Intervista ad Hugo da Silva

Hugo da Silva di DSM: “Non credo che nessuno dovrebbe possedere l’ecosistema”

Hugo da Silva gestisce l’unità di stampa 3D di DSM da oltre due anni e mezzo. Durante quel periodo l’impresa si è dimostrata una forza determinata nel mercato. DSM è attiva nei materiali di stampa 3D da oltre 26 anni e negli ultimi due ha raddoppiato i suoi sforzi. Iniziando come fornitore autonomo di resina SLA, l’azienda si è evoluta. La società si è concentrata profondamente su settori verticali quali automobilistico, edile e manifatturiero.

Oltre a questi sforzi, il colosso olandese della chimica, della plastica e degli additivi alimentari ha collaborato ampiamente con utenti finali, società di servizi e start-up. Insieme a BASF è il DSM che si è spostato nello spazio di stampa 3D in modo più aggressivo. BASF sembra tuttavia desiderare il controllo e le soluzioni end-to-end tutte offerte dall’azienda, mentre DSM è più orientata all’ecosistema dei partner.

Sono stato affascinato dal modo in cui queste grandi aziende di materiali si avvicinano al nostro mercato in modo molto diverso e le stiamo seguendo da vicino. DSM è stata la stampa 3D di ponti passeggeri , ha condotto un round in Additive Manufacturing Technologies , ha lavorato con Twikit allo sviluppo di soluzioni per l’industria automobilistica , ha offerto un nuovo materiale ignifugo , ha investito in Inkbit , ha guidato un gruppo di materiali flessibili e ha lavorato con BAC per mettere le parti sulla loro macchina. Al centro di tutta quell’attività c’è Hugo che è una voce sorprendentemente serena, calma, fresca e raccolta tra la raffica di iniziative che la sua azienda ha messo in campo.

Sente che ” hanno davvero fatto il passo verso la vera produzione ” e hanno avuto “una buona attenzione ” per ” riunire ” tutti gli elementi disparati necessari per questo. La società, “ha riempito la sua pipeline di veri progetti di produzione, partnership, accordi commerciali e avventurosi ” che ” rendono possibile la produzione “. DSM ha fatto “un bel po ‘di investimenti negli ultimi mesi ” e questo e i suoi sforzi di sviluppo del business si sono concentrati su ” produzione reale di componenti “e” progetti di produzione reali “con” un cliente dietro di loro “. La sua visione vede l’azienda”affrontare le sfide della produzione attraverso un ecosistema “in cui” DSM non vuole fare tutto “. Nel realizzare” gli strumenti digitali necessari per consentire la produzione “, la sfida I AM Tomorrow, ad esempio , ha scelto 6 startup da 75 a insieme creano la catena di fornitura digitale. In termini di ” flusso di lavoro digitale, cose come previsione, profili di produzione, ispezione ” è la combinazione di ” tutte le aziende dell’ecosistema ” che renderà sostenibili gli ” altri pilastri “.

Hugo afferma che esiste una differenza fondamentale tra l’approccio di DSM e la direzione di altre aziende. ” Non voglio parti e pezzi “. Invece ” Voglio aiutare OEM e clienti a capire come ottimizzare le parti “. ” Abbiamo un approccio fondamentalmente diverso alla partnership” … “Non credo che qualcuno dovrebbe possedere il ecosistema. “” Se tracciamo un parallelo con l’App Store di Apple quello che rende l’app proprietaria dell’app ” e” sì, il futuro è digitale “, ma il modo in cui” noi guidiamo l’adozione per noi stessi e gli altri condividendo e consentendo alle aziende lavorare insieme. “Attraverso questo percorso,” tutti faranno soldi “ed è per questo che sono” hentusiasta di avventurarsi, non pesante in M&A. “

Egli ritiene che attualmente in stampa 3D “ nel nell’era digitale, il centro di gravità, è su materiali ” e “ società materiali hanno leva a causa delle proprietà che essi forniscono .” Ma, le parti devono lavorare, “ se il risultato della stampa un 100 volte, testarlo 100 volte “.. nei” milioni di combinazioni di impostazioni “le parti devono funzionare. Indica cose come la partnership di Twikit sulle protesi e la stampa 3D CEAD di ponti polimerici riciclabili che utilizzano Arnite come ” progetti con applicazioni reali “.

Be the first to comment on "Intervista ad Hugo da Silva"

Leave a comment