Intervista a Ross Stevens

Intervista a Ross Stevens su Come usa la stampa 3D per andare oltre la superficie delle cose

Con una competenza indiscussa nel cinema digitale, la Nuova Zelanda sta aprendo la strada ad alcune delle nuove tecniche più evolute nella stampa 3D. Un posto, in particolare, sta spingendo i confini dell’innovazione, Victoria University of Wellington School of Design ha un brillante programma guidato dal designer industriale e appassionato di architettura Ross Stevens, una delle menti dietro alcune delle ricerche più all’avanguardia utilizzando le ultime stampanti 3D . Se qualcuno sa dove sta andando la stampa 3D, è senza dubbio Stevens, che sta lasciando una scia molto difficile da seguire nella ricerca di stampa 3D e 4D multi-materiale basata su voxel, interfacce verbali per computer per la modellazione 3D e 4D e la bioingegneria.

“Uno dei vantaggi della Victoria University è che si basa su una città molto digitale con una grande industria cinematografica, quindi ci offre una cultura cool di persone digitali davvero di alto livello che rendono il nostro lavoro, quello che mi piace chiamare, H igh -Media di stampa possibile . Quando si pensa a una stampa 3D, basta definire il volume esterno di esso o la forma, ma stiamo facendo stampe di sottosuolo, ricercando le capacità di voxel con Stratasys, quindi i nostri file sono molto più densi di media, creando oggetti che hanno milioni, se non miliardi, di goccioline definite individualmente “, ha detto Stevens a 3DPrint.com durante un’intervista.

A Victoria, l’esperto docente senior di studi futuri e stampa 3D lavora con le stampanti Stratasys dal 2004, e ora il J750 gli offre colore, flessibilità e trasparenza in gocce da 14 micron. Pochissime persone stanno effettivamente utilizzando questa tecnologia, quindi Stevens è davvero entusiasta di capire quali potrebbero essere le sue applicazioni commerciali. Ha spiegato che “la chiave è avere la capacità di essere trasparenti e andare sottosuperficiali”, cosa che questa macchina può sicuramente fare. Tuttavia, Stevens sostiene che non molte persone realizzano realmente il potenziale che ha, quindi non ci sono ancora molti casi studio.

“Lo vediamo come uno dei modi in cui la stampa andrà strutturalmente, perché il polyjet è costruito su un diverso sistema di supporto e può stampare praticamente qualsiasi forma. A differenza delle stampanti FDM in cui è necessario preoccuparsi della gravità, qui non esiste nemmeno. Stratasys ha reso la macchina più incredibile del mondo e pochissime persone hanno davvero scalfito la superficie del suo potenziale. A Victoria, eravamo fermamente convinti che se avessimo la fortuna di averlo, lo useremmo al suo pieno potenziale, e con 60 studenti del primo anno che stanno già iniziando a lavorare sui loro progetti di produzione additiva, li sfidiamo a cominciare a pensare nelle funzionalità voxel “, ha continuato Stevens.

Lavorando con un partner commerciale, Weta Workshop , il programma universitario sta cercando di aprire la strada alla stampa 3D. Con oltre 100 progetti ed effetti speciali per film come Avatar, Blade Runner 2049, Thor Ragnarok, Mad Max: Fury Road e Ghost in Shell , l’innovativa società di film e mostre sta esaminando in modo aggressivo alcune delle migliori tecnologie disponibili. Questo è stato Stevens e il suo programma di design sono entrati, cercando di spingere la compagnia e assicurandosi che fossero in anticipo sul gioco.Filmmaking si è seriamente rivolto al settore degli effetti digitali CGI, facendo sognare qualsiasi cosa un regista possa prendere vita sullo schermo. Tuttavia, sembra che gli attori stiano cercando di reagire a una creatura che non è realmente lì e finirà per interagire con un grande schermo verde. Attraverso molte ricerche, Stevens sta combinando gli oggetti digitali con il mondo fisico:

“Con il J750 possiamo letteralmente prendere tutto ciò che è sul computer, fino al livello e ai colori dei pixel, e riprodurlo in un oggetto fisico, rompendo i confini tra il mondo dei computer e il mondo fisico, che è qualcosa che non abbiamo visto ancora “.

