un file disponibile a tutti per produrre il mio prodotto? Quindi il modo in cui ho prodotto il prodotto potrebbe essere protetto.

Come possiamo assicurarci che le persone giuste ottengano l’attribuzione?

Questo probabilmente non cambierà – attraverso contratti e fiducia.

Be the first to comment on "Intervista con Rania Sedhom del Sedhom Law Group"

Leave a comment