Intervista a Sam Ruben, co-fondatore di Mighty Buildings

INTERVISTA: SAM RUBEN, COFONDATORE DI MIGHTY BUILDINGS, SULL’OTTENIMENTO DI UN INVESTIMENTO DI 30 MILIONI DI DOLLARI E SULLE AZIENDE DI STAMPA 3D

La start-up di costruzione di stampa 3D Mighty Buildings ha raccolto $ 30 milioni di finanziamenti e ha annunciato che sta uscendo dalla modalità invisibile.

Dopo aver condotto silenziosamente la ricerca e lo sviluppo sulla sua tecnica di stampa 3D proprietaria dal 2017, la società si sta ora lanciando come attività di “ produzione come servizio ” a tutti gli effetti. Il primo round di investimenti dell’azienda è stato guidato da Khosla Ventures , con la partecipazione dei venture capitalist Y Combinator , SV Angel e CoreVC .

Mighty Buildings ha utilizzato i fondi aggiuntivi per avviare la sua fabbrica di Oakland e per ridimensionare la sua linea di produzione, consentendole di stampare completamente in 3D unità di 350 piedi quadrati. L’azienda ha anche utilizzato l’investimento per iniziare a fornire i suoi prodotti ibridi (in parte stampati in 3D, in parte tradizionali) e per continuare a ridimensionare e commercializzare la sua tecnologia.

Parlando con l’industria della stampa 3D, Sam Ruben, co-fondatore di Mighty Buildings, ha illustrato la sua visione per l’azienda. “Il nostro obiettivo è consentire una produzione come servizio indipendente dal design per il settore edile”, ha affermato Ruben. “Vogliamo costruire Mighty Factories in tutto il mondo che consentano a costruttori e architetti di creare i loro progetti in modo efficiente, conveniente, sostenibile e all’avanguardia”.

“IN REALTÀ NON ASPIRIAMO A PROGETTARE E CREARE UNA LINEA DI PRODOTTI FISSI DI UNITÀ ABITATIVE; VOGLIAMO ESSERE IL MEZZO CHE CONSENTE AGLI ALTRI DI DARE VITA ALLA LORO VISIONE “.

L’uscita di Mighty Buildings dalla modalità invisibile

Con sede a Oakland, in California, Mighty Buildings ha operato in modalità invisibile da quando è stata fondata nel 2017. Fino a poco tempo, si sapeva poco dell’azienda, ma ora ha svelato la sua tecnica di stampa 3D di costruzione insieme a un investimento di 30 milioni di dollari. Il processo di stampa di Mighty Buildings è stato progettato da zero per essere scalabile e per costruire continuamente piuttosto che costruire strutture una tantum.

Costruire rapidamente ma in sicurezza è diventata rapidamente la massima priorità dell’azienda. Mighty Buildings ha ottenuto la certificazione UL 3401, un’importante qualifica di sicurezza edile, prima di uscire dalla modalità invisibile. In effetti, i Mighty Buildings sono stati la prima azienda o prodotto di costruzione di stampa 3D a ottenere la certificazione 3401. L’azienda ha anche consegnato due unità ai clienti e si è assicurata che soddisfacessero i requisiti di certificazione chiave per le loro build, prima di lanciare completamente la sua piattaforma.

“Dopo aver compiuto progressi significativi rispetto alla nostra roadmap di certificazione, ci siamo sentiti pronti a partire dalla furtività sapendo che avremmo potuto rapidamente raggiungere il livello commerciale che inizialmente avevamo previsto per l’attività”, ha affermato Ruben. “Il nostro obiettivo non è solo produrre le nostre unità per i clienti, vogliamo essere una piattaforma di produzione per l’industria per consentire alla forza lavoro esistente di costruire di più”.

Secondo quanto riferito, l’approccio modulare di Mighty Buildings consente di stampare in 3D una casa piena in sole 24 ore. Foto tramite Mighty Buildings.
Metodo di stampa 3D di Mighty Buildings

Il materiale di stampa 3D proprietario di Mighty Buildings è fondamentale per la sua tecnica di produzione basata sull’estrusione. L’azienda descrive i suoi minerali simili alla pietra come “simili al Corian di Dupont”, un polimero acrilico utilizzato nella produzione di banconi e piani di lavoro. Unicamente, il materiale è in grado di indurire quasi immediatamente dopo la polimerizzazione post UV, pur mantenendo la coesione con gli strati sottostanti.

