Intervista a Tibor van Melsem Kocsis di DiManEx

Intervista a Tibor van Melsem Kocsis di DiManEx sulla stampa 3D nella catena di fornitura

DiManExè una società olandese che vuole portare la stampa 3D nella catena di approvvigionamento. Si stanno concentrando su una delle aree più promettenti e stimolanti della stampa 3D, come identificare le parti adatte alla stampa 3D in modo che possano essere utilizzate per i ricambi. DiManEx spera di aiutare le aziende a identificare le parti buone e quindi a stamparle con successo. Le sfide normative, prestazionali e di stampa sono considerevoli. Tibor van Melsem Kocsis è CEO di DiManEx e spera che la sua azienda sarà quella che risolverà queste sfide. Se possono, avranno una capacità molto preziosa nelle loro mani. Inoltre, è molto probabile che le aziende approfondiscano e allarghino una relazione a lungo termine con un partner chiave che potrebbe guidarli da un fermo della stampa 3D alla produzione di pezzi di ricambio. Inoltre, se riescono a dimostrare che possono farlo e mantenere le prestazioni e la certificazione delle parti, le persone non sarebbero molto propense a cercare aziende meno fidate. Ci vorranno un sacco di convincenti, conoscenze e lunghi cicli di vendita per portare le aziende al punto di stampare pezzi di ricambio. Abbiamo intervistato Tibor per scoprire di più sull’azienda e su ciò che spera di ottenere.

Che cos’è DiManEx?

DiManEx è una piattaforma end-to-end che semplifica la stampa 3D per i team della catena di fornitura. Ti aiutiamo a identificare le parti giuste per la produzione additiva, digitalizzare il tuo inventario e stampare le parti su richiesta attraverso una rete di strutture di qualità industriale.

In cosa differisce da Shapeways. Xometry, 3DHubs?

L’ottimizzazione della supply chain è l’elemento centrale della nostra offerta. Per noi la stampa 3D è una tecnologia entusiasmante e un mezzo per raggiungere un fine, non un obiettivo in sé. Non offriamo solo l’accesso a una rete di produzione, offriamo un servizio completo che aiuta le aziende a scoprire cosa possono stampare, cosa non possono stampare e ciò che è utile stampare da una posizione della catena di approvvigionamento. Partiamo dai dati, nonché dai problemi immediati della catena di approvvigionamento che i nostri clienti devono affrontare. Inoltre, non siamo un marketplace e ci assumiamo la responsabilità end-to-end, dall’identificazione della parte alla consegna fino al luogo di utilizzo finale.

Dove speri di essere tra cinque anni?

Sappiamo che a quel punto, anche più di oggi, le catene di fornitura funzioneranno in un ambiente altamente collegato in rete, abilitato da dati e analisi, nonché dall’automazione end-to-end. La nostra grande idea è quella di trasformare le filiere industriali nello stesso modo in cui l’e-commerce ha interrotto la vendita al dettaglio. Nei prossimi cinque anni, vogliamo diventare la piattaforma preferita per le aziende che desiderano passare all’inventario digitale e ottimizzare la loro catena di fornitura globale con tecnologie di produzione digitale come la stampa 3D.

Su quali mercati ti concentri?

Lavoriamo principalmente con aziende manifatturiere discrete, in una vasta gamma di settori e aziende con catene di approvvigionamento ad alta intensità di componenti in Europa e negli Stati Uniti. Tutte sono focalizzate sul miglioramento degli aspetti fondamentali delle loro attività risolvendo problemi specifici della catena di fornitura. Ad esempio, vogliono migliorare la disponibilità delle parti di ricambio, garantire tempi di attività per soddisfare i livelli di servizio, accelerare i tempi di consegna, ottimizzare il loro inventario e ridurre il loro impatto ambientale, evitando sprechi e logistica inutili. Inoltre, vediamo una domanda crescente di prima serie. L’uso di AM per la prima serie aiuta le aziende ad accelerare il time to market, apportare modifiche al volo e prevenire inutili costi di attrezzamento.

