Intervista con il co-fondatore di PADT Eric Miller un pionere della stampa 3d

Nel brodo primordiale della stampa 3D, negli anni ’90 un gruppo di ingegneri di Allied Signal utilizzava la simulazione e la stampa 3D per progettare motori a turbina. Questo gruppo ha visto il potenziale che la stampa 3D aveva, solo pochi anni dopo che la tecnologia era stata commercializzata. Hanno formato PADT nel 1994 . Il team ha acquistato uno SLA 250 ed era in attività producendo prototipi e subito dopo complessi progetti di produzione e design. Ora la società rivende anche attrezzature Stratasys, vende e consulta su ANSYSsoftware, esegue la scansione 3D come servizio e produce per aziende aerospaziali. L’azienda ha anche una specialità nella progettazione, sviluppo e produzione di dispositivi medici. Si dice anche che PADT faccia progetti di ricerca tecnicamente ambiziosi di altissimo livello per parti del governo degli Stati Uniti governate da acronimi. Oggi PADT è passato da uno dei primi uffici di assistenza al mondo a un’azienda di 25 anni con 95 dipendenti con un sito certificato di 44.000 Sq Ft ISO. Abbiamo intervistato il pioniere della stampa 3D e il co-fondatore della PADT Eric Miller per saperne di più sulla società vecchia di un quarto di secolo.

Come sei entrato nella stampa 3D?

Uno dei cofondatori della PADT, Rey Chu, ha avviato il laboratorio di prototipazione presso Allied Signign. Questo lo ha introdotto alla stereolitografia. Quando abbiamo avviato PADT nel 1994, sapevamo che volevamo trasformare questa tecnologia in una parte fondamentale della nostra attività, quindi abbiamo affittato un sistema e ci siamo imposti come prima agenzia di servizi in Arizona

Quali erano alcuni dei problemi allora?

I materiali erano limitati, il software era di base e le macchine non erano così robuste come oggi. Il grande problema era solo capire tutti i parametri che funzionavano meglio.

Hai dovuto aspettare ore per i file da tagliare?

In effetti, lo abbiamo fatto.

Quali tipi di parti hai fatto all’inizio?

Abbiamo avuto una grande varietà di parti da diversi settori, anche nelle prime fasi. Molti dei nostri primi lavori erano custodie per l’elettronica.

Hai realizzato oltre 100.000 prototipi per i clienti, quale era il più difficile?

Un alloggiamento della pompa. Era enorme e realizzato su una macchina FDM, ma doveva essere a tenuta stagna. Non potremmo mai farlo sigillare.

Che tipo di servizi di simulazione offrite? A cui?

La simulazione, proprio come AM, era una tecnologia di base per la PADT. Siamo partner di Elite ANSYS Channel che vendono e supportano la linea completa di strumenti di simulazione fisica ANSYS . Stress, Thermal, Vibration, Heat Transfer, Fluid Flow, Electromagnetics (High and Low) e Multiphysics.

Che tipo di prodotti progetta?

Un’ampia varietà. Abbiamo lavorato su giocattoli per bambini e aiutato pacchetti di avionica ridisegnati. Ma per quest’area dell’azienda tendiamo a concentrarci su:

  1. Apparecchiature rotanti personalizzate come pompe, soffianti e turbine per applicazioni difficili
  2. Dispositivi medici
  3. Attrezzature per la produzione di semiconduttori
  4. Confezionamento di elettronica commerciale

Molti servizi di stampa 3D sono limitati alla produzione, ma tu sembri essere uno sportello unico?

PADT significa offrire una soluzione completa alle aziende che progettano e producono prodotti fisici. Quindi, vogliamo fornire loro gli strumenti e i servizi di cui hanno bisogno per farlo meglio. In effetti, di recente abbiamo aggiunto la scansione come servizio perché i clienti continuavano a volerci aggiungere quella capacità in modo che potessero farcela con noi dato che stavamo già facendo così tanto per loro.

Che tipo di consiglio mi daresti se volessi portare sul mercato un dispositivo medico stampato in 3D?

  1. Assicurati che sia una buona idea da solo, con o senza 3D Printing
  2. Sfrutta i vantaggi della produzione additiva nel tuo design
  3. Ottieni la qualità a bordo fin dal primo giorno, preferibilmente qualcuno che capisca la stampa 3D. Assicurati che il tuo processo di produzione sia ISO13485 dal primo giorno.

Se volessi un prodotto finale stampato in 3D, quali saranno alcune delle insidie?

La risposta a questa domanda è così dipendente dalla parte. Ma parlando generalmente la finitura superficiale è qualcosa che devi imparare a convivere con la maggior parte dei processi di produzione. Inoltre, le proprietà del materiale as-built potrebbero non essere le stesse dei metodi tradizionali, quindi assicurati di poter vivere con loro. L’altro problema è la post-elaborazione. Assicurati di considerare il costo e il tempo per occuparti delle parti dopo che hanno lasciato il sistema.

Quali sono le cose che stanno trattenendo la stampa 3D?

Onestamente, non molto. Sta crescendo ad un buon ritmo. Qualsiasi più veloce e le persone potrebbero iniziare a inciampare. Penso che la più grande rapina ora sia che non abbiamo inventato i processi o i materiali di cui abbiamo bisogno per il prossimo salto in avanti. La stampa 3D ad alto volume con postelaborazione minima è più necessaria.

Hai anche un angelo investendo? In quali tipi di aziende?

Inizialmente, in qualsiasi tipo di azienda tecnologica. Che si è rivelato un errore. Ora investiamo solo in startup che progettano e producono hardware, e in un settore che capiamo davvero. I nostri tre preferiti investimenti Angel sono Volumill, software di lavorazione ad alta velocità; Serious Integrated, una soluzione touch screen modulare per macchinari; e StreamDX, un dispositivo medico che misura il flusso di urina negli uomini da casa … sì, ho detto l’urina.

Be the first to comment on "Intervista con il co-fondatore di PADT Eric Miller un pionere della stampa 3d"

Leave a comment