Intervista a Manuela Pipino di Lumi Industries

Intervista a Manuela Pipino di Lumi Industries

Lumi Industries è un’azienda italiana specializzata nelle  stampanti 3D stereolitografe. Abbiamo coperto il lancio dell’azienda Kickstarter nel 2015 , il lancio della stampante DLP , la stampante pieghevole Lumifold e il loro debutto al MakerFaire Roma . Oltre alle stampanti, l’azienda sviluppa e vende resine e realizza progetti come un pratico convertitore di testo in braille o un display braille a basso costo . L’azienda ha ora VVD un dispositivo di visualizzazione volumetrico per file 3D, il piccolo Lumifold Tab e il LumiPocket LT.  Ecco l’intervista alla co-fondatrice Manuela Pipino .

Cos’è Lumi Industries?

Lumi Industries è una startup italiana nata nel 2014 dal sogno di un produttore con una mission: rendere disponibili i benefici della stampa 3D a un numero più ampio di utenti. Nel 2013, Davide Marin, fondatore di Lumi Industries, ha presentato un progetto in 3D Printing chiamato Lumifold, la prima stampante 3D portatile e pieghevole. Il progetto è stato presentato alla prima European Maker Faire a Roma nello stesso anno e lanciato attraverso una campagna Indiegogo. Lumifold ha ricevuto molto interesse a livello globale e abbiamo capito che eravamo sulla strada giusta. Abbiamo deciso di dedicare a tempo pieno questo progetto e, grazie all’incubatore di startup italiano H-Farm, abbiamo creato la nostra azienda.

Cosa fa ?

Lumi Industries è specializzata nell’invenzione, sviluppo e produzione di dispositivi di stampa 3D a base di resina basati su principi solidi: alta qualità, facilità d’uso, prezzo accessibile, compattezza e personalità. Potremmo semplicemente replicare i progetti esistenti, ma preferiamo differenziarci da ciò che è già disponibile sul mercato con qualcosa di diverso e un po ‘di tocco italiano quando si tratta di design del prodotto.

Abbiamo già lanciato e venduto 4 diversi tipi di stampanti 3D, dedicate sia agli appassionati che ai professionisti. Con le nostre macchine siamo stati in grado di rendere più facile per un libero professionista, designer, artigiani, piccole e medie imprese avvicinarsi a questo mondo e iniziare ad adottare la tecnologia di stampa 3D a base di resina per il loro lavoro.

Con le nostre stampanti, forniamo materiali di consumo dedicati grazie alla nostra linea di resine da stampa 3D LumiReact ottimizzate per l’uso sulle nostre stampanti 3D, mentre siamo anche distributori ufficiali di Dutch FunToDo in Italia.

Dal 2016, grazie all’ingegnosità e alla competenza del nostro team, lavoriamo anche più ampiamente nello sviluppo hardware, non specificamente legato alla stampa 3D, per conto terzi. Stiamo collaborando con partner locali e con una grande multinazionale in campo medico. Abbiamo proposto un’idea, hanno approvato e ora lo stiamo sviluppando in base alle loro esigenze e requisiti, come reparto esterno di ricerca e sviluppo, per diventare uno dei loro principali prodotti.
Perché dovrei lavorare con te?

“Lumi Industries è una piccola squadra, ma le idee sono il nostro potere insieme a competenza e conoscenza.”

Ci piace sperimentare e trovare un nuovo punto di vista.

Il nostro team ha esperienza e capacità nel campo dell’ingegneria meccanica, dello sviluppo elettronico e del software, in modo tale da poter passare rapidamente e facilmente da una semplice idea a un prototipo finale in breve tempo, sia quando lavoriamo ai nostri progetti sia a quelli di terze parti. Quindi, siamo il partner ideale per qualsiasi azienda alla ricerca di nuove idee per i loro progetti di innovazione aperta.

Quando si tratta dei nostri dispositivi, poiché siamo utenti finali prima di essere produttori e venditori, ci piace guidare i nostri clienti e assisterli il più possibile, esattamente come vorremmo che gli altri facessero con noi.
Qual è il LumiPocket?

Il Lumipocket è stato il nostro primo progetto come una vera compagnia.

Volevamo creare una stampante 3D a base di resina che potesse essere:

versatile: con la possibilità di avere un’area di stampa regolabile in base alle esigenze
Buona qualità: è stato in grado di raggiungere fino a 37 micron sull’asse XY e 50 sulla Z
veloce: utilizzando un proiettore commerciale Full HD siamo stati in grado di raggiungere da 3 a 5 secondi per strato in base alla resina utilizzata.
affidabile e che richiede poca manutenzione: la struttura meccanica ed elettronica era estremamente basilare per una stampante così performante
facile da usare: niente resina per pulire o cambiare, software molto intuitivo, facile installazione
Il Lumipocket è stata una rivelazione, in quel momento, quando l’abbiamo lanciata attraverso una nuova campagna Indiegogo, non ci aspettavamo che i professionisti fossero tra i nostri utenti, ma questi erano i nostri principali clienti, specialmente dal settore della gioielleria. Erano incredibilmente felici della qualità e molti di loro stanno ancora utilizzando il Lumipocket, che ora è un po ‘obsoleto e fuori produzione, per creare i loro gioielli. All’inizio di quest’anno siamo stati costretti a vendere alcuni dei nostri ultimi esempi, perché alcuni clienti hanno insistito per averlo, dal momento che hanno visto i loro amici usarlo con successo.

