Intervista ad Aaron Trocola

Interviste di esperti del settore: Aaron Trocola sulla stampa 3D Fashion & Wearable Tech

Aaron Trocola è un designer e consulente industriale specializzato nello sviluppo di prodotti che utilizza processi di produzione additiva, spesso sfruttando i dati 3D per la personalizzazione, e specialmente nel contesto del corpo umano. I suoi primi lavori nello sviluppo di sistemi di visualizzazione per display 3D e strumenti di simulazione chirurgica si sono trasferiti bene alla progettazione del prodotto, dove la produzione additiva (stampa 3D) offre opportunità per uno sviluppo efficiente e redditizio dei prodotti, oltre alla libertà creativa. È un innovatore tecnico e di moda che ha una grande esperienza che applica a vari lavori che svolge attualmente nel campo. Attualmente lavora come consulente di stampa 3D per il Brooklyn Fashion Design Accelerator , nonché indipendentemente sulla sua Threeform Fashion che ha fatto per oltre otto anni.

Parlami del tuo background.

Sono un designer industriale. Vengo da uno sfondo di design del prodotto. Mi sono specializzato nella stampa 3D. In particolare, mi sono concentrato sulla stampa 3D organica. Ho trovato una nicchia nella tecnologia indossabile e nella stampa 3d. L’adattamento dei pezzi tecnologici indossabili è stato intorno al 2009. Ho quindi iniziato a lavorare su materiale per la scansione del corpo. Ho lavorato a una società di display 3D allora. Ho quindi lavorato su alcuni dispositivi tattili. Sono stato in grado di imparare molto sulla computer grafica e sulla stampa 3D. 2011 Ho lavorato su pezzi di nylon sinterizzato al laser. Shapeways l’ha reso possibile allora. Sono riuscito a ottenere molti di quei pezzi e dopo sono stato invitato a vedere più sfilate di moda. Molti di questi spettacoli sono davvero sperimentali. Lavoro su pezzi sperimentali per sviluppare e convalidare la tecnologia con modelli geometrici. Mi concentro su cose che non sono utilizzabili per i consumatori al momento.

Qual è la barriera per l’uso futuro?

Qual è l’obiettivo? Non possiamo competere con i tessuti. La stampa 3D è il punto di contatto tra i prodotti realizzati industrialmente e gli articoli più organici. Siamo in grado di ottenere un grande controllo con la stampa 3D. Per me vedo l’utilità nel confezionare e assemblare elegantemente. Ho un paio parla della disposizione di wearables, tecnologia e abbigliamento. Impianti, cose attaccate alla superficie della pelle, zaini, cinture, ecc. C’è il vantaggio negli strati statici. I dati della risonanza magnetica possono aiutarci a ottenere dati sorprendenti per la progettazione 3D. Ora è possibile creare patch e articoli diversi all’interno dei vestiti. Vogliamo integrare tecnologia e abbigliamento senza problemi. Non è necessario superare la tecnologia all’interno dell’abbigliamento. Il prezzo è molto importante. Abbiamo materiale estensibile, ma non sono così durevoli. È ancora importante concentrarsi sulla riutilizzabilità.

Chi sono le persone a cui prestare attenzione nella moda stampata in 3D?

I nomi più famosi hanno già il loro momento di stella nascente. Sembra che la maggior parte delle persone nel campo stia facendo solo progetti fuori progetto. Penso che più organizzazioni stiano facendo il lavoro. La maggior parte di queste persone deve collegarsi con un istituto di ricerca. Gran parte di ciò che viene fatto deve essere fatto con alcune società che lavoreranno sulla protezione IP.

Iris van Herpen è una designer olandese da esaminare. Si è fatta strada in termini di realizzazione di un gruppo di pezzi per una collezione. Nel 2011 ha lavorato con Materialise. Non fa la modella, ma ha un sacco di abilità nel disegno e nei materiali.

Perché i vestiti si concentrano sulla moda stampata in 3D?

Social media La moda è una grande industria. Sono 4 trilioni di dollari. Se devi aggiungere i media della moda è immenso. Chiunque abbia sfogliato una rivista di moda è in grado di confrontare gli articoli e ciò che vediamo nella rivista. Niente è veramente fatto con vestiti vere. Si può creare una sciarpa casuale e renderla meravigliosa. Si può usare un pezzo raffinato nella stampa 3D. Ciò consente di utilizzare alcuni pezzi che ho realizzato. Heidi Lee è in grado di mettere un sacco di cose sui social media, ad esempio del mio lavoro. Non dovremmo concentrarci su cose stampate al 100% in 3D, come un vestito completo. Non dovremmo pensare di sostituire le fibre fatte attraverso le piante. Dovremo aspettare altri modelli molecolari.

Penso che la biologia sintetica sia il futuro per i materiali della stampa 3D e della moda. Cosa pensi?

Sono d’accordo. È importante imitare la biologia. Con gli scaffold stampati in 3D è un’ottima direzione da seguire. Essere in grado di manipolare la struttura è molto importante. Mi piacerebbe vedere cosa fanno le persone con la bio-stampa e altre proteine ​​interessanti che potrebbero aiutare a legare e incrociare molecole collegate. C’è un sacco di potenziale. Gli attuali tessuti sono focalizzati sui processi biologici. Penso a quello che vedremo uno sviluppo continuo che inizia con l’assemblaggio meccanico degli stili tradizionali. I prossimi passi si concentrano sul montaggio meccanico dei capi. La maggior parte dell’impatto sarà in forme che sono fatte in modo diverso. La moda veloce sarà un grande spettacolo per questo. La stampa 3D sarà in grado di entrare in quel particolare campo. Anche l’elettronica di moda veloce è una grande cosa.

Quali sono alcune cose importanti per il campo?

Abbiamo bisogno di digitalizzare il corpo. Tutti dovrebbero fare una scansione 3D. Questo ci consentirà di avere informazioni che possono essere un’immagine volumetrica del nostro corpo. Questo ci permette di avere una moda personalizzata.

Be the first to comment on "Intervista ad Aaron Trocola"

Leave a comment