Intervista a Juan Carlos Miralles

la stampa 3D in America Latina ha richiesto più tempo del previsto

È abbastanza comune per i paesi emergenti dell’America Latina seguire le tendenze tecnologiche globali, ma la stampa 3D non ha acquisito abbastanza forza per iniziare a interrompere alcune delle principali industrie. Le economie dell’America Latina hanno registrato tassi di crescita del PIL annuali medi di circa il 3% , molto più lenti della crescita in alcune altre regioni in via di sviluppo. Inoltre, un rapporto sulla crescita della produttività in America Latina da parte della Banca Mondiale, afferma che le tecnologie trovate nelle fabbriche sono molto meno produttive e più vicine all’obsolescenza di quelle negli Stati Uniti. Solo il 22 percento delle aziende nella regione innovano, il che è molto povero rispetto al 62 percento delle imprese in Europa e Asia centrale. E anche quando fanno innovazione, le aziende latinoamericane lo fanno con cautela. In un’intervista , Juan Carlos Miralles, direttore delle vendite di Stratasys per l’America Latina e i Caraibi, ha cercato di far luce sull’importanza di utilizzare le tecnologie di stampa 3D nelle università e negli ospedali locali, nonché di educare le generazioni più giovani alla stampa 3D e produzione additiva. Miralles è molto interessato all’impatto che i modelli medici possono avere sulle prestazioni complessive di ospedali e cliniche, soprattutto come modelli pre-chirurgici per procedure complesse, anche come repliche anatomiche stampate in 3D economicamente convenienti per l’educazione e la formazione medica. Per lui, questo significa che l’adozione di questi progressi nel settore sanitario aiuterebbe la regione a crescere più rapidamente. Secondo Miralles, il Brasile conduce attraverso la ricerca e lo sviluppo della stampa 3D in medicina, e con uno dei più grandi sistemi sanitari pubblici al mondo, non c’è da meravigliarsi che stia rapidamente superando il pacco.

Nel 2013, subito dopo che la Stratasys ha acquisito Objet, Miralles è stata assunta come Responsabile del Territorio per la società con sede negli Stati Uniti, nella speranza di portare la rivoluzione della stampa 3D nel cono sudamericano. A quel tempo, l’America latina era in ritardo, c’erano solo alcune stampanti, tra cui Stratasys e Objet, in Brasile, Cile e Argentina, quindi la società si concentrò sull’aumentata partecipazione delle stampanti 3D nei settori, ma ci voleva più tempo del previsto.

“All’epoca sentivamo di dover intensificare il processo di espansione della tecnologia, che pensavamo sarebbe stata rapida, ma ciò non è accaduto. In realtà, abbiamo notato che quando i brevetti per le nostre macchine FDM sono scaduti, molte piccole aziende manifatturiere nella regione hanno iniziato a produrre stampanti 3D e le hanno commercializzate come tecnologia FDM di Stratasys, così tante persone hanno acquistato le versioni più economiche. Ma dopo un po ‘si sono resi conto che non potevano fare molto con una stampante da $ 5000. Quindi questo è stato sicuramente un fattore che ha ritardato l’adozione della tecnologia AM. Tuttavia, il mercato è stato lanciato nel 2015 e la comunità di tecnologia latinoamericana ha notato la differenza tra una stampante professionale e la versione hobbista.”

Be the first to comment on "Intervista a Juan Carlos Miralles"

Leave a comment