Intervista a Phil Schultz di 3D Systems

Phil Schultz è vice presidente esecutivo delle operazioni di 3D Systems . Come esperto dirigente della stampa 3D, conduce lì tutte le operazioni su richiesta . Prima di allora, ha guidato l’ attività di stampa di Foxconn e ha trascorso 25 anni in HP, guidando in definitiva la propria offerta di stampanti a getto d’inchiostro per i consumatori. Ho intervistato Phil e ho apprezzato le sue risposte misurate e ponderate, che hanno dimostrato la sua profonda comprensione del possibile e impossibile additivo.

L’attuale crisi ha messo in luce la fragilità del nostro mondo manifatturiero just in time. Piccole increspature nel sistema possono propagarsi, rafforzarsi e causare onde che, a loro volta, si accumulano in una tempesta, facendo crollare il sistema. Una fabbrica in Tailandia che chiude o un mercantile deviato può provocare il caos nelle complesse catene di approvvigionamento che collegano la nostra società globalizzata. Un sistema così massiccio e di portata mondiale come il commercio e i trasporti globali si sono frantumati facilmente in una situazione difficile. Molte organizzazioni globali stanno ora scoprendo che devono fare di più per controllare e aggiornare le loro catene di approvvigionamento. La resilienza della catena di approvvigionamento una volta significava che avevi più di un fornitore per componenti critici. Ma ora sappiamo tutti che dobbiamo guardare oltre per assicurare l’offerta. Quale ruolo può svolgere la stampa 3D in questo?

Phil distingue tra ” interruzioni a breve e lungo termine della catena di approvvigionamento “. “Soprattutto in caso di emergenza … la stampa 3D può aiutare” e fare molto più velocemente di altre tecnologie. Se “l’additivo è una contingenza o viene utilizzato nella produzione di ponti” , è spesso una scelta eccellente. Noi “non abbiamo bisogno di qualsiasi utensili … e noi non siamo legati ad una geografia” con la stampa 3D “attraverso un modello di produzione distribuita … ossia un ordine liberati a livello globale” siamo in grado di rispondere in una crisi, e noi siamo “alla velocità della luce “. Soprattutto per “piccole parti in serie da 100, 1.000 o 10.000 … l’additivo ha il vantaggio”.

Il “rovescio della medaglia con la stampa 3D sono i materiali … che le tue parti sono diverse dalle parti stampate ad iniezione” e “le proprietà e la resistenza delle parti potrebbero non essere le stesse”. “Le tue parti potrebbero essere abbastanza buone per l’applicazione”, ma mette in guardia i clienti dall’entrare nella produzione “senza qualifica … perché allora stai correndo molti rischi.” Ci saranno anche “differenze di costo … e spesso l’aumento dei costi significa che senza l’additivo di personalizzazione di massa potrebbe non avere sempre senso”.

Gli piace portare i clienti attraverso “un semplice calcolo … che mostra spesso che i prezzi rappresentano ” multipli di una parte stampata a iniezione – non il 20% o il 30% in più – multipli ” e, in tal caso, se ” hai intenzione di fare una sostituzione di una parte convenzionale ”, vacilla il caso aziendale. In tal caso, “lo faresti solo perché non hai scelta”.

Tuttavia, se “impari a progettare per la tecnologia … e la usi per combinare parti … perdi peso … porti valore” , cambia l’equazione. “Perché vorresti che questa parte fosse stampata in 3D … e cosa significa per la tua azienda?” Sostiene che “la stampa 3D non è … un sostituto del CNC o dello stampaggio ad iniezione … è solo un altro strumento” e “devi usarlo saggiamente”. La stampa 3D può aiutarti a “proteggerti dal futuro … e a trovare il tuo futuro più rapidamente”, ma non è una panacea.

Un sito di sistemi 3D on demand a Lawrenceburg, TN.
Un sito di sistemi 3D on demand a Lawrenceburg, TN.

