Intervista a Keyvan Karimi

INTERVISTA: KEYVAN KARIMI, CEO DI AMFG, SULL’IMPORTANZA DELLA CONNETTIVITÀ NEL FLUSSO DI LAVORO AM

Con sede a Londra, AMFG fornisce software che aiuteranno a spostare la stampa 3D industriale in produzione. In particolare, la società ha sviluppato un sistema di esecuzione di produzione (MES) e un software di automazione del flusso di lavoro per la produzione additiva. Keyvan Karimi, CEO e fondatore, ha lanciato la società nel 2014 con la visione di aiutare i produttori ad aumentare le loro operazioni di produzione additiva.

Parlando con Karimi, l’industria della stampa 3D apprende di più sull’importanza della connettività per raggiungere flussi di lavoro di produzione additivi scalabili e su come AMFG intende fornire questa connettività ai produttori attraverso il suo software MES e le sue partnership con Autodesk ed EOS . “La connettività è importante per la scalabilità, in particolare quando guardiamo all’utilizzo dell’AM per la produzione seriale e di parti finali”, aggiunge Karimi. “Per AM effettuare questa transizione, la scalabilità – la capacità di aumentare la produzione, il numero di macchine ecc. – sarà fondamentale.”

Il software MES di AMFG consente agli OEM e ai fornitori di livello 1 di semplificare l’intero flusso di lavoro di produzione additiva, dalla gestione degli ordini e dei costi dei lavori alla pianificazione della produzione e alla gestione post-elaborazione (QMS).

Di recente, AMFG ha collaborato con lo sviluppatore di software di progettazione 3D Autodesk per integrare entrambe le rispettive soluzioni software, MES e Netfabb / Fusion 360, al fine di creare un flusso di lavoro completamente connesso. La società ritiene che la questione della connettività sia uno dei maggiori ostacoli che impediscono ai produttori di adottare la tecnologia. Ciò è particolarmente vero per i produttori globali che cercano di collegare i loro siti di produzione e le catene di approvvigionamento in tutto il mondo: “La connettività è la chiave per l’efficienza operativa, la tracciabilità e la produttività all’interno di AM”, spiega Karimi.

“POICHÉ I PRODUTTORI CERCANO DI RIDIMENSIONARE LE LORO OPERAZIONI AM, DOVRANNO GESTIRE ED ESEGUIRE QUESTE OPERAZIONI LUNGO LE LORO CATENE DI FORNITURA E, MOLTO SPESSO, ATTRAVERSO PIÙ CENTRI DI PRODUZIONE. CIÒ RICHIEDE PROCESSI INTEGRATI IN GRADO DI RISPONDERE ALLE RICHIESTE IN TEMPO REALE – IN ALTRE PAROLE, CONNETTIVITÀ “.

Cos’è la connettività nella produzione additiva – e perché è importante?

La connettività nel flusso di lavoro di produzione additiva può essere suddivisa in tre aree chiave: macchine, processi e catene di approvvigionamento. Abilitare la connettività in ciascuna di queste aree è importante per i produttori per integrare i loro processi e ridimensionare le loro operazioni di produzione additiva.

La connettività della macchina si riferisce alla capacità di trasferire i dati senza soluzione di continuità tra una stampante 3D e il software del flusso di lavoro MES. Spiegando i vantaggi di questa forma di connettività, Karimi afferma che consente una maggiore tracciabilità per i produttori: “Ciò offre il vantaggio del controllo della macchina e una maggiore visibilità nelle operazioni in tempo reale e significa anche che le aziende possono sfruttare la crescente quantità di macchine e dati di produzione per identificare potenziali colli di bottiglia e ottimizzare i loro processi. “

Oltre a risalire all’indietro, la connettività della macchina nel software MES di AMFG consente anche ai produttori di prevedere la qualità delle parti che devono ancora essere stampate in 3D. “Attualmente, la qualità in AM può essere difficile da prevedere o controllare – ad esempio, le variazioni di temperatura durante il processo di stampa possono portare rapidamente a problemi di qualità, come deformazioni”, commenta Karimi. “La connettività della macchina consente un migliore controllo del processo. Quindi, in questo esempio, il software MES integrato con le macchine AM potrebbe essere utilizzato per leggere i dati dei sensori dalle macchine e inviarli in feedback in modo che il processo possa essere ottimizzato. “

Passando all’area successiva, la connettività di processo si riferisce alla connessione tra i flussi di lavoro interni di un’azienda e i suoi centri di produzione. Karimi spiega che un certo numero di clienti di AMFG opera a livello globale e che un problema significativo riguarda la capacità di connettere tutti i propri centri di produzione e operazioni. Ad esempio, due dei clienti di AMFG sono produttori multinazionali di beni di consumo che utilizzano il software MES dell’azienda per gestire e connettere la sua produzione interna attraverso una rete di siti. Entrambi i clienti erano alla ricerca di una piattaforma software che potesse facilmente ridimensionarsi con la loro espansione operativa. “Collegando i loro processi operativi, il nostro software aiuta i produttori a ottenere una migliore visibilità delle loro operazioni e ottimizzare le risorse e la produzione”.

Infine, la connettività della catena di fornitura riguarda OEM e fornitori. Abilitare una connessione efficiente tra i due consente una migliore comunicazione e tracciabilità lungo tutta la catena di approvvigionamento. “Ad esempio, molti dei nostri clienti hanno in programma di utilizzare il nostro software per gestire l’outsourcing di determinati compiti di produzione alla loro attuale rete di fornitori”, afferma Karimi. “Con entrambe le parti – OEM e fornitori – che utilizzano la nostra piattaforma, il risultato è un flusso di lavoro semplificato che è significativamente più efficiente.”