La capacità di “congelamento” del materiale leggero consente la creazione di soffitti e sporgenze senza la necessità di alcuna struttura di supporto sottostante. La post-elaborazione può anche essere eseguita utilizzando bracci robotici, portando a un metodo di stampa 3D accelerato e automatizzato. Una volta che l’azienda ha completamente automatizzato il suo processo, afferma che la sua tecnica è fino al 50% più economica rispetto alla tradizionale costruzione in loco e dal 20-30% in meno rispetto ai metodi prefabbricati tradizionali.

“FINO A QUESTO PUNTO, LA MAGGIOR PARTE DELLE ALTRE AZIENDE CHE LAVORANO CON LA STAMPA 3D PER L’EDILIZIA HANNO REALIZZATO PROGETTI ATTRAVERSO PROCESSI DI AUTORIZZAZIONE UNA TANTUM, CHE CONSENTE LORO DI MUOVERSI RAPIDAMENTE A BREVE TERMINE MA NON È REALMENTE SCALABILE A LIVELLO COMMERCIALE”.

In confronto, i metodi di stampa 3D per l’edilizia esistenti utilizzano il cemento, quindi non possono essere post-elaborati automaticamente e per le strutture portanti è necessario un rinforzo in acciaio. Il calcestruzzo è anche termicamente conduttivo, il che significa che spesso viene aggiunto un isolamento aggiuntivo per mantenere le temperature all’interno dell’edificio finito. Al contrario, il materiale simile al Corian di Mighty Buildings è meno favorevole, il che lo rende più efficiente dal punto di vista energetico.

“In definitiva, il nostro obiettivo è stampare l’intero involucro di una casa e quindi utilizzare bracci robotici per versare l’isolamento e applicare le finiture”, ha spiegato Ruben. “Questo automatizzerà circa l’80% del processo di costruzione e il resto (installazione di infissi ed elettrodomestici) sarà fatto dagli esseri umani”.

Mighty Buildings è riuscito a stampare completamente in 3D un edificio di 350 piedi quadrati (nella foto) utilizzando la sua tecnologia di stampa 3D proprietaria. Immagine tramite Mighty Buildings.
Mighty Buildings è riuscito a stampare completamente in 3D un edificio di 350 piedi quadrati (nella foto) utilizzando la sua tecnologia di stampa 3D proprietaria. Immagine tramite Mighty Buildings.
Sicuro come case prodotte con additivi

Sfruttando il suo metodo di produzione additivo proprietario, Mighty Buildings 3D ha stampato uno studio di 350 piedi quadrati in meno di 24 ore. L’azienda ha ora stampato due edifici per intero: uno a San Ramon e l’altro a San Diego. La produzione delle strutture in moduli volumetrici permette anche di personalizzarle, e le planimetrie su misura offrono l’opportunità per una vasta gamma di applicazioni, dai complessi abitativi agli edifici per uffici.

Le case pre-progettate “costruite con bastoncini” dell’azienda che ha costruito in California, secondo quanto riferito, costano circa $ 327 per piede quadrato per la stampa 3D. Mighty Buildings offre anche “Mighty House Kits”, con un prezzo compreso tra $ 185.000 e $ 285.000 e misura da 865 a 1440 piedi di superficie. In futuro, l’azienda mira a mettere il potere della sua tecnologia nelle mani di altri, consentendo loro di costruire strutture più grandi e più intraprendenti.

“Vogliamo consentire ai funzionari edili e ad altri di acquisire dimestichezza con la nostra tecnologia, per favorire un’adozione agevole”, ha concluso Ruben. “In termini di dimensioni, in realtà siamo più limitati dal trasporto su strada che dalla nostra area di stampa. Attualmente stiamo mirando alla capacità di stampare strutture a due piani con un nuovo materiale rinforzato con fibre che ha la resistenza paragonabile all’acciaio, permettendoci di creare edifici a più livelli “.

Be the first to comment on "Intervista a Sam Ruben, co-fondatore di Mighty Buildings"

Leave a comment