Esistono spesso alternative trascurate, rese possibili dalla stampa 3D, che consentono una maggiore scala e costi inferiori. Ciò include “la stampa 3D di modelli di stampa a fusione a investimento positivo”, “l’ utilizzo di Real Wax per la fusione a cera persa” o “la stampa 3D diretta di stampi a iniezione a bassa pressione”

“Con la fusione di uretano … o attraverso inserti di termoformatura” si possono realizzare milioni di pezzi relativamente economici, come Invisalign già fa con quest’ultima tecnologia. Nella “termoformatura, alcuni clienti realizzano oltre 400.000 parti al giorno”, utilizzando la stampa 3D come intermedio. Sì, in caso di emergenza, capisce che le persone stampano gli scudi facciali . Ma, se facciamo un passo indietro, possiamo prendere in considerazione la possibilità di realizzare la fascia tramite termoformatura o fusione in uretano e di utilizzare uno schermo in acetato per sterilizzare le parti più facilmente. Phil cerca continuamente di utilizzare l’additivo per le giuste applicazioni, le parti giuste. “Siamo indipendenti dalla geometria, non necessitiamo di utensili, e siamo veloci nella prima parte, ma dobbiamo essere consapevoli dei compromessi nei materiali e maggiori spese”.

3D Systems MJP Wax

È eccitato “producendo pezzi di ricambio in poliammide … attraverso la sinterizzazione … soprattutto di materiali riempiti” e, inoltre, “nuove possibilità in TPU”. Le resine a temperature più elevate per SLA stanno anche spingendo l’involucro di ciò che è possibile lì. Ora, “stiamo ottenendo resine con una buona resistenza alla flessione, allungamento … che rendono le parti che possono piegarsi bene pur essendo meno fragili”.

Quando introduce la stampa 3D per la produzione in un’azienda, gli piace “iniziare con le persone delle applicazioni … e camminare sulle linee (di produzione) … per vedere come possiamo aiutare … Possiamo valutare i nostri servizi … le tue parti … e vedere cosa ha senso esternalizzare o fare internamente. ” Idealmente, vorrebbe “entrare nella fase di progettazione … e aiutare le aziende con qualifica … o condividere con loro come qualificare i prodotti per l’additivo”. Sorprendentemente, uno dei settori di cui è più entusiasta è lo SME e le aziende manifatturiere a contratto.

“Hanno tonnellate di parti stampate a iniezione … molte parti indirette … e spesso possono usare l’additivo a breve termine … ma non lo hanno preso in considerazione per altro”. Con queste attività, “quasi tutti gli apparecchi e gli strumenti possono essere migliorati, adattati o ora vengono consumati più rapidamente”, rendendolo più adatto per l’additivo. “Una linea di produzione per iPhone può contenere 600 persone e altrettanti passaggi. Immagina un miglioramento del cinque percento. “

Gli piace chiedere alle aziende manifatturiere, “di cosa hai bisogno?” e quindi “conversazioni complesse sulla corrispondenza delle proprietà dei materiali alle esigenze … evitando gli utensili … e il livello di prova richiesto per procedere”. Ora sta vedendo sempre più “condotti, manopole, connessioni, parti funzionali nei treni di ingranaggi … e nel complesso, le cose che sono più funzionali negli assiemi” sono realizzate con additivo. Qualche anno fa, parlava solo con R&S e ora parliamo con [operazioni] … di cose a cui tengo, come il tempo di ciclo. “

La stampa 3D “sta emergendo come piano di backup … ma devi progettare per questo … i servizi di stampa 3D potrebbero, attraverso le loro centinaia di macchine … risolvere i problemi dei clienti”, ma le aziende potrebbero anche avere la capacità di stampa 3D internamente per i più rilevanti materiali per loro. In ogni caso, le parti qualificate possono essere fabbricate su larga scala, ma non tutte le parti possono essere realizzate in modo conveniente attraverso la stampa 3D.

Dalla recente esperienza di Phil emerge chiaramente che l’additivo sta maturando e che nuove applicazioni vengono scoperte continuamente. Il nuovo realismo sta sbloccando la produzione effettiva e, a tempo debito, potremmo fornire una vera rassicurazione della catena di approvvigionamento attraverso la stampa 3D. Alla fine, “Voglio andare di fronte a ogni ingegnere industriale nel mondo e mostrare loro come la loro creatività può essere scatenata con la stampa 3D”.

Be the first to comment on "Intervista a Phil Schultz di 3D Systems"

Leave a comment