Nel 2016 abbiamo lanciato Lumipocket LT, una stampante 3D in resina entry level per le persone che vogliono avvicinarsi a questa tecnologia senza grossi investimenti. Abbiamo integrato la sorgente luminosa utilizzando un laser UV che consente alla stampante 3D di essere non solo molto compatta ma anche multifunzionale. Lo stesso laser UV può essere utilizzato per la stampa 3D con resina o per l’incisione su diversi materiali morbidi.
Il LumiFold?

The New Lumifold è l’evoluzione di quell’idea di compattezza e portabilità che abbiamo lanciato nel 2013. L’idea di Davide era lì fin dall’inizio per creare un dispositivo di stampa 3D che potesse essere estremamente compatto e portatile perché si ripiega su se stesso. Abbiamo riempito una richiesta di brevetto su questo meccanismo innovativo nel 2015 e abbiamo lanciato ufficialmente il progetto.

Sfortunatamente, abbiamo avuto così tante cose da fare, prima di tutto la nostra collaborazione con questa multinazionale, non possiamo ancora citare, in questo importante progetto di sviluppo, che ovviamente ha distratto la nostra attenzione dai nostri prodotti per un po ‘.

Tuttavia, Davide ha continuato, durante il tempo libero, a sperimentare, sviluppare e testare. A Formnext, l’anno scorso, abbiamo esposto solo un modello, quest’anno New Lumifold è stato finalmente un vero dispositivo funzionante.

New Lumifold è un sistema che può essere applicato sia su dispositivi a base di resina che a base di filamenti.

Dal momento che abbiamo molta esperienza con la resina, abbiamo deciso che la nostra prima interazione sarà una stampante 3D a base di resina. Ma dal momento che non ci piacciono le cose facili e abbiamo voluto prendere la compattezza fino all’estremo, abbiamo lanciato New Lumifold TB: una stampante 3D che funziona con speciali resine per luce diurna curate dalla semplice retroilluminazione dello schermo di un tablet. Abbiamo scelto Apple iPad Mini, che è uno dei dispositivi più comuni.

Un’app proprietaria che abbiamo sviluppato, è installata nel tablet stesso per suddividere il file STL precedentemente caricato, per proiettare i diversi livelli e gestire il processo di stampa con il dispositivo tramite una connessione Bluetooth.

La qualità di stampa che siamo riusciti a ottenere è molto alta e vorremmo iniziare ad applicare la meccanica Lumifold su altri sistemi di illuminazione UV e persino a lanciare una versione a filamento.

Nessuno sta pensando alla compattezza e alla portabilità nella stampa 3D, ma dal feedback che abbiamo ricevuto da molte persone che abbiamo incontrato alle fiere e siamo andati negli anni passati, ci ha convinto che può essere un grande valore.

Negli anni ’40, quando venivano creati grandi mainframe, nessuno sognava nemmeno di portare in tasca un computer ancora più potente, come facciamo ora con gli smartphone. Siamo visionari, crediamo che qualcosa di simile possa accadere con la stampa 3D.
Qual è il tuo dispositivo di visualizzazione volumetrico?

Abbiamo sentito l’ingegneria lamentarsi spesso perché ciò che progettano con CAD 3D il loro componente meccanico sembra corretto fino a quando non ricevono il pezzo reale dopo la prototipazione e scoprono che ciò che sembrava corretto su uno schermo non era esattamente la stessa cosa nella realtà.

Il Volumetric Visualization Device nasce dall’esigenza di ottenere una vera anteprima di ciò che si sta per stampare o prototipare in 3D, per risparmiare tempo e denaro. Abbiamo creato un sistema meccanico molto semplice, per il quale abbiamo depositato una richiesta di brevetto, che sfrutta la “persistenza della visione”. Il fenomeno che crea l’illusione del movimento durante la visualizzazione di immagini in movimento, dal momento che un’immagine visiva viene mantenuta per un breve periodo di tempo dopo che è stata rimossa dalla nostra visione.

Un tale dispositivo ci permette di caricare un semplice file stl, che viene elaborato dal nostro software per creare una proiezione di immagini sincronizzata con il movimento verticale estremamente veloce di un film speciale.

Quando il film inizia a vibrare, l’utente, insieme a quante persone desidera, può guardare il modello 3D come se fosse un oggetto reale di fronte a lui / lei e può esplorarlo da qualsiasi punto di vista, esattamente cosa noi chiamiamo un “ologramma”, un vero “ologramma”.