In che modo il software MES di AMFG abilita la connettività nel flusso di lavoro AM?

Con le aree chiave identificate, in che modo AMFG mira ad accelerare la connettività nella catena di processi AM con il suo software MES? Karimi spiega che uno dei modi in cui AMFG sta promuovendo la connettività è attraverso partenariati e collaborazioni.

Nel caso della connettività delle macchine, a novembre 2019 AMFG ha annunciato una partnership con la stampante 3D tedesca OEM EOS, volta a consentire la connettività del software MES con le macchine EOS . “Una delle maggiori barriere alla connettività delle macchine”, suggerisce Karimi, “è l’hardware”. Molti sistemi di produzione additiva sono chiusi e privi di interfacce standardizzate, rendendo impossibile la connettività. Tuttavia, Karimi osserva che questo sta lentamente cambiando: “Poiché le aziende continuano a investire in una vasta gamma di stampanti industriali, i produttori di hardware stanno riconoscendo il valore di garantire che i loro sistemi possano integrarsi con il software del flusso di lavoro”.

Pertanto, la partnership di AMFG con EOS rappresenta un altro passo verso una maggiore connettività tra macchine e software. I clienti che utilizzano il software MES di AMFG hanno il controllo diretto della macchina e l’automazione del flusso di lavoro end-to-end delle stampanti 3D EOS: “Gli utenti possono preparare build e inviare dati di file suddivisi a una macchina EOS, mentre utilizzano AMFG per gestire le operazioni di produzione. Stiamo lavorando per poter monitorare e ricevere i dati della macchina in tempo reale. Crediamo davvero che la prossima fase di AM riguarderà la connettività, l’integrazione e l’automazione “, aggiunge Karimi.

AMFG sta anche affrontando la connettività di processo nella sua collaborazione con Autodesk . La partnership consente agli utenti di preparare i propri file 3D per la stampa nel software di progettazione di Autodesk, quindi di trasferire facilmente tali file nella simulazione del flusso di lavoro di AMFG per la gestione e l’integrazione nell’intera catena di processo. “L’obiettivo qui è quello di creare un flusso di lavoro digitale end-to-end dalla progettazione alla produzione. In pratica, ciò significa che gli utenti possono completare tutte le attività di progettazione e preparazione utilizzando Autodesk e quindi gestire senza problemi il lato produttivo delle cose, come la pianificazione e la preparazione della build, nel nostro software ”, commenta Karimi.

Ma perché la connettività è importante nella fase di progettazione del flusso di lavoro di produzione additiva? Alexander Oster, direttore della produzione additiva di Autodesk, suggerisce che senza un software MES collegato, le modifiche di progettazione devono essere monitorate manualmente, le modifiche di produzione sono completate con fogli di stampa e le modifiche di progettazione dell’ultimo minuto possono risultare ingombranti. “Avere un flusso di lavoro collegato significa che è possibile tenere traccia di tutte le modifiche alla progettazione e adeguare il programma di produzione. Oggi esistono strumenti verticali molto potenti che servono a un determinato scopo (CAD, Print Prep, Print Simulation ecc.), Ma avendo uno strato orizzontale che collega i diversi processi, possono essere utilizzati in modo più efficace e per il loro pieno potenziale “, spiega Oster .

“COLLEGANDO IL NOSTRO SOFTWARE ADDITIVO CON AMFG, ESISTE ORA LA POSSIBILITÀ DI AUTOMATIZZARE L’INTERO FLUSSO DI LAVORO. CIÒ INCLUDE, GENERAZIONE DI PREVENTIVI, PROGETTAZIONE PER ADDITIVI, PREPARAZIONE DELLA BUILD, VALIDAZIONE DELLA BUILD, PIANIFICAZIONE DEI LAVORI ECC. ”

I clienti di AMFG stanno già beneficiando della connettività fornita dal suo software MES. Ad esempio, una grande azienda automobilistica sta attualmente utilizzando la tecnologia AMFG per collegare la sua rete globale di centri di produzione, fornitori e utenti interni. Secondo Karimi, “La società produce centinaia di migliaia di pezzi ogni anno con AM e questo volume di produzione significa che coordinare le operazioni tra aree geografiche è una sfida senza connettività”. Pertanto, la società senza nome ha sfruttato il software MES per indirizzare automaticamente gli ordini ai propri centri di produzione in tutto il mondo, nonché ai propri fornitori. AMFG sta ora lavorando per collegare i fornitori Tier 1 dell’azienda alla piattaforma MES, quindi il cliente è dotato di una catena di approvvigionamento completamente integrata e agile.

L’obiettivo finale, per AMFG, consiste nel facilitare la scalabilità necessaria per la produzione additiva su scala industriale: “In definitiva, una delle maggiori barriere alla scalabilità all’interno della produzione additiva è la mancanza di un flusso di lavoro continuo, end-to-end a causa della disconnessione , passaggi manuali. Il nostro lavoro nel guidare una catena del valore più connessa e integrata è di fornire la tracciabilità e la scalabilità necessarie per spingere la AM verso l’industrializzazione “, conclude Karimi.

Be the first to comment on "Intervista a Keyvan Karimi"

Leave a comment