Lightyear, ad esempio, ha lavorato con noi per assicurare oltre 60 parti della prima serie per LightyearOne, un prototipo di auto solare a lungo raggio. Trattandosi di un prototipo , sono state necessarie alcune modifiche in più parti. L’uso della produzione additiva ha permesso di incorporare rapidamente queste modifiche a costi molto inferiori rispetto alla produzione tradizionale. La prima serie è stata assicurata molto più velocemente senza quantità minime di ordine. Non sono stati richiesti investimenti in attrezzature o capitale circolante legato.

Electrolux lavora anche con noi per garantire sostituzioni omogenee delle parti. Per legge, l’OEM è tenuto a conservare le parti in stock per i propri apparecchi, ma spesso comporta costi di installazione elevati, grandi quantità minime di ordine ed eventuali costi di demolizione per soddisfare tale requisito. La stampa 3D offre un modo migliore, consentendo loro di fornire la parte secondo necessità, su richiesta. Lavorano con noi per la stampa 3D, testare e distribuire diverse parti sul campo.

Quali processi e materiali?

Offriamo tutte le tecniche di produzione additiva dirette e indirette disponibili e le tecnologie di post-elaborazione. Forniamo accesso a oltre 2000 materiali, sia in plastica che in metallo. Abbiamo una copertura globale con impianti di produzione additiva e contratti con 60 partner con cui lavoriamo su base continuativa.

Cos’è l’ispettore della catena di approvvigionamento?

Supply Chain Inspector è il motore di analisi della piattaforma DiManEx. Utilizza la ricerca semantica, basata su algoritmi di apprendimento automatico, per aiutarti a identificare le parti giuste per la produzione additiva. La soluzione si basa sulla catena di approvvigionamento e sui dati tecnici per valutare la stampabilità delle parti e individuare quelle che sono candidati ideali per l’inventario digitale. Abbiamo sviluppato l’Ispettore della catena di approvvigionamento perché vediamo che molte aziende lottano con le informazioni mancanti dai dati disponibili. Non è sempre semplice identificare quando la stampa 3D ha senso dal punto di vista tecnico e dell’ottimizzazione della catena di fornitura. Tramite l’Ispettore della catena di approvvigionamento, ottieni questa visibilità e le intuizioni espresse in metriche pertinenti, come la riduzione dei tempi di consegna, la riduzione del valore delle scorte, la domanda futura (incertezza) e come agire su questo.

Come funziona?

La nostra piattaforma semplifica la stampa 3D per i team della catena di fornitura. Molti processi complessi avvengono dietro la nostra interfaccia intuitiva. Facilitiamo un flusso completo, dai dati alle parti consegnate. Guardando i dati, i clienti possono avere un quadro più ampio di ciò che sta accadendo nella loro attività e identificare più facilmente le parti giuste per AM. Quando viene selezionata una parte, possono attivare il nostro flusso di lavoro end-to-end, che include scansione, digitalizzazione, produzione e controllo di qualità.

Una volta approvata la progettazione di una parte, la parte viene aggiunta all’inventario digitale dell’azienda e gli utenti possono effettuare gli ordini tutte le volte che è necessario. La nostra piattaforma abbina l’ordine con la struttura di produzione additiva nella nostra rete che soddisfa al meglio le esigenze del cliente. Viene inoltre considerata la vicinanza alla posizione d’uso finale in modo da ridurre al minimo le miglia percorse. Una volta prodotta, la parte viene consegnata attraverso la nostra rete di partner.

A 1000 ordini non sembra molto?

