Intervista con Alvaro Goyanes, direttore dello sviluppo e co-fondatore di FabRx

Intervista: FabRX è alla ricerca di farmaci personalizzati stampati in 3D

Con l’obiettivo di creare farmaci stampati in 3D, FabRx , una società spin-out della School of Pharmacy , Regno Unito (Regno Unito) dell’University College di Londra , è stata fondata nel 2014 da accademici che volevano sviluppare un diverso trattamento paziente personalizzato che potesse rivoluzionare il modo le persone consumano medicine. FabRx è il creatore di Printlets , compresse stampate in 3D con dosaggi personalizzati di farmaci, il risultato di oltre cinque anni di ricerca presso Advanced 3D Printing Lab presso l’ University College di Londra (UCL). Intervista con Alvaro Goyanes, direttore dello sviluppo e co-fondatore di FabRx, per dare un’occhiata più da vicino al viaggio nello sviluppo di medicinali stampati e dispositivi medici carichi di droga, nonché uno sguardo al futuro dell’azienda.

È stato un periodo avvincente nel 2014, quando Goyanes, un ricercatore post-dottorato presso l’UCL, ha iniziato a studiare i medicinali stampati in 3D per la consegna orale di farmaci. Dopo aver lavorato per tre anni come farmacista registrato, il nativo spagnolo era curioso di implementare la tecnologia, che aveva avuto così tanto successo in altre aree – come ingegneria, industria alimentare e moda – nel settore farmaceutico. Il suo primo contatto con le stampanti 3D è stato come ricercatore presso la School of Pharmacy della UCL e da allora ha sempre pensato a diversi modi in cui poteva applicarlo al suo campo di competenza. Il passaggio dal ricercatore UCL al co-fondatore di FabRx è stato “abbastanza ovvio” per Goyanes, c’era un urgente bisogno di sviluppare farmaci personalizzati e pochissime aziende stavano esaminando questa nicchia. Quindi insieme ai colleghi della School of Pharmacy, Abdul Basit, Simon Gaisford e Bill Lindsay, è passato al mondo delle startup biotecnologiche.

Come hai sviluppato un’impresa commerciale farmaceutica?

Non avrei mai pensato di aprire la mia azienda, ma la cultura imprenditoriale è ben radicata presso la UCL. In effetti, gli altri co-fondatori sono tutti imprenditori seriali e in passato hanno fondato con successo altre startup, quindi quando abbiamo realizzato il potenziale impatto della stampa 3D in campo farmaceutico, abbiamo deciso di esplorare diverse opportunità di business. Parte del mio tempo è stato dedicato alla ricerca in laboratorio con il nostro eccezionale team dell’UCL, concentrandomi sull’ampliamento dei nostri orizzonti aziendali. FabRx ha inoltre sviluppato forti collaborazioni con partner esterni, tra cui l’ospedale clinico universitario di Santiago di Compostela, in Spagna, dove vengono condotti studi clinici utilizzando i nostri medicinali stampati in 3D. In quanto tale, parte della nostra ricerca abbraccia la scienza fondamentale, tuttavia, cerca anche opportunità per la sua traduzione in iniziative imprenditoriali.

Qual era l’obiettivo principale di FabRx?

All’inizio, abbiamo deciso di concentrarci sullo sviluppo della formulazione, valutando i componenti delle compresse stampate in 3D, o opuscoli, e ottimizzando la selezione del materiale, ovvero eccipienti e farmaci farmaceutici, per stampare medicinali. Da allora ci siamo resi conto che per stampare tali medicinali abbiamo bisogno delle stampanti 3D e del software di stampa appropriati. Di conseguenza, abbiamo iniziato a sviluppare opuscoli in base alle esigenze personalizzate del paziente. Ora che abbiamo esperienza nello sviluppo della formulazione, miriamo anche a sviluppare la stampante giusta per la preparazione farmaceutica. Abbiamo riconosciuto che nell’industria farmaceutica, per garantire la qualità e la sicurezza dei medicinali, è necessario regolare lo sviluppo delle formulazioni e le attrezzature e il software utilizzati per controllarlo.

Ricercatori presso i printlet di stampa 3D FabRx

Perché è necessario utilizzare diverse tecnologie di stampa 3D?

Abbiamo esplorato tutte le tecnologie di stampa 3D per capirle e vedere come le loro differenze possono potenzialmente influenzare le caratteristiche dei farmaci. Ad esempio, alcune tecnologie non sono adatte perché degradano il farmaco, rendendo le medicine inattive. Grazie a questa ricerca, ora conosciamo le diverse tecnologie di stampa 3D che possono essere utilizzate per la fabbricazione di piccole molecole o persino biologiche. Possiamo anche stampare opuscoli disintegrazione molto veloci che si dissolvono rapidamente in bocca, così come opuscoli come compresse convenzionali o formulazioni masticabili con colori o sapori diversi che sono più appropriati per i bambini.

