Intervista con Brent Wright di LifeEnabled

Intervista con il protesista e ortopedico Brent Wright di LifeEnabled sulle protesi stampate in 3D

Tra l’hubble e la bolla dell’ottimismo, del denaro e della crescita, ci sono anche persone che fanno cose buone con la stampa 3D. Le protesi open source sono una delle aree più interessanti della stampa 3D. Ecco un’area in cui è possibile utilizzare stampanti desktop e sistemi industriali ampiamente disponibili per realizzare protesi, bretelle e dispositivi di assistenza medica specifici per il paziente. Questi possono anche essere fatti sul posto e molto convenienti. La stampa 3D ha il potenziale per trasformare completamente la produzione e la distribuzione di questi dispositivi. L’idea è grandiosa, ma com’è la realtà sul campo? Affinché ciò accada, alcuni individui di talento dovranno essere la punta della lancia e implementare effettivamente queste tecnologie. Una persona che sta spingendo la protesi stampata in 3D è il protesista e l’ortopedico Brent Wright. Sta portando la conoscenza e la formazione del settore che deve alla stampa 3D e la implementa nella tecnologia e nelle aree private del capitale in tutto il mondo. Brent ha fondato LifeEnabled una no-profit che fornisce protesi alle persone in tutto il mondo . Brent lavora anche per EastPoint Prosthetics e Orthotics dove ha affinato il suo mestiere. Brent e LifeEnabled sono un’ispirazione e dovresti aiutarli a spingere la busta per aiutare.

Cos’è LifeNabled?
“LifeNabled è un’organizzazione senza scopo di lucro specializzata nella creazione di protesi di alta qualità, a basso costo, durature e nuove per il mondo in via di sviluppo. Crediamo che tutti quelli che mancano di un ramo meritino di avere mobilità e accesso a una protesi “.
Perché dovrei lavorare con te?
“Se ami la gente e ti piace vedere individui che altrimenti non sarebbero in grado di camminare prendi una protesi, c’è un posto per te che supporta LifeNabled”.
Con che tipo di aziende stai cercando di collaborare?
“Prendiamo molto sul serio le nostre partnership e provengono da un background diverso. Servono davvero tutti i tipi di persone e aziende per rendere LifeNabled un successo. Ad esempio, abbiamo un partner che si allena al baseball e ama ciò che facciamo e fornisce un’esposizione a LifeNabled ai propri clienti. Abbiamo una società che dispone di negozi che offrono esposizione nei negozi e l’accesso alla consulenza aziendale tramite l’amministratore delegato. Abbiamo un’altra società che lavora con i donatori se vogliono donare azioni a noi. Nessuna di queste aziende ha esperienza in protesi ma crede nella nostra missione “.

Cosa fa un prostetista?
“Mi piace sempre abbattere protesi e ortesi in una parola. La maggior parte delle persone ha visto il film classico Forest Gump. Forest Gump indossava ortesi e il Capitano Dan portava delle protesi.
“Un orthotist lavora con qualcuno con tutte le sue estremità per fornire correzione o supporto a specifiche parti del corpo.
“Un protesista lavora con una persona che manca a una parte del proprio corpo”.
Quando hai iniziato a utilizzare la stampa 3D e perché è così rilevante per te?
“Ho iniziato a stampare nel 2016. La stampa 3D mi consente di raggiungere le persone nei paesi in via di sviluppo con una protesi senza la necessità di costruire una struttura di fabbricazione ampia e costosa.”

Cosa riserva la stampa 3D nella tua zona?
“Attualmente, sono materiali. Molti dei materiali non sono abbastanza forti rispetto alla fabbricazione tradizionale e quando li si rende abbastanza forti sono piuttosto pesanti. Vedo molte promesse anche se i produttori di filamenti saltano nel polipropilene estruso e in altri nuovi materiali innovativi. “
Quali stampanti 3D usi?
“Dipende dall’applicazione. Ho una stampante Raise 3D che è altamente modificata in modo da poter stampare molti materiali. Uso le macchine Filament Innovations per stampare grandi ugelli e oggetti di grandi dimensioni. Io uso un Lulzbot Taz 6 e Mini per le parti di dettaglio con più risoluzione. Infine, utilizzo la mia macchina Blackbelt per interessanti protesi sagomate che tradizionalmente richiederebbero molto supporto. “

Che materiali usi?
“Uso un po ‘di tutto, ma ho optato per CF PETG e PETG per la maggior parte delle applicazioni. Però vedo un sacco di promesse per il polipropilene. “
Come possono essere migliorati i materiali di stampa 3D per te?
“Penso davvero che sia una combinazione di materiali e macchine. Più ci avviciniamo alla laminazione tradizionale, meglio è. Molto più lavoro deve essere completato su come l’ambiente gioca un ruolo nel ottenere una buona stampa. “
Cosa ne pensi di FDM vis a vis MFJ e SLS?
“Amo MJF Non ho familiarità con SLS ma so che il tempo di raffreddamento è un problema con entrambi, tuttavia MJF ti consente di raffreddare le parti in un’altra camera. Le parti sono incredibili e forti e la risoluzione è incredibile. Le parti sono decisamente più costose ma il prezzo sta scendendo. FDM è ancora il modo più economico per stampare, ma a mio parere, i report generati sulle macchine MJF su come la stampante ha funzionato e la coerenza ha più senso quando decidiamo di realizzare un prodotto finale “.

Pensi che la stampa 3D cambierà radicalmente il tuo campo?
“I fondamenti sono fondamentali, penso che i protesisti siano i migliori al mondo a creare uno dei prototipi economicamente vantaggiosi. Le regole per il comfort e l’allineamento non cambiano, ma cambiano i materiali e gli stili di fabbricazione. Non vedo l’ora di ottenere materiali morbidi e materiali duri nella stessa protesi. Non vedo l’ora di una personalizzazione di massa che sia economicamente vantaggiosa. “
Le bretelle e le ortesi specifiche del paziente saranno la norma?
“Sulle ortesi degli arti superiori, sarà la norma. Le ortesi degli arti inferiori diventeranno più comuni mentre raccogliamo dati sulla durabilità “.
Quanto è conveniente utilizzare la stampa 3D rispetto ai metodi tradizionali?
“Per le protesi, l’economia funziona quasi rispetto alla fabbricazione tradizionale. Dal punto di vista ortografico, è meno lavoro stampare gli articoli, tuttavia i costi sono più alti rispetto al prezzo che riceviamo per un determinato dispositivo. Prevedo che questi costi migliorino nel tempo però. “

Be the first to comment on "Intervista con Brent Wright di LifeEnabled"

Leave a comment