Intervista con il CEO di BigRep Stephan Beyer

Dopo l’annuncio di collaborazione con Bosh Rexroth abbiamo intervistato il CEO Dr. Stephan Beyer di BigRep GmbH . La società di grande formato sembra eccellere in partnership e marketing. Cosa sta succedendo con la startup di Berlino e dove sono diretti?

Come sta andando BigRep?

“Stiamo assistendo a un business molto dinamico in questo momento, con BigRep ei suoi partner all’avanguardia in una delle tecnologie più eccitanti e dirompenti del 21 ° secolo: la stampa 3D sta già ridisegnando la produzione additiva in molti settori. Stiamo costruendo le stampanti 3D per la produzione di serie più grandi al mondo, quindi stiamo riscontrando un alto livello di interesse e richieste da parte di aziende industriali di tutto il mondo. ”
Quali sono i tuoi verticali di destinazione e i tipi di società?

“Stiamo servendo diversi tipi di società e settori, tra cui, naturalmente, l’aviazione, l’industria automobilistica, la ferrovia, il design e l’architettura. Abbiamo un gran numero di piccole e medie imprese tra i nostri clienti, ma anche grandi aziende. Ciò riflette il nostro approccio altamente flessibile e orientato al cliente. Devi ascoltare l’industria. Quindi, per prima cosa identifichiamo e analizziamo l’applicazione richiesta, che, a sua volta, guida la selezione dei materiali prestazionali, conducendo alla terza e ultima fase, il sistema in quanto tale, apparecchiature AM industriali basate su una stampante 3D di grande formato. ”
Perché dovrei comprare un BigRep?

“I cinque principali motivi sono questi:
Dimensioni: con una capacità di oltre un metro cubo, il BigRep ONE offre il più grande volume FFF attualmente disponibile sul mercato.
“Made in Germany”: solo le nostre stampanti si basano sul know-how dell’ingegneria tedesca di alto livello .
Qualità tecnica – Le nostre macchine garantiscono una produzione affidabile e precisa con il più alto livello di qualità di iterazione.
Un approccio a scelta aperta per i filamenti.
Costi – Le stampanti BigRep sono altamente efficienti in termini di costi, sia nei costi di acquisizione che nelle operazioni a lungo termine. ”

Quanto è grande BigRep?

“Abbiamo sede a Berlino con un team di 90 ingegneri, sviluppatori, progettisti ed esperti provenienti da 22 nazioni diverse. Dato che stiamo servendo clienti in tutto il mondo, abbiamo anche uffici a Boston e Singapore. Inoltre, facciamo affidamento su un’eccellente rete globale di partner e rivenditori . Disponiamo inoltre di una rete globale di partner leader del settore, come Etihad Airways e Deutsche Bahn, nonché di importanti investitori, tra cui BASF, Koehler, Klöckner e Körber. ”
Stai mirando a fare molte piccole cose velocemente o oggetti di grandi dimensioni?

“In realtà entrambi. Uno dei vantaggi delle stampanti su larga scala, ovviamente, è creare oggetti industriali di grandi dimensioni in un unico pezzo. Ma anche la velocità è essenziale . Quindi un estrusore veloce è abbastanza importante. Per ONE, offriamo un Power Extruder opzionale con ugelli da 0,6, 1 e 2 mm in grado di stampare il 60% più rapidamente, rendendo così la nostra stampante una delle stampanti 3D di grande formato più veloci sul mercato. ”

Le tue macchine diventeranno ancora più grandi?

“Beh, potrebbero dipendere dai requisiti del cliente. Ma più importante è renderli più veloci e persino più efficienti e più connessi “.
Hai ricevuto finanziamenti UE, per cosa l’hai usato?

“I finanziamenti dell’UE mirano a sostenere la crescita di BigRep”.
Quali sono le sfide quando si sviluppa una stampante 3D?

“Oggi, come qualsiasi stampante 3D, anche le macchine di grande formato dovranno diventare più veloci ed efficienti. Devono inoltre offrire interconnettività e dati per diventare un elemento chiave nelle fabbriche intelligenti e nelle applicazioni IoT. Queste sono le sfide che ogni produttore deve affrontare in questo momento.

Dove speri di vedere BigRep tra cinque anni? Qual è l’ambizione di BigRep?
Per noi, è sempre stato lo spostamento di questa tecnologia e di questa industria in avanti. Gli studi dimostrano che il mercato delle stampanti 3D crescerà del 20% annuo fino al 2020. Uno studio di McKinsey prevede un volume di mercato di 100-250 miliardi di euro da allora – e una delle forze trainanti dietro sarà la stampa 3D di grande formato.

In questo contesto, intendiamo assumere un ruolo di primo piano nel mercato della stampa 3D per la produzione industriale. Allo stesso modo, miriamo a espandere ulteriormente il business e, allo stesso tempo, a diventare l’innovazione e il leader del pensiero nel settore della stampa 3D “.
Ti vedi come parte di un ecosistema o lo sviluppo di una piattaforma o semplicemente la spedizione di una macchina?

“Seguiamo un approccio completo e duraturo, quindi sviluppiamo soluzioni complete per sistemi integrati di produzione additiva, nonché un’ampia gamma di materiali di stampa a scelta libera”.

Che tipo di industrie pensi che utilizzeranno la stampa 3D per la produzione nel prossimo futuro?

“Lo stesso di oggi – automotive, aviazione e trasporti come la ferrovia. Inoltre, la tecnologia medica, i beni di consumo, la ricerca e la scienza sono altre aree di applicazione promettenti. ”
La colata di sabbia è importante per te?

“È un’applicazione affascinante. I modelli 3D creati dagli ingegneri con l’uso di un software CAD devono essere trasferiti solo su una stampante 3D BigRep da produrre. Riduce il ciclo di produzione, riduce l’utilizzo delle risorse e rende il processo completo più efficiente in termini di costi e tempo. Un esempio di ciò è la società inglese Teignbridge Propellers International, che produce eliche per rimorchiatori, yacht di lusso, pescherecci da traino e traghetti. Qui, la stampante 3D BigRep ONE viene utilizzata per stampare in 3D una replica a grandezza naturale dell’elica progettata per essere il modello positivo per lo stampo in ghisa , rendendo il processo più veloce del 33 percento . “

Be the first to comment on "Intervista con il CEO di BigRep Stephan Beyer"

Leave a comment