Questo sarebbe vero ed è stato il caso quando abbiamo lanciato la piattaforma per la prima volta. In questo momento questo non è più un numero preciso. Ora spediamo gli ordini su base giornaliera, dando vita a una nuova partnership con Logistyx che ci aiuterà a ottimizzare le consegne di pacchi con più corrieri . Questa partnership è molto importante per noi. Logistyx semplifica la complessità della spedizione transfrontaliera di pacchi con più corrieri. La loro piattaforma ci aiuterà a scalare e spedire rapidamente grandi volumi di parti in modo redditizio, ai clienti di tutto il mondo. La loro rete globale di corrieri conta oltre 8.500 servizi di corriere e ci aiuta a determinare la combinazione ideale di corrieri in tempo reale, sulla base di fattori quali prezzo, capacità, requisiti di servizio e prestazioni.

Come crescerai?

Cresceremo grazie al nostro approccio orientato al cliente. Il nostro obiettivo è duplice. Aumentare il business con i clienti esistenti e aumentare il numero di clienti che serviamo in tutto il mondo. Ulteriore crescita sarà raggiunta fornendo la prossima generazione di strumenti e servizi che abbiamo nella nostra tabella di marcia e continuando a fornire valore immediato ai nostri clienti. Ciò significa avere un impatto positivo sul loro costo totale di proprietà, assistenza ai clienti finali e impatto ambientale.

È realistico aggiungere la stampa 3D alla catena di approvvigionamento?

Assolutamente, la stampa 3D è un fattore abilitante, soprattutto per le aziende manifatturiere discrete e le organizzazioni di servizi. Crea un valore immediato e tangibile durante le varie fasi del ciclo di vita della produzione.

La chiave è avere una solida strategia di gestione del cambiamento e lavorare con i partner che consentano la trasformazione senza intoppi. Aiuta a lavorare con un servizio gestito, quindi non devi investire in macchine tu stesso e puoi attingere alle competenze di un partner senza impegnare troppe risorse interne.

Come riprogetto le vecchie parti per la stampa 3D?

Nella pratica quotidiana, i clienti ci forniscono un vecchio disegno, una parte fisica e talvolta persino una parte danneggiata per la retroingegnerizzazione. Ciò è particolarmente vero per i componenti più vecchi.

Lo abbiamo fatto per una serie di aziende che producono elettrodomestici, ascensori e scale mobili e attrezzature pesanti, nonché organizzazioni di servizi.

Le ferrovie olandesi (NS), ad esempio, hanno lavorato con noi per decodificare e stampare in 3D un telaio per le radio dei treni. Il telaio non era più disponibile tramite il fornitore originale di NS. Senza di essa, i treni non potrebbero correre. Altri fornitori avevano una quantità di ordine minimo elevata. Nella maggior parte dei casi, NS avrebbe dovuto ordinare un minimo di 100 parti, quando in realtà ne avevano solo bisogno 10. Ne hanno dovuto affrontare anche tempi di consegna molto lunghi. Siamo stati in grado di decodificare il pezzo e ridurre significativamente i tempi di consegna. Questo li ha aiutati a garantire che i loro allenatori continueranno a correre. Anche il peso della parte stessa è stato ottimizzato.

Una parte del telaio radio per le ferrovie olandesi, la NS

E queste parti stampate in 3D saranno altrettanto sicure, anche performanti?

Praticamente tutte le parti che forniamo sono parti funzionali, il che significa che devono soddisfare le specifiche tecniche. Molti di loro sono stati testati dai nostri clienti. In molti casi, forniamo un certificato materiale e / o un rapporto di prova che viene fornito da una terza parte qualificata, come parte del nostro programma di garanzia della qualità. Tutto questo è disponibile nel nostro flusso di lavoro end-to-end.

Che consiglio hai per le aziende che desiderano produrre con la stampa 3D?

Innanzitutto, cerca di capire come la stampa 3D come tecnica di produzione può contribuire a ottimizzare la tua catena di approvvigionamento. In secondo luogo, una volta compreso il potenziale durante le varie fasi del ciclo di vita della produzione, riunire un team con le parti interessate chiave. Successivamente, definire un piano concreto con risultati chiari; iniziare in piccolo, imparare rapidamente e scalare velocemente.

Be the first to comment on "Intervista a Tibor van Melsem Kocsis di DiManEx"

Leave a comment