Intervista a Scott Sevcik

Intervista a Scott Sevcik, VP Aerospace Stratasys, sulla stampa 3D per l’aviazione e lo spazio

Di tutte le possibili industrie che stanno implementando più stampanti 3D, l’aerospaziale è probabilmente la più interessante. Riducendo il peso dei componenti degli aeromobili, ripetendo di più, integrando i componenti e riducendo il conteggio delle parti e creando parti che altri non possono, possiamo avere un impatto reale sull’aerospaziale. Dalla missilistica all’aviazione commerciale, stiamo assistendo alla crescita di nuove applicazioni su tutta la linea con OEM e Tier 1 che investono in parti idonee e passano con attenzione alla produzione. Stratasysha una lunga storia nella produzione di componenti aeronautici polimerici, principalmente per applicazioni militari. Abbiamo intervistato il vicepresidente di Stratasys per il settore aerospaziale, Scott Sevcik, su ciò che stava accadendo nella stampa 3D per l’aerospaziale. Sevcik è un ingegnere aerospaziale che ha trascorso otto anni presso Lockheed in vari ruoli di ingegneria, project management e business. Successivamente ha lavorato nel tentativo di deviare gli asteroidi dal colpire la terra e in seguito ha lavorato presso l’aerospazio UTC, gestendo team di 100 o più ingegneri e budget significativi prima di diventare il loro Manager Program Management. Ha quindi lavorato su MRO con la stampa 3D prima di lavorare in vari ruoli in Stratasys. Ora gestisce la propria attività aerospaziale.

Sevcik era molto entusiasta delle prospettive di parti stampate in 3D sia in polimero che in metallo per l’aviazione e l’aerospaziale. Sebbene Stratasys abbia lavorato ampiamente dietro le quinte per i clienti militari, ora erano davvero in grado per la prima volta di condividere alcuni altri casi di affari pubblici. Ad esempio, si è davvero divertito a lavorare con Boom nella loro supersonica iniziativa di aereo passeggeri. Sevcik si è collegato con Boom più di due anni e mezzo prima. Quello che era iniziato come un semplice impegno con gli strumenti che utilizzavano i sistemi Fortus si è evoluto molto di più.

“Stavano costruendo la loro fabbrica” ​​e “per motivi di velocità hanno iniziato a implementare la stampa 3D in modo più ampio.”

Era felice che “molto rapidamente è diventata una vera partnership” e che lui e il suo team sono stati in grado di “lavorare proprio lì con loro” e “immergersi in profondità”. Dagli strumenti iniziali, sono state aggiunte al progetto anche maschere e dispositivi come è stato il lavoro su parti del velivolo del simulatore di Boom. Ora stanno cercando di mettere parti stampate in 3D sul modello reale e successivamente sull’aereo Boom. Solo sul veicolo di prova c’erano “centinaia di potenziali applicazioni di stampa 3D, specialmente una volta che il team Boom ha compreso la tecnologia in modo completo”.

Sevcik sostiene che esiste un “livello di maturità con un additivo adeguato per la prototipazione, gli strumenti e alcune parti sugli aeromobili”, ma che molti clienti “vedono il rischio sull’additivo e lo vedono come una tecnologia non dimostrata”. Ora l’industria sta entrando in un altro tuttavia, sempre più “hai a che fare con le persone che si occupano di approvvigionamento, la conversazione riguarda la riduzione del rischio”. Soprattutto per alcune applicazioni, la combinazione di “Ultem 9085 per interni di aeromobili con il sistema Fortus 900mc ha un elevato livello di maturità”.

“9085 è molto utile quando si osserva il rilascio di calore da parti interne di aeromobili più grandi”, se “si sta guardando un piede da parti di un piede o parti con più volume, diciamo un pugno che i requisiti di rilascio di calore di quelle parti fanno 9085 un buon materiale da usare. “

Come esempi di tali parti, Scott cita “cestini per bagagli, paratie, pannelli”. La società ha anche esempi di parti che vengono trasportate in aereo commerciale, comprese le parti di serie. Esistono parti di velivoli per pendolari, custodie per altoparlanti e molte altre applicazioni.

“Circa 15 anni fa Stratasys ha iniziato a occuparsi di attrezzature per l’industria aerospaziale e successivamente all’interno della cabina.”

Altre applicazioni possono essere completamente nuove, ma a Sevcik piace quando i clienti “ci sfidano” o “formano una squadra forte con noi”.

Sevcik non può dirci molto sulle linee di business della difesa di Stratasys. Ciò che è noto è che l’azienda ha una solida base di difesa che lavora con Lockheed, la NASA e altri. La ripetibilità dell’aviazione civile sul 900mc è stata dimostrata dall’University of Dayton Research Institute (UDRI) e certificata per le parti dell’aeronautica. Quest’anno e mezzo di processo ha portato alla realizzazione di “parti C5 e C130”. Inoltre, la United Launch Alliance, il razzo Atlas ha visto canalizzazioni stampate in 3D.

Un’altra cosa di cui l’azienda è stata in grado di parlare è il suo materiale Antero PEKK. Sevcik afferma che è particolarmente utile per l’aerospazio “perché PEEK si cristallizza così rapidamente” ma con “Antero hai molto più controllo sulla cristallinità” che ti permette di “realizzare grandi parti PEKK”. Antero è “più adatto per applicazioni all’esterno della cabina mentre Ultem è l’ideale per in esso. “

“I gradi Ultem riempiti possono anche essere fragili e in alcuni casi, il PEKK semicristallino può dare una migliore vestibilità a seconda di ciò che stai cercando.”

Antero può anche essere sicuro ESD che può estenderne l’utilità. È sostenuto dalla loro partnership sui materiali con Solvay e pensa che le partnership strategiche sui materiali raggiungano il giusto equilibrio tra “aperto e chiuso”. “Aiuterà ad espandere il portafoglio di materiali … e dare ai clienti l’accesso a sistemi chiusi completamente sintonizzati”. Inoltre, il la società sta cercando di sbloccare l’aerospaziale per “TPU” e “lavorare con DSM su materiali per SLA”.

Insieme alle vendite di macchinari, Stratasys si sta avvicinando al mercato dell’aviazione attraverso la sua attività di assistenza diretta Stratasys e l’unità Harvest certificata AS 9100. Molti OEM hanno “il 15% di produzione in casa e affidano il resto ai partner” e, in questi casi, gli OEM vogliono partner multipli. Ciò significa che in alcuni casi Stratasys lavorerà con i partner e in alcuni tecnicamente competerà con loro. Stratays vuole “supportare gli OEM e aiutare i suoi partner e clienti a passare alla produzione” in questo modo “incontra OEM e clienti dove vogliono essere incontrati”.

di Joris Peels di 3dprint.com

Be the first to comment on "Intervista a Scott Sevcik"

Leave a comment