Intervista ad un pioniere della stampa 3D il finlandese Janne Kyttanen

Intervista al  pioniere della stampa 3D Janne Kyttanen

Abbiamo avuto la possibilità di incontrare il pioniere nel 3D, Janne Kyttanen , per parlare di tutte le cose in 3D, e anche della paternità. Janne è stato dietro le quinte lavorando tranquillamente su diversi progetti relativi al 3D che ora può condividere con noi in modo più dettagliato. Oltre a co-fondare un VC , Janne consulta le aziende per aiutare il panorama in continua evoluzione del 3D al fine di prepararsi alla trasformazione digitale ed evitare la confusione nel mondo 3D. Anche Janne  prova ad aggiungere valore a un marchio con soluzioni di design, identificare nuove tecnologie 3D o semplicemente inventare nuove strategie tecnologiche per sconvolgere il settore. Janne è stato determinante nel realizzare alcuni dei primi gioielli di design, lampade e mobili nella stampa 3D. Ha anche iniziato la prima etichetta di design di stampa 3D. MGX e il primo studio di design FOC prima di dirigere il design in 3D Systems. Oltre a essere leader nello sviluppo del design e della tecnologia, Janne ha anche realizzato alcuni dei più iconici pezzi di design in 3D stampati che si trovano nelle collezioni permanenti di musei in tutto il mondo. È sempre un buon momento per scoprire cosa stanno facendo i pionieri nel nostro settore.

Come sei entrato nella consulenza di stampa 3D?

Forse sono cresciuto insieme all’industria. La verità è che 20 anni fa, quando ho iniziato a dedicarmi alla stampa 3D, mi sono concentrato maggiormente sugli obiettivi egoistici. Dopo essermi unito ai System 3D nel 2011, mi sono svegliato e ho iniziato a capire quante aziende e persone sono confuse riguardo al 3D. Che si tratti di un’azienda di stampa 3D che non massimizza la propria tecnologia in modo creativo o le aziende che vogliono entrare in 3D ma che prendono decisioni di acquisto orribili per raggiungere tale obiettivo. Mi sono stancato di guardare da dietro le linee  e ho deciso di fare qualcosa al riguardo.

Inoltre, 10 anni fa, quando le persone iniziarono ad acquistare stampanti 3D a casa, il livello di consulenza riguardava il miglior filamento da utilizzare o la stampante da acquistare per fare uno Yoda. L’industria della stampa 3D è ora in un punto in cui sta iniziando a creare un vero effetto FOMO per le grandi aziende se non vengono coinvolte. Non è più un hype o qualche promessa futura lontana, ma ci sono dati reali per sostenerlo.

Perché sei entrato nella stampa 3D e cosa ti fa spaccare dopo tutti questi anni?

In generale, mi piace come le tecnologie rendano costantemente la nostra vita migliore e più efficiente. La stampa 3D non è diversa. Tuttavia, come accennato in precedenza, ciò che non è efficiente – le grandi società e il loro adattamento al cambiamento. Hanno le persone, i soldi e tutte le risorse sotto il sole, ma sembrano ancora prendere decisioni sbagliate quando si tratta di adottare la tecnologia o la trasformazione digitale. La domanda principale per me è “perché la storia si ripete anche se i segni sono scritti sul muro?”

Suppongo che ciò che mi rende ineccepibile sia aiutare le organizzazioni ad adattarsi alle nuove tecnologie creando le giuste strategie e pensando attraverso passi efficaci per l’implementazione per supportare gli inevitabili cambiamenti prima che subiscano interruzioni.

Molti lettori di questa intervista potrebbero essere in grado di relazionarsi con questa immagine. Un CEO mette il pugno sul tavolo e insiste affinché l’azienda entri in stampa 3D, ma non richiede in primo luogo ai suoi dirigenti di presentare un piano di implementazione completo che risponda alle domande chiave. Ad esempio, che cosa faranno queste stampanti e chi serviranno, chi le opererà e le manterrà, in che modo compreremo software e materiali, abbiamo le competenze giuste in-house e se no, che cosa e come le acquisiamo, è ora il momento giusto o è pronto per il mercato, ecc. È un classico esempio in cui le aziende potrebbero avere la visione giusta ma fallire con la strategia e l’esecuzione. Il mio obiettivo è essere in quella sala riunioni prima che entrino nel gioco 3D.

Continuerai a offrire servizi di progettazione?

Probabilmente la gente mi conosce soprattutto dal mio lavoro di progettazione nel settore e di conseguenza ricevo ancora richieste come: “Puoi progettare la nostra nuova macchina, quanto tempo ci vorrà e quanto costa?” La mia risposta generale è: ” ci vogliono 25 anni e 5 minuti. ”

Per me, il design è la parte più semplice dell’equazione. Il mio vero interesse è nel collegare i punti e nel fornire la rete giusta: materiali, software, applicazioni, distribuzione e collegarli tutti al prodotto finale. Quindi non sono solo interessato a progettare “cose” per le aziende, ma piuttosto a progettare la struttura, i processi e le risorse che supportano l’azienda a vendere i loro prodotti in modo efficace.

Un buon esempio di questo è un recente progetto con Nexa 3D .

Sei stato assente dal settore per alcuni anni e ora sembra che tu sia tornato nel gioco. Che cosa hai fatto dopo aver lasciato 3D Systems?

