Intervista con Kunal Mehta di Blueprint 3D

Proprio di recente Stratasys ha lanciato Blueprint. Stratasys ha avuto un braccio di consulenza per un certo numero di anni. L’azienda voleva presentare e stabilire il progetto come indipendente, tuttavia. Lo sviluppo di applicazioni e la possibilità di portare i clienti da fermo a veloce nella stampa 3D è un compito estremamente impegnativo. È raro che le persone possano colmare sia il lato tecnico delle cose che il business abbastanza da tradurre i bisogni in strategie appropriate. Anche i processi di industrializzazione e i nuovi materiali sono molto impegnativi e ogni nuovo mercato o materiale presenta le sue sfide uniche. Blueprint dovrà anche mantenere la sua indipendenza e il suo pensiero indipendente pur facendo ancora parte di uno dei più grandi OEM di stampanti 3D sul campo. La squadra riuscirà? Questa responsabilità è sulle spalle del molto luminoso Kunal Mehta, che abbiamo intervistato.

Cos’è Blueprint?

Siamo i principali consulenti di stampa 3D al mondo. Abbiamo 15 anni di esperienza nell’aiutare i clienti praticamente in ogni settore. Siamo ingegneri, innovatori, analisti e strateghi. Siamo focalizzati sul laser per aiutare i nostri clienti a dare un senso alla stampa 3D.

Quindi, ti pago e poi mi dici di prendere una stampante Stratasys?

No. Siamo indipendenti dalla tecnologia. Aiutiamo i nostri clienti a trovare dove la stampa 3D fornirà il massimo valore nel loro business e formulare raccomandazioni basate su questo. A volte, la risposta non è una stampante; potrebbe essere una relazione con un ufficio di servizi, un cambiamento nel modello operativo o un miglioramento del reparto. In effetti, negli ultimi progetti, le nostre raccomandazioni hanno portato a nuovi modelli di business, tra cui la proposta di stampanti concorrenti .

Che tipo di impegni hai fatto?

Abbiamo realizzato impegni che vanno dalla strategia di alto livello e innovazione, all’ottimizzazione tecnica del design, alle startup e alle aziende di Fortune 500. In generale, i nostri impegni rientrano in una delle nostre sette offerte:

Impatto strategico, per aiutare gli alti dirigenti a capire come la stampa 3D avrà un impatto sul loro business
Innovazione di prodotto, che aiuta i professionisti a capire come la stampa 3D può guidare la crescita della linea attraverso l’innovazione
Distribuzione additiva, creando il modello per la distribuzione di additivi nelle organizzazioni
Miglioramento operativo, immersione in profondità nei processi per aiutare i clienti a imparare come l’additivo può rendere le operazioni più snelle e intelligenti
Convalida dell’applicazione, convalida del business case per specifiche applicazioni additive prima di impegnarsi in un processo di produzione
Ottimizzazione del design, immersione profonda con gli ingegneri per realizzare il loro intento progettuale con la stampa 3D
Pensa in modo Additivo, insegnando ai clienti come capire il design per la produzione additiva con una mentalità imprenditoriale
Per quali tipi di clienti ti piacerebbe lavorare?

Portiamo il massimo valore con clienti impegnati che sono lungimiranti e cercano di innovare davvero nelle loro attività. Quelli sono i tipi di clienti che sono disposti a fare un salto di fiducia, fidarsi di noi e fidarsi di ciò che la tecnologia può offrire. Questi tipi di client possono essere nuovi per gli additivi o possono essere utenti avanzati e possono essere grandi o piccoli.

Che tipo di esperienza porti in tavola?

L’origine del nostro gruppo è stata Econolyst, una società di consulenza additiva leader a livello mondiale, iniziata oltre 15 anni fa, acquisita da Stratasys nel 2015. Detto questo, il team di Blueprint ha lavorato con centinaia di clienti e ha sviluppato un banco di metodologie, strumenti e leadership di pensiero; ma ciò che è veramente speciale in noi è che abbiamo una profonda esperienza in additivo combinato con una vasta gamma di talenti. Nel nostro team abbiamo esperti di customer experience, persone con esperienza nella catena di fornitura, ingegneri industriali e persino una persona con una laurea in modellismo.

Quindi, quale consiglio mi daresti se sono un’azienda che cerca di utilizzare la stampa 3D?

Inizia comprendendo perché si desidera utilizzare la stampa 3D e il tipo di stampa 3D utilizzata nel proprio settore e nei settori correlati. Trascorri del tempo a pensare al tuo business case per additivo prima di iniziare a guardare le specifiche della macchina. Capire come la stampa 3D abbia un senso per la tua azienda è molto più difficile rispetto all’acquisto di una macchina. Allora vieni da noi per aiutarti a capire il tuo business case e generare concetti, idee e applicazioni.

E se volessi usare la stampa 3D per la produzione?