Nicole Hone è uno degli studenti più famosi che è uscito dal programma di design della Victoria University . In procinto di iniziare a lavorare presso Weta Workshop, il prodigio della stampa 3D ha sviluppato Hydrophytes mentre era ancora all’università, un progetto che mostra le qualità adattive della stampa 4D: la creazione di oggetti stampati in 3D che possono spostarsi o cambiare forma o aspetto rispondendo a stimoli esterni , come il cambio di temperatura o l’assorbimento d’acqua. Hone’s Hydrophytes può interagire con l’ambiente circostante nello spazio fisico, rendendoli ideali per sviluppi di effetti speciali che possono spingere la creazione di filmati in un’era completamente nuova, sconvolgendo molte delle tecniche CGI attualmente disponibili.

“Parte del problema con la stampa 3D è che puoi stampare una bella statua di Yoda che decora il tuo riparo e sembra grande, ma poi, cosa fai con esso? Dopo un po ‘inizi a pensare di lasciarlo nel cestino. A Victoria stiamo cercando di esaminare le stampe 4D che hanno un qualche tipo di capacità di movimento, in modo che ci sia una reazione analogica a un oggetto digitale al 100%. Gran parte del nostro lavoro consiste nel portare in vita l’oggetto che hai creato e stampato, dandogli un carattere e una qualità emotiva che deve essere reattiva, perché parte della bellezza è nella complessità di come interagisce con l’ambiente circostante. “

C’è un angolo teologico del lavoro di Stevens, quello che a lui piace definire la parte “maliziosa” della sua ricerca, che sfida i confini degli oggetti creati dall’uomo (che di solito sono diversi per la natura) creando cose che normalmente sarebbero considerate create da Dio, o natura. Spiega che “questa tecnologia ci avvicina alla biologia aiutandoci a cambiare gli elementi costitutivi della vita e muovendoci verso una biologia completamente digitalizzata”. Crescere nella Nuova Zelanda bi-culturale ha plasmato le sue opinioni e gli ha dato spunti sull’importanza di cicli naturali per un processo di progettazione a 4 dimensioni, e “poiché questa tecnologia è così nuova, nessuna delle regole è già stata scritta”.

Lavorare in progetti che possano portare il mondo dei computer direttamente nel regno fisico è uno degli obiettivi di Victoria, e Stevens si sta concentrando fortemente sulle capacità del sottosuolo , che considera un notevole strumento per esplorare il crescente potere dei computer, che hanno miliardi di bit di dati, in modo da poterli effettivamente stampare.

“Se ci ritroviamo con computer davvero intelligenti e cose incredibili che accadono dentro di loro, ma non possiamo estrapolarlo nel mondo fisico, ne abbiamo sprecato un potenziale, mentre se avessimo stampanti altrettanto sofisticate, faremo un po ‘di cose lavoro fantastico.”

Stevens è stato un designer industriale per 30 anni, lavorando con molti dei principali designer di prodotti del mondo, tra cui Philippe Starck, e marchi audio di fascia alta come Bowers & Wilkins , Perreaux e Plinius . Nel 2009 ha co-fondato PureAudio , dove riutilizzano i materiali raccolti dal processo di produzione per creare design semplici, innovativi e raffinati per il piacere della musica. Come direttore del programma di design industriale a Victoria, Stevens incoraggia gli studenti ad andare audacemente dove nessuno è mai andato prima con corsi come Design Led Futures e Future Under Negotiation, così come con il Multi-property Additive-manufacturing Design Experiments (MADE). Negli ultimi dieci anni ha sviluppato relazioni con aziende di ricerca internazionali e del settore per migliorare alcune delle tecnologie più incredibili e ottenere accesso anticipato alle macchine e ai software più recenti.

Di sicuro è un mondo affascinante per Stevens. Soprattutto ora che si avventurerà in alcuni dei più complessi progetti di ricerca sulla produzione additiva, come la bioingegneria, che portano anche un bel po ‘di questioni etiche. Considera la Nuova Zelanda un luogo ideale in cui tutte le questioni filosofiche, teologiche e anche politiche relative alla stampa 3D possono essere risolte.

“Questo è un paese molto lontano da tutto, pieno di pionieri a cui piace andare nei posti dove nessuno è mai andato prima; la tecnologia così pioneristica ci sta davvero bene, poiché abbiamo una particolare libertà di lavorare con questi grandi temi “, ha suggerito.

Se la comunità di stampa 3D del Paese può risolvere alcune delle sfide alla base di questa tecnologia, il campo potrebbe muoversi anche più rapidamente di quanto pensassimo, portando il mondo digitale molto più vicino al nostro regno fisico.

Be the first to comment on "Intervista a Ross Stevens"

Leave a comment