Il fatto che molte persone possano vedere allo stesso tempo, senza la necessità di visori o occhiali speciali, rende questa soluzione economica estremamente interessante e apre a molteplici usi oltre alla progettazione del prodotto per l’anteprima prima della prototipazione.

Può essere utilizzato da un dentista per mostrare al paziente una vera visione 3D della scansione intraorale 3D della sua bocca, da un professore per insegnare agli studenti strutture chimiche, parti del corpo, funzioni matematiche, da un museo per creare un modo più interattivo di presentare manufatti o reperti archeologici o da un’azienda per creare un nuovo modo di presentare un nuovo prodotto.

VVD è ancora in fase di prototipazione e molti miglioramenti possono essere applicati come proiezioni multicolori, possibilità di spostare l’oggetto e interagire direttamente con esso. Per questo motivo, siamo alla ricerca di aziende interessate a un’applicazione specifica di questa tecnologia e desiderose di sostenerne lo sviluppo.
Quali sono alcuni consigli che puoi dare quando fai SLA a casa?

La stampa 3D basata su resina è abbastanza sicura se si seguono le linee guida appropriate per l’uso. Si consiglia vivamente di non utilizzare una stampante 3D a casa. Questo tipo di dispositivi non deve essere utilizzato in nessuna stanza in cui tu e la tua famiglia vivete e mangiate. Una stampante 3D deve essere collocata in un laboratorio o laboratorio dedicato, che può essere facilmente areato
Quali sono alcuni consigli di sicurezza che puoi darmi?

Le resine devono essere utilizzate secondo le norme di sicurezza appropriate. Sono prodotti chimici e devono essere sempre maneggiati con i guanti. La maggior parte di questi ha un odore ridotto ora, ma in alcune persone può ancora creare nausea o vertigini, quindi è consigliabile l’uso di una maschera. Inoltre, quando si utilizza la luce UV durante la stampa 3D o la post-elaborazione indossare sempre occhiali protettivi specifici. L’utente deve inoltre prestare attenzione allo smaltimento del materiale dopo l’uso, poiché la maggior parte dei materiali non è riciclabile. Il produttore o il distributore di materiale di consumo deve sempre fornire una scheda di sicurezza con le indicazioni su come gestirla e smaltirla.
Che cosa devo considerare se voglio utilizzare lo SLA per la produzione industriale?

Principalmente tempi: la produzione di pezzi a base di resina è ancora lenta e costosa rispetto al tradizionale stampaggio di plastica. Ma è perfetto per la prototipazione e per la produzione di piccoli lotti.

Le resine tendono ad essere materiali meno stabili poiché cambiano da liquido a solido e possono subire degradazioni con il passare del tempo. Ma nuove resine industriali sembrano superare questo problema.
Quali sono gli sviluppi nei materiali SLA?

Sono state inventate molte tecnologie di stampa 3D. Le nuove macchine possono essere più performanti, più precise, più veloci, meno costose, più compatte, con design diversi, ma parte della loro potenzialità dipende dalla qualità del materiale. La vera evoluzione ora è nei materiali. Di anno in anno stiamo assistendo a un’evoluzione molto rapida in termini di tipologia, prestazioni, caratteristiche meccaniche e anno dopo anno entrano nel mercato nuovi giocatori, a volte lanciano prodotti davvero innovativi.
Quali sono le tendenze future per lo SLA?

Con il prezzo ridotto delle stampanti 3D a base di resina, sempre più persone si stanno avvicinando a questa tecnologia che ci consente di raggiungere un dettaglio estremo nelle parti stampate in 3D.

Questo, oltre all’evoluzione dei materiali, diventando più stabile e con caratteristiche meccaniche più specifiche per consentire un utilizzo finale della parte 3D, riteniamo che questa tecnologia sarà adottata sempre di più.

Se siamo in grado di fornire stampanti 3D che sono anche facilmente memorizzabili e così compatte da essere spostate, questa curva utente può solo aumentare.
Quali sono le applicazioni ideali per la tua tecnologia?

Le applicazioni tradizionali della stampa 3D a base di resina sono nel settore degli accessori di gioielleria e moda, per la creazione di modelli 3D che possono essere espressi direttamente in metallo. In campo dentale, dove le stampanti 3D utilizzano è in piena espansione grazie alla diffusione di nuovi sistemi di scansione 3D per modelli dentali, protesi parziali rimovibili da fondere nuovamente in metallo, o per denti temporanei con nuovi materiali biocompatibili dentali. Nello sviluppo di componenti meccanici di precisione e in mercati di nicchia in miniatura: in tutti questi settori sono richiesti dettagli estremi. Naturalmente, la continua evoluzione dei materiali può aprirsi a tutta una serie di nuove applicazioni per SLA.

Be the first to comment on "Intervista a Manuela Pipino di Lumi Industries"

Leave a comment