Intervista a Raja Sekhar Upputuri di think3D

Raja Sekhar Upputuri ha co-fondato think3D con il compagno di classe Prudhvi Reddy nel 2014. Ora hanno una società di stampa 3D a servizio completo che vende hardware, è un ufficio di servizi di stampa 3D, offre servizi di scansione 3D e servizi di progettazione di stampa 3D. L’azienda è un punto di riferimento per le aziende indiane che desiderano entrare nel mercato della stampa 3D. In molti altri casi, i rivenditori e i servizi di stampa 3D sono affari molto separati e molti servizi di stampa 3D non offrono servizi di scansione o di progettazione. Con il loro approccio one-stop-shop, think3D sta cercando di posizionarsi come unico partner di stampa 3D per le aziende manifatturiere, automobilistiche e mediche della regione.

Abbiamo riportato in precedenza come la società ha ricevuto $ 6 milioni di dollari dalla provincia di Andhra Pradesh per creare un impianto di stampa e progettazione 3D in Vizag. Questo centro fa parte di un parco di dispositivi medici e l’attenzione è rivolta all’utilizzo della stampa 3D per applicazioni mediche . Abbiamo anche scritto il loro progetto con l’ indiana Devnar Foundation for the Blind , il loro aiuto nello sviluppo di stampanti 3D in metallo e la loro app mobile per Android. Siamo molto entusiasti del potenziale della stampa 3D in India. Tradizionalmente l’idea è stata forte nel software e nei servizi mentre la Cina è stata fondamentale nella produzione. Quando queste tre cose si scontrano con la stampa 3D, le aziende indiane possono evitare la competizione cinese attraverso software e servizi? O l’esperienza hardware della Cina sarà il fattore decisivo? Forse le aziende indiane possono diventare leader globali nei servizi di stampa 3D? O l’India potrebbe rimanere un mercato regionale da solo? Siamo molto entusiasti degli sviluppi del mercato nel paese e siamo intervenuti a think3D per ottenere la loro prospettiva sulla stampa 3D in India.
Come è il mercato della stampa 3D in India?

L’India si è imposta in ritardo sul 3D Printing Wagon rispetto ad altri paesi e l’industria è ancora agli inizi in India. Ma il futuro sembra molto brillante per la stampa 3D in India. Le ragioni di questo sono due volte. Uno, con massicci investimenti in infrastrutture in India e con la Cina che diventa costosa per la produzione, la produzione per le esportazioni si sta lentamente spostando in India dalla Cina. Questo aprirà un grande mercato per la stampa 3D in India. In secondo luogo, le multinazionali si sono rese conto che l’innovazione globale non è adatta per risolvere i problemi locali e hanno bisogno di team di innovazione locali che siedono in quella specifica regione per lo stesso. Con l’India che offre un così grande mercato interno, diventa giustificabile per queste società investire in tali assetti locali di ricerca e sviluppo.

Cosa si sta facendo per stimolare la stampa 3D in India?

Il governo indiano ha lanciato vari programmi per promuovere la R & S e l’innovazione a livello nazionale e una parte considerevole dei fondi assegnati a tali programmi è stata incanalata nell’industria della stampa 3D poiché la stampa 3D è uno strumento perfetto per varie attività di ricerca e sviluppo. Possiamo dividere lo schema governativo principalmente in 3 categorie

Livello scolastico: il governo ha lanciato lo schema ATL (Atal Tinkering Labs) in cui il governo fornisce fondi a scuole selezionate per allestire laboratori di stampa 3D e robotica. Diverse scuole in India sono ora dotate di stampanti 3D desktop e i bambini delle scuole utilizzano queste macchine per una migliore comprensione dei concetti appresi in classe.

Livello universitario: sono disponibili schemi multipli in più ministeri per promuovere un’istruzione tecnica di alta qualità nelle università. Le università sono classificate in base alla loro performance e le università ben assegnate ricevono fondi per promuovere il lavoro di ricerca. Poiché la stampa 3D è indipendente dal settore, i fondi di vari dipartimenti come la salute, le biotecnologie, la scienza e l’elettronica vengono tutti indirizzati verso l’industria della stampa 3D.

Livello aziendale: per promuovere la produzione locale in India nell’ambito del programma “MAKE IN INDIA”, il governo sta allestendo vari distretti industriali in tutta l’India. In molti di questi cluster, il governo sta investendo in alcune strutture scientifiche comuni per rendere questi cluster interessanti per i potenziali produttori e per ridurre i costi di produzione in questi cluster. La stampa 3D è identificata come una tale struttura scientifica comune. La nostra struttura è sotto questo schema. Il governo identifica un fornitore di servizi qualificato attraverso la procedura di gara d’appalto e co-investe nella struttura insieme al fornitore di servizi.

Quali industrie sono interessate a promuoverlo?