Forse sono apparso tranquillo e assente, ma non me ne sono mai andato, forse non ero così visibile. Anche se il settore stava ancora raccogliendo le sue biglie dopo che il mercato azionario è crollato, ho trovato l’opportunità di co-creare un fondo VC, WTFVC , dove io e il mio partner progettiamo e investiamo nelle nostre idee. Iniziamo le aziende da zero, fornendo la gestione provvisoria, e poi assumiamo gli amministratori delegati kickass per correre con loro in cambio di equità. Facciamo anche alcuni investimenti esterni, ma solo quando aggiungono valore alla famiglia di aziende che stiamo creando. Quindi stiamo creando iniziative 3D per applicazioni altamente specifiche.

Una di quelle società era Pixsweet , una soluzione business-to-business che offriva pop-up 3D personalizzati come magia di marketing commestibile per marchi ed eventi. Alla base di tutto c’è la tecnologia che abbiamo inventato, l’iniezione 3DTI o 3D per termoformatura, in cui la stampa 3D viene utilizzata come uno strumento nel processo di produzione additiva complessivo rispetto al mezzo per un fine. È un classico esempio in cui le tecnologie si scontrano e il risultato è l’inaspettato. La sua parte motore di ricerca, parte food science, parte stampa 3D e parte tecnica di imballaggio alimentare. La visione era quella di responsabilizzare tutti in modo che potessero Gustare Internet trasformando qualsiasi immagine in cibo 3D in pochi secondi nel cloud.

 

E se ti stai chiedendo: perché il ghiaccio si sta rompendo ? La mia rapida risposta sarcastica è perché no. La risposta più lunga è che l’applicazione non è cambiata in oltre 100 anni e sembrava un modo semplice per interrompere tre industrie antiche allo stesso tempo: stampa 3D, distribuzione alimentare e tecnologia di confezionamento termoformato. La realtà è che 3DTI è in grado di gestire qualsiasi tipo di liquido, pasta o tipo di gel. Abbiamo appena deciso di concentrarci innanzitutto sul cibo. In media, l’industria degli imballaggi alimentari gestisce le aziende con una gamma di EBITDA del 5% (ad es. Carne o formaggio). In poche parole, fanno pochi centesimi per prodotto, che alla fine della giornata è un affare spietato. E hanno solo un canale, che è un grande volume di vendita al dettaglio, il che significa che sono praticamente messi alle strette. Possiamo rendere le loro vite molto più facili attraverso il 3D.

Stiamo parlando di enormi industrie qui, che non sono cambiate da decenni, quindi, sfortunatamente, non è un processo veloce, ma siamo soddisfatti dei progressi e annunceremo presto nuove partnership su larga scala con la nostra tecnologia.

Qual è stata la ragione per l’avvio del VC?

Ho visto un vuoto nel mondo degli investimenti in cui alcune persone hanno i soldi e altri hanno le idee. Il mio obiettivo è aiutare questi due mondi a scontrarsi. Siamo impegnati nella creazione di una famiglia di imprese, che aggiungono valore l’una all’altra. Qualcuno potrebbe creare software, il che aggiunge valore a una nuova tecnologia di produzione che stiamo creando e viceversa. Qualcuno potrebbe anche avvicinarsi a me per consultarli, ma potremmo finire per investire in essi o diventare membri del consiglio di amministrazione.

Che tipo di startup create?

Siamo concentrati sulle inattese innovazioni 3D dirompenti, che nessun altro vede. Il tipo di palle straniere, che a prima vista sembrano così strane, che sono interessanti. A meno che la tua organizzazione non sia strutturata con un’unità skunkworks separata, l’innovazione del cielo blu non avviene quasi mai all’interno delle organizzazioni. Ti colpisce nella parte posteriore della testa quando meno te l’aspetti. È il dilemma del classico innovatore all’interno delle grandi organizzazioni, che continua a ripetersi di volta in volta. La maggior parte delle aziende sono semplicemente strutturate per fare soldi il più velocemente possibile, migliorando in modo incrementale ciò che hanno, snellendo i canali, automatizzando i processi, ecc. Non è nel loro interesse interrompere deliberatamente ciò che hanno costruito, anche se fornirebbe un successo a lungo termine o vantaggio più competitivo. Se prendiamo un esempio dall’industria della stampa 3D, La Stratasys non ha creato una macchina FDM in compensato da $ 100 nel 2009, che è diventata il catalizzatore per l’industria. Fino a poco tempo fa 3D Systems non creava una macchina SLA da tavolo. Entrambe queste aziende avrebbero potuto creare queste macchine nel sonno, ma non l’hanno fatto. Semplicemente non aveva senso, dal momento che avrebbe cannibalizzato i canali esistenti. Il resto è storia.

Quali sono le prospettive per te?

Quanto tempo hai? LOL.

Dal lato personale, mia moglie ed io siamo impegnati a crescere il nostro figlio piccolo, Aiden. Chi tenta di essere molto organizzato, indipendente, iper focalizzato (si chiede da dove viene) ed è ossessionato da tutte le cose (non mi ha capito ). Diventare padre è stata la cosa più difficile e migliore che ho fatto nella mia vita. Sono costantemente stupito dalla velocità dello sviluppo, sopraffatto dall’amore che ho per lui e ansioso di iniziare a creare e costruire cose insieme, specialmente con tutte le nuove tecnologie che entrano nel mercato in 3D, AR e VR.

Dal punto di vista professionale, il VC è impegnato a finalizzare alcuni investimenti in società di software, cercando nuove opportunità. Siamo anche alla ricerca di più applicazioni 3DTI. E nel mondo della consulenza, sono occupato con alcuni progetti esistenti e in discussioni con molte altre opportunità che non vedo l’ora di essere coinvolto .

Be the first to comment on "Intervista ad un pioniere della stampa 3D il finlandese Janne Kyttanen"

Leave a comment