Questa è una proposta rischiosa a meno che tu non la stia già utilizzando per applicazioni come prototipi, maschere e attrezzature e strumenti. È necessario sporcarsi le mani e utilizzare la tecnologia per alcuni prototipi o strumenti. Devi fare un paio di build e imparare da quello. Non dipingerai la Gioconda la prima volta che prendi un pennello.

Su quali tecnologie consigli i clienti?

Aiutiamo i clienti a trovare il business case per la stampa 3D. La nostra metodologia informa le nostre raccomandazioni tecnologiche. Se la stampa 3D ha valore per un’azienda, analizziamo ciò che è disponibile oggi e ciò che è all’orizzonte; non limitiamo la portata della tecnologia, del materiale, del produttore o del fornitore. Caso in questione, abbiamo sviluppato il 6 Business Driver Framework per la stampa 3D che è descritto nel nostro libro recentemente pubblicato – “Il piccolo libro blu di stampa 3D”, che può essere scaricato direttamente dal nostro sito web.

Come funziona un tipico fidanzamento?

Iniziamo con una conversazione. Iniziamo comprendendo ciò che i nostri clienti stanno cercando di risolvere. Creiamo quindi un approccio su misura e sfruttiamo il nostro arsenale di strumenti per fornire.

Viviamo secondo i nostri valori. Siamo fidati Siamo Enabler. Siamo umani. Ciò significa che siamo motivati ​​dal successo dei nostri clienti, abbiamo un genuino interesse nell’aiutare e non dimentichiamo mai che stiamo lavorando con le persone. Alla fine del fidanzamento, abbiamo imparato qualcosa, abbiamo creato un valore dimostrabile e ci siamo divertiti.

Quali sono gli ostacoli che incontrano le aziende che entrano nella stampa 3D?

Se chiedi ingegneria, sentirai qualcosa sui materiali. Se chiedi l’approvvigionamento, è tutto a costo. La verità è che i più grandi ostacoli sono problemi molto umani. Basandoci sul parlare con i nostri clienti e la nostra esperienza, abbiamo i dati su questo. Mancanza di talento, attenzione alla gestione, proprietà del progetto, gestione del cambiamento … Queste sono le stesse cose che influenzano ogni iniziativa.

Inoltre, c’è una tendenza a credere che il clamore intorno a qualsiasi tecnologia, ma una grande parte della storia che viene lasciata fuori è come qualsiasi cosa vale la pena fare richiede tempo, impegno e attenzione. Se così non fosse, lo faresti già. Di conseguenza, le aziende spesso mordono più di quanto possano masticare, e sono loro che finiscono per essere morsi.

Perché è difficile progettare per additivo?

Ricorda, la produzione additiva è uno strumento molto nuovo. L’additivo è stato tecnicamente valido solo per la produzione per forse un decennio. Come ogni nuova tecnologia, ci vuole tempo per imparare. Ci sono voluti 40 anni perché i computer diventassero strumenti comunemente usati nel mondo degli affari … e in molti casi, la giuria è ancora fuori se siamo più efficaci con i computer sulle nostre scrivanie. Ci vorrà del tempo per la maggior parte delle organizzazioni di ingegneria per costruire questa esperienza.

Più precisamente, la produzione additiva garantisce un insieme unico di libertà di design, ma impone anche alcuni vincoli. Essere efficace con l’additivo richiederà progettisti e ingegneri per comprendere le libertà e i vincoli. Abbiamo creato un’offerta di formazione attorno a questo. Si chiama “Pensa in modo additivo”.

Da un punto di vista organizzativo, perché le implementazioni di stampa 3D sono sbagliate?

Silos. Le opportunità più interessanti e interessanti nella produzione additiva sono all’intersezione tra ingegneria, catena di approvvigionamento e produzione, ma questi gruppi spesso non lavorano insieme. Richiede un modo di collaborazione fondamentalmente diverso.

Inoltre, le persone hanno aspettative non realistiche. Non esiste una tecnologia o una tecnologia di proiettili d’argento e non vedrai un ritorno sull’investimento immediato la prima volta che stampi qualcosa. Chiunque ti dica diversamente probabilmente sta vendendo qualcosa.

Quali materiali non vedi l’ora di vedere?

Più che materiali, non vediamo l’ora di vedere migliorare i processi. Essere in grado di costruire più velocemente, più economico e in modo più coerente, è ciò che sarà il facilitatore. Inoltre, non vediamo l’ora di vedere più certificazioni di processo. Una volta che le industrie fortemente regolamentate come aerospaziale e ferroviario si sentiranno a proprio agio con la coerenza dei processi di stampa disponibili, vedremo alcune cose interessanti.

Dove sarà il progetto in cinque anni?

Probabilmente per lo più su aerei, in rotta verso i nostri clienti. Ma, in generale, vogliamo essere un nome familiare nel settore manifatturiero. E vogliamo essere in grado di dire che abbiamo avuto una mano nel cambiare alcuni settori in meglio.

Be the first to comment on "Intervista con Kunal Mehta di Blueprint 3D"

Leave a comment