Quali sono i vantaggi dei printlet?

Al momento, ci preoccupiamo della qualità e della sicurezza dei medicinali e non siamo veramente preoccupati dei costi di produzione . Siamo sicuri che questi medicinali saranno sicuri e migliori dei medicinali che sono preparati, ad esempio, dalla composizione manuale. Avere medicinali migliori e più accettati aiuterà l’adesione dei pazienti ai loro farmaci, aumenterà la terapia e come tale, può ridurre i problemi di salute e, di conseguenza, i costi.

Con la stampa 3D, è possibile ridurre lo stock di medicinali negli ospedali: con un singolo “inchiostro”, un farmacista sarà in grado di stampare medicinali con qualsiasi dose su richiesta. Ciò faciliterà la logistica nella riduzione dei costi, ma soprattutto ridurrà il numero di medicinali scaduti.

Quanto sono avanzati i printlet?

Il nostro gruppo è all’avanguardia nella stampa 3D di prodotti farmaceutici e mira a fornire questi medicinali ai pazienti. Abbiamo recentemente pubblicato il primo studio clinico di un farmaco stampato in 3D in un ospedale che fornisce prove del funzionamento della tecnologia. Abbiamo spostato una stampante 3D nel dipartimento di farmacia dell’Ospedale Clinico Universitario di Santiago de Compostela e abbiamo dimostrato che era possibile stampare in un ambiente ospedaliero. Lo studio clinico è stato un successo poiché la medicina stampata in 3D è stata accettata positivamente dai pazienti.

Noti che c’è una grande richiesta di stampa 3D di prodotti farmaceutici?

Vi è una chiara necessità di medicinali personalizzati, tuttavia fino ad ora non esisteva un sistema automatico per preparare medicinali personalizzati per i pazienti. La stampa 3D apre nuove opportunità sul campo: ora è possibile introdurre sul mercato nuovi medicinali che non avrebbero potuto essere commercializzati in passato.

Com’è la comunità della stampa 3D nel Regno Unito?

La comunità della stampa 3D nel Regno Unito è consolidata: è facile trovare professionisti e ricercatori che realizzino idee. Anche il governo è favorevole; ci è stato concesso un progetto da Innovate UK (agenzia di innovazione del Regno Unito) per sviluppare una stampante appositamente progettata per i prodotti farmaceutici a supporto della visione della nostra azienda. Essere a Londra ci aiuta anche a incontrare potenziali clienti e investitori.

Il governo è molto favorevole alla nostra ricerca, ci siamo incontrati con l’Ufficio dell’innovazione dell’Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari (MHRA) , che ha lo scopo di fornire farmaci migliori ai pazienti attraverso la stampa 3D . Pertanto, la sfida di implementare il tipo di sistemi che stiamo sviluppando negli ospedali e nelle industrie del Regno Unito potrebbe non essere un grosso ostacolo come pensavamo in precedenza.

Qual è il potenziale per la tua tecnologia?

La ricerca nel Regno Unito è estremamente forte ed è molto più avanti rispetto alla maggior parte dei paesi guidati dalla ricerca. La stampa 3D offre molte opportunità nel settore farmaceutico; può essere utilizzato per la fabbricazione di medicinali preparati in strutture industriali o può essere implementato – e questa sarebbe la novità – come tecnologia di erogazione per fabbricare medicinali personalizzati di una dose specifica nel punto di erogazione negli ospedali. In futuro, i pazienti avranno fabbricati medicinali negli ospedali appositamente per loro con la giusta combinazione di farmaci e la dose corretta.

Quali campi sono interessati alla tua innovazione?

Lavoriamo principalmente con aziende produttrici di materiali che ci chiedono di valutare i loro materiali farmaceutici, nonché con aziende farmaceutiche e ospedali che desiderano esplorare questa tecnologia per sviluppare le proprie medicine. Abbiamo contatti con grandi aziende farmaceutiche, tuttavia, le aziende più grandi sono lente ad adottare nuove tecnologie e spesso aspettano di vedere come si evolvono tali innovazioni. Ci impegniamo anche in collaborazioni con università e laboratori di diversi paesi in tutti i continenti che si concentrano principalmente su formulazioni orali.

Be the first to comment on "Intervista con Alvaro Goyanes, direttore dello sviluppo e co-fondatore di FabRx"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi