Intervista a Nora Toure su Coronavirus e stampa 3d

COVID-19: Ivora’s Nora Toure sulla stampa 3D e la catena di fornitura

L’anno scorso, Nora Toure ha tenuto un discorso molto interessante sull’impatto della stampa 3D sulla catena di fornitura globale. L’argomento è stato prescientifico, dati gli eventi a venire nel 2020. A sua volta, ho intervistato Toure su come l’argomento si è evoluto dalla pandemia di COVID-19.

È passato un anno dall’ultima volta che hai parlato di come la stampa 3D interromperà la catena di approvvigionamento globale. Puoi dare una recensione della catena di approvvigionamento e della stampa 3D tra quel discorso e adesso?

Da allora sono successe molte cose, per quanto riguarda l’implementazione della soluzione di produzione distribuita del Gruppo Ivaldi ! Poiché il mio intervento TEDx sulla rottura delle catene di approvvigionamento con la produzione additiva, abbiamo consegnato i primi pezzi di ricambio marittimi al mondo su navi mercantili , abbiamo continuato a digitalizzare, ottimizzare e rivedere le prestazioni di migliaia di pezzi di ricambio, non solo nel settore marittimo, ma anche nel settore automobilistico, costruzione e miniere.

Credo che l’adozione della produzione additiva nell’ottimizzazione delle catene di approvvigionamento sarà potenziata nei prossimi mesi, poiché le industrie pesanti torneranno in attività e si riprenderanno dalla pandemia di COVID-19. Il potenziale della produzione additiva va oltre il confronto tecnico tra materiali e processo di fabbricazione. Spedizione, magazzinaggio, approvvigionamento, emissioni di CO2, tempi di fermo sono tutti risparmi che devono essere presi in considerazione quando si confrontano i modelli attuali della catena di approvvigionamento con le catene di approvvigionamento migliorate per la produzione distribuita.

Abbiamo sperimentato COVID-19 in tutto il mondo e ha quasi completamente cambiato il modo in cui abbiamo fatto le cose. Hai notato un impatto sulla stampa 3D nella catena di fornitura globale, in particolare come tecnologia dirompente?

Per quanto preferirei che COVID-19 non fosse la nostra nuova realtà, devo ammettere di essere stato colpito dalla nostra comunità additiva di produzione . È fantastico vedere come ci siamo organizzati in così poco tempo. Ciò che mi colpisce di più è la velocità con cui gli individui, ma anche le aziende di varie dimensioni si organizzano e costruiscono le proprie catene di approvvigionamento, dalla progettazione e test, produzione, sanificazione e consegna dei DPI agli ospedali.

La semplificazione delle catene di approvvigionamento, con un numero più limitato di intermediari e un approccio collaborativo per l’approvvigionamento e la progettazione dei prodotti stanno portando a catene di approvvigionamento efficienti, anche se attivate da singoli,

Rimuovere la spedizione dalle catene di approvvigionamento e concentrarsi sull’invio di file piuttosto che sui prodotti fisici non è solo un modo per bloccare l’intero processo e risparmiare sulle emissioni di CO2, ma ora è anche dimostrato che migliora l’efficienza ovunque

È interessante notare che sei la fondatrice e presidente di Women in 3D Printing. Qual è il ruolo della tua organizzazione nella stampa 3D nella catena di fornitura globale, se presente?

Poiché non forniamo parti né alcun servizio tecnologico, è stato un po ‘difficile vedere come potremmo contribuire alla produzione [dispositivi di protezione individuale]. Sono stato coinvolto a livello personale in alcune iniziative locali, ma volevo mantenere agiato il Wi3DP perché, ancora una volta, non abbiamo un team a tempo pieno né dipendenti che potremmo dedicare a qualsiasi progetto.

Detto questo, essendo una grande comunità, otteniamo informazioni. Quindi, il nostro contributo è stato quello di fornire una directory di quelle risposte alla stampa 3D.

Devo dire che sono rimasto impressionato dal lavoro svolto dai nostri ambasciatori in questo periodo, poiché molti di loro sono stati coinvolti nelle risposte di stampa 3D locali a COVID-19.

Come vedi l’impatto della stampa 3D nella catena di fornitura per le nazioni in via di sviluppo, in particolare in Africa?

Laddove le catene di approvvigionamento non sono completamente sviluppate e stabilite, credo che ci sia un’opportunità per adottare soluzioni di produzione distribuite prima e implementare tali strategie più rapidamente.

Organizzazioni come 3DAfrica stanno facendo un ottimo lavoro nel consentire alle aziende locali di adottare la stampa 3D. Questo potrebbe essere fatto un ulteriore passo avanti anche con le aziende che adottano la tecnologia.

Qual è la tua prospettiva finanziaria per la stampa 3D nella catena di approvvigionamento nei prossimi cinque anni, in particolare dopo gli effetti di COVID-19. Vedi un aumento della crescita finanziaria per i servizi di stampa 3D nella catena di approvvigionamento o un calo?

I risparmi consentiti dalla produzione distribuita su richiesta, resa possibile dai servizi di stampa 3D, sono così grandi e incidono, dal punto di vista finanziario, oltre il confronto dei costi delle parti unitarie. L’impatto è sull’intera catena di approvvigionamento – su deposito, spedizione, consegna ecc. – che ha senso passare alcuni dei pezzi di ricambio di origine tradizionale alla produzione additiva.

Be the first to comment on "Intervista a Nora Toure su Coronavirus e stampa 3d"

Leave a comment