Intervista con Anastasia Pistofidou di FabTextile e Fabricademy

TextileLab and Fabricademy: intervista con Anastasia Pistofidou sulla moda di stampa 3D sostenibile

Moda e sostenibilità sono due parole che oggi si sentono come contrari. La produzione in serie di indumenti e metodi di produzione eticamente dubbiosi conferiscono a una delle maggiori forze economiche una delle migliori posizioni nei settori più inquinanti. Ciò crea un’influenza sociale negativa e un impatto climatico che rende evidente la necessità di un cambiamento che renda la moda di nuovo grande. Questo problema non è nuovo e molte persone stanno lavorando per un futuro migliore. E anche se i cambiamenti arrivano lentamente, la mentalità e così con essa l’industria si sta muovendo verso una direzione più sana.

Una di quelle persone che credono nella necessità di un cambiamento nella moda è Anastasia Pistofidou . Lei è un architetto greco specializzato in tecnologie di fabbricazione digitale. Con sede a Barcellona, ​​attualmente lavora come direttore del laboratorio di ricerca FabTextile e Fabricademy , una nuova accademia tessile e tecnologica. Il progetto FabTextile offre una “produzione open source di moda per un ecosistema dell’innovazione globale”. È una piattaforma di ricerca che cerca un nuovo approccio nel settore della moda attraverso l’uso di tecnologie come la stampa 3D o la fresatura CNC.

Tratto dal sito web di FabTextile:

In Fab Textiles stiamo sviluppando e implementando un nuovo approccio su come creare, produrre e distribuire elementi di moda, utilizzando infrastrutture di produzione distribuite e reti di conoscenza. Fab Textiles offre una piattaforma interdisciplinare di istruzione e ricerca, in cui produzione e cultura attraverso tecnologie avanzate stanno avendo un impatto nel modo in cui pensiamo e agiamo nei confronti dell’industria della moda.

Come abbiamo accennato in altri post , l’uso della stampa 3D nel settore tessile sta aprendo un nuovo ambito orientato al miglioramento del panorama attuale della moda. Anche se stiamo ancora compiendo piccoli passi prima di passare ai maggiori traguardi, ci sono alcuni modi interessanti che la stampa 3D può aggiungere alla moda. Alcune delle cose positive che la stampa 3D potrebbe portare in questo campo è la possibilità di creare capi su misura che sprecano meno materiale. La capacità di produrre localmente e migliorare i sistemi di distribuzione, risparmiando costi di trasporto e inquinamento, sono altri vantaggi. Inoltre, l’idea della moda open source è piuttosto interessante e potrebbe cambiare il modo in cui disegniamo gli abiti, migliorando la personalizzazione dei pezzi per adattarli alle esigenze personali, rendendo la moda più un’impresa collettiva.

Abbiamo chiesto ad Anastasia alcune domande per saperne di più.

Quali stampanti 3D usi?

Utilizziamo varie stampanti 3D utilizzando la tecnologia FDM, principalmente BCN e Prusa.

Quali materiali puoi stampare?

Possiamo stampare in TPU, PLA, Filaflex, nylon.

Come potrei lavorare con te se fossi un designer di moda?

Puoi creare schizzi e modelli in carta e possiamo stamparli in 3D e in 3D.

Perché ciò che fai è importante?

Perché è un processo di produzione completamente nuovo e ha utilizzato modelli 3D che sono modelli digitali e non fisici su carta. puoi anche progettare direttamente in 3D, non necessariamente in uno schema piatto. Puoi inviare il tuo file 3D ovunque per la stampa, senza dover spedire gli indumenti

Qual è il valore aggiunto?

Produzione distribuita, produzione collaborativa, self making, autosufficienza.

Cosa stai aggiungendo al mondo della stampa 3d e della moda?

Tecniche, tutorial, materiale didattico, metodologie, prodotti come vetrina, pezzi artistici.

Puoi indossare gli indumenti?

Si è possibile.

Puoi pulirlo in lavatrice?

Anche le lavatrici possono cambiare, immagina di pulire i tuoi indumenti mentre stai pulendo un tavolo, sarà un metodo di pulizia diverso.

Be the first to comment on "Intervista con Anastasia Pistofidou di FabTextile e Fabricademy"

Leave a comment