Intervista a Lars Uffhausen cofondatore di Essentium

Intervista: 7 domande al cofondatore di Essentium Lars Uffhausen

Essentium è uno specialista della stampa 3D noto per la sua innovativa tecnologia HSE. Questo processo consente di raggiungere elevate velocità di stampa. Abbiamo posto a Lars Uffhausen, Chief Operating Officer, Chief Financial Officer e co-fondatore di Essentium Inc., sette domande in un’intervista via e-mail.

  1. Come sta Essentium e il team nell’attuale crisi COVID-19?
    Lars Uffhausen: ora siamo un’azienda di fondamentale importanza nel nostro settore, basata sui clienti che serviamo oggi. In questo modo manteniamo le nostre operazioni. Inizialmente avevamo programmato di istituire un centro di produzione solo entro la fine dell’anno. Tuttavia, abbiamo visto che la catena di fornitura globale per i DPI (dispositivi di protezione individuale) era in difficoltà e sapevamo di poter aiutare. Così abbiamo istituito il centro in soli 10 giorni e abbiamo iniziato a produrre maschere per il viso.

Per renderlo possibile, abbiamo mobilitato le nostre risorse e la nostra sostanziale proprietà intellettuale nei materiali e nella produzione additiva per progettare il kit maschera, che consiste in una cornice riutilizzabile stampata in 3D e mezzi filtranti. È realizzato con Essentium TPU74D (uretano termoplastico), che consente una facile pulizia. La maschera Essentium è stata sviluppata per un uso non medico generale durante l’epidemia di COVID-19 sulla base dell’approvazione di emergenza della FDA.

La capacità produttiva è attualmente di 5.000 unità a settimana. Abbiamo anche reso il design della maschera liberamente disponibile attraverso il modello open source del National Institute of Health (NIH). L’iniziativa è guidata dal nostro team di strategia di risposta COVID-19 appositamente creato.

  1. Essentium ha regolarmente messo in evidenza i vantaggi della produzione in loco e il potenziale della produzione additiva anche prima della crisi: ti vedi attualmente confermato in questa domanda?
    La situazione ha decisamente rafforzato il ruolo che la produzione additiva svolge nel sostenere le filiere industriali. Attualmente, questo è ancora influenzato dalla produzione e dalle importazioni tradizionali. Molti produttori stanno ancora lavorando per trovare nuovi fornitori in tutto il mondo in grado di produrre le parti di cui hanno bisogno al prezzo più basso.

La produzione additiva, tuttavia, apre nuove opportunità per molti tipi di componenti in cui i produttori non devono più procurarsi queste parti da fornitori distanti. Invece, devono solo chiarire la disponibilità del materiale e possono quindi iniziare a produrre queste parti internamente. Ciò non solo ridurrà i tempi e i costi che un tempo erano necessari per acquistare e trasportare i pezzi, ma anche accelerare significativamente il lancio sul mercato, che sta diventando sempre più importante oggi.

  1. Ritieni che l’attuale crisi porterà a un ripensamento della politica e dell’economia in questo senso?
    La pandemia fa luce su molte delle sfide della produzione classica just in time. Illumina inoltre la sfida che sorge dalla distanza tra produzione e utilizzo. La maggior parte delle nazioni produttrici del mondo si trova in Asia. Questa distanza geografica da sola rimuove l’opportunità per la catena di approvvigionamento di agire in modo flessibile.

Esiste una grande componente di adattabilità che è parte integrante del modello just-in-time, ma se la distribuzione e una grande distanza fisica sono parte integrante della catena di approvvigionamento, sarà abbastanza difficile per questo modello funzionare. La produzione additiva svolge qui un ruolo importante. Installando attrezzature molto flessibili, i produttori possono iniziare a mitigare i rischi nella catena di approvvigionamento producendo parti in loco o stampando attrezzature e strumenti per far funzionare le fabbriche nella solita misura senza lunghi tempi di consegna.