Le industrie automobilistiche, mediche (dentali), aerospaziali, della difesa, della gioielleria e manifatturiere sono quelle che partecipano attivamente alla stampa 3D. Mentre la stampa 3D è stata a lungo utilizzata nell’industria automobilistica e aerospaziale; negli ultimi 2 anni, stiamo assistendo a un grande mercato che si sta aprendo nel settore dentale e della gioielleria. La stampa 3D DMLS delle corone dentali è diventata pratica comune. anche l’industria della gioielleria si adatta rapidamente agli stampi 3D stampati.

Raja Sekhar Upputuri Co-Founder think3D

Su cosa spenderai i sei milioni?

Questi sei milioni di dollari devono essere investiti su più fasi in un arco di 5 anni. Nella prima fase abbiamo investito circa 2 milioni di dollari. Il primo obiettivo della fase è quello di costruire un centro di esperienza tecnologica al servizio di duali scopi di soddisfare le esigenze di stampa 3D dei clienti e mostrare varie tecnologie e applicazioni di stampa 3D all’industria e alle università locali. Quindi, abbiamo creato un centro di stampa 3D olistico con l’intera gamma di tecnologie: FDM, SLA / DLP, SLS, PJP, CJP, MJP, MJF, DMLS, Stampa 3D Bio, Elettronica 3D Printing e Paste Extrusion. Abbiamo anche investito in tecnologie produttive sottrattive come CNC, EDM e tecnologie di stampaggio come la fusione sotto vuoto e lo stampaggio a iniezione. Nella seconda fase, investiremo di più sulle tecnologie per le quali esiste una domanda nelle applicazioni commerciali.

Su quali tecnologie ti stai concentrando?

Il nostro obiettivo principale sarà principalmente su DMLS, SLS, CNC e colata sotto vuoto.

Perché i dispositivi medici?

L’India sta importando il 70% di tutti i dispositivi medici utilizzati negli ospedali e nei centri diagnostici in India. Ciò sta causando un’enorme perdita di valuta estera, la mancanza di occupazione locale e il contributo all’elevato costo dell’assistenza sanitaria in India. Per risolvere questi tre problemi principali e fornire assistenza sanitaria a prezzi accessibili alle masse, il governo indiano ha identificato la produzione di dispositivi medici come un settore prioritario su cui concentrarsi nell’ambito dell’iniziativa ” MAKE IN INDIA “. Il governo provinciale dell’Andhra Pradesh ha preso il comando di questa iniziativa e ha istituito il primo parco dedicato alla produzione di dispositivi medici in India chiamato AMTZ (AP MedTech Zone). Questo parco ha un ecosistema completo per promuovere la produzione locale di dispositivi medici in India e anche promuovere l’innovazione a basso costo nello spazio dei dispositivi medici. L’innovazione a basso costo nell’erogazione di servizi sanitari è stata identificata come un’attività di importanza nazionale e molte start-up si sono moltiplicate su questo concetto. La nostra struttura offrirà servizi a tutti questi innovatori.

Quali materiali trovi interessanti per i dispositivi medici?

Un requisito materiale fondamentale nei dispositivi medici è l’uso di materiali di grado medico / biocompatibile per le aree che vengono a contatto con il corpo umano. In secondo luogo, scopriamo che una grande innovazione sta avvenendo intorno alla diagnosi non invasiva come i dispositivi indossabili. Quindi, c’è una maggiore domanda di gomma come materiali di qualità medica usati nella tecnologia PJP. Il titanio è anche richiesto per gli impianti personalizzati. PEEK è un altro materiale per il quale c’è molto bisogno nello spazio medico.

Se fossi un’azienda interessata all’utilizzo della stampa 3D quale consiglio mi daresti?

Molte persone hanno questa impressione che con la stampa 3D possiamo risolvere qualsiasi problema di produzione. Niente è più lontano dalla verità di questo. La stampa 3D è una delle varie tecniche di produzione disponibili sul mercato. Il modo di scegliere una tecnologia è attraverso una combinazione di una dichiarazione di problemi, capacità tecnologiche, costi e disponibilità delle risorse. Il mio consiglio è di valutare la stampa 3D e andare avanti quando si è dimostrata la scelta ottimale per la dichiarazione dei problemi dell’impresa. Un altro punto da notare qui è che con leggere modifiche al design, la stampa 3D può fornire una soluzione molto migliore a un costo inferiore rispetto ad altre tecniche di produzione. Pertanto, le aziende dovrebbero essere aperte a coinvolgere i consulenti di AM Design e vedere se riescono a ottenere una soluzione migliore attraverso la stampa 3D.

Come collaborerai e istruirai le persone?

La formazione delle risorse umane sulla produzione additiva è un altro importante mandato datoci dal governo. Collaboriamo con varie agenzie governative come APIS (Andhra Pradesh Innovation Society), APSSDC (Andhra Pradesh Skill Development Corporation), CII (Confederation Of Indian Industries) per condurre seminari regolari sulla stampa 3D. Negli ultimi anni abbiamo condotto regolarmente workshop gratuiti in tutte le città della metropolitana in India per portare consapevolezza su questa tecnologia.

Be the first to comment on "Intervista a Raja Sekhar Upputuri di think3D"

Leave a comment