  1. Quale ruolo pensi che la produzione additiva svolgerà in futuro per la sicurezza regionale delle infrastrutture critiche al di fuori delle applicazioni mediche?
    È prevedibile che il modo in cui funziona la produzione cambi in modo sostenibile. Molte aziende hanno riconosciuto che possono fabbricare pezzi da soli senza dover fare affidamento su fornitori globali. Sarai in una posizione migliore per lanciare prodotti con velocità, portata e, soprattutto, flessibilità. Man mano che la stampa 3D supera gli ostacoli per la produzione di massa, aiuterà le aziende a guadagnare quote di mercato, ad avvicinare la produzione ai clienti, a vincere più ordini, ad aumentare la soddisfazione dei clienti e a conseguire significativi TCO e vantaggi economici.
  2. Che ruolo gioca il deposito digitale?
    Invece di riempire un magazzino pieno di parti che potrebbero non essere aggiornate, la produzione additiva comprime lo spazio fisico in file digitali che possono essere archiviati nel cloud e facilmente accessibili quando necessario. Questo approccio manifatturiero distribuito consente alle aziende di decentralizzare la produzione per avvicinare il prodotto finale al cliente utilizzando soluzioni di archiviazione digitale.

Oggi molti team di acquisto lavorano straordinariamente per controllare più fornitori in tutto il mondo e ottenere le parti di cui hanno bisogno al prezzo più basso disponibile. Ma con la produzione additiva, non è più necessario procurarsi queste parti da molti fornitori diversi. Invece, puoi semplicemente cercare la disponibilità di materiali e quindi iniziare a fabbricare quelle parti internamente o usando il deposito digitale. Ciò non solo riduce i tempi e i costi di acquisto e trasporto delle parti, ma riduce anche significativamente il time to market.

Questo tipo di filiera del magazzino digitale autonomo si rivelerà un fattore critico di successo nel mondo sempre più incerto di oggi. Se riesci a produrre tu stesso pezzi critici senza affidarti a fornitori globali, sarai in una posizione più forte per portare i tuoi prodotti sul mercato e sopravvivere a qualsiasi tempesta, che si tratti di una malattia, di un disastro naturale o tumulto politico.

Con le soluzioni di inventario digitale, il magazzino stesso è disponibile digitalmente per la produzione on demand vicino alla fonte della domanda. I file digitali spediti in modo sicuro dal produttore garantiscono design accurati OEM, anche nelle strutture di fornitori originali in tutto il mondo.

L’invio di file digitali in tutto il mondo consente di risparmiare tempo e denaro, ma solleva anche preoccupazioni dal punto di vista della proprietà intellettuale. L’archiviazione digitale della proprietà intellettuale, in particolare per le industrie di importanza critica come la difesa o l’aerospaziale, che hanno entrambi mostrato grande interesse per l’introduzione della produzione additiva, è ancora vista come una sfida.

  1. Quali sono i vantaggi se materiali e processi provengono da un’unica fonte e quanto è importante che le macchine siano aperte ai materiali?
    Siamo pienamente convinti che prevarranno ecosistemi di additivi aperti. È sempre stata la nostra visione e strategia. L’espansione di un ecosistema di additivi aperti significa che i clienti hanno finalmente le mani sul volante del proprio futuro e sono in grado di sbloccare le proprie innovazioni.

Un mercato aperto incentrato sullo sviluppo di nuovi materiali, come i materiali ad alta temperatura recentemente lanciati da Essentium e macchine migliori e più veloci, è l’unico modo per i produttori di creare nuove applicazioni e nuove opportunità commerciali. Con questo approccio, il futuro appartiene al cliente, non all’OEM.

  1. Quali sfide vedi in questo contesto?
    Finora, il mercato AF industriale è stato dominato da sistemi chiusi in cui i clienti sono legati all’hardware, ai processi e ai materiali dei fornitori. Poiché gli ostacoli tecnologici in termini di economia, portata, forza e velocità di produzione vengono eliminati, la produzione additiva sta aumentando rapidamente.

I produttori ora stanno andando per la propria strada e rivalutando le loro relazioni con i fornitori di AF. La maggior parte non opterà per un pareggio del produttore. Invece, richiedono ecosistemi aperti per superare la mancanza di flessibilità del sistema e utilizzare i materiali di loro scelta.

Be the first to comment on "Intervista a Lars Uffhausen cofondatore di Essentium"

Leave a comment