Intervista a Jason Chuen

In Australia il chirurgo vascolare Jason Chuen comprende che la stampa 3D è l’eccitante passo successivo nella medicina personalizzata, motivo per cui utilizza scansioni 3D e stampa 3D per fornire modelli anatomici. Durante un’intervista , Chuen, che è anche direttore della chirurgia vascolare presso Austin Health e il laboratorio di stampa medica 3D di Austin Health ( 3D Med Lab ), ha suggerito che “c’è molto interesse perché il campo della stampa 3D in la medicina sta crescendo; assistiamo più che mai ai medici e ai ricercatori coinvolti, oltre che a un maggiore sviluppo delle applicazioni provenienti dai clinici “.

All’Università di Melbourne , in Australia, il 3D Med Lab supporta la stampa 3D per applicazioni cliniche e gestisce un programma di ricerca attivo che esplora come può essere utilizzato per l’insegnamento, la simulazione procedurale, l’educazione del paziente, la pianificazione chirurgica e gli impianti protesici. La prima struttura del suo genere in Australia, 3D Med Lab, stampa spesso modelli di aure malate per eseguire un “esercizio” di chirurgia. Ciò che rende unico questo laboratorio è che è basato in ospedale e funziona con molte specialità diverse. Chuen ha esaminato il panorama della stampa 3D medica per molti anni e all’inizio di questo mese insieme al suo collega Jasamine Coles-Black, un medico e ricercatore vascolare presso il Dipartimento di Chirurgia Vascolare di Austin Health e 3D Med Lab, ha organizzato la quinta conferenza annuale 3D Med Australia , che sostiene sia l’unico incontro del suo genere in Australasia, con solo uno o due in più il mondo di una natura simile, come il meetup della stampa 3D medica di Materialise in Belgio.

Chuen e Coles-Black hanno persino iniziato a stampare copie dei reni dei pazienti per aiutare i chirurghi di Austin Health a pianificare la rimozione dei tumori renali. Inoltre, Chuen comprende che la sfida immediata nella stampa 3D medica è garantire che gli stessi professionisti medici siano al passo con la tecnologia perché è la loro esperienza clinica a guidare nuove applicazioni e progetti.

Durante la nostra intervista, Chuen ha affermato che la conferenza ha dimostrato ancora una volta che l’Australia sta aprendo la strada con cooperazioni di sviluppo tra istituzioni, questioni etiche che circondano la stampa 3D e non vede l’ora di avere molte interessanti possibilità della tecnologia per il futuro.

Perché la conferenza 3D Med è stata così importante per la regione?

Abbiamo notato che in precedenza esistevano molti gruppi che non si conoscevano a vicenda e l’incontro è diventato un ottimo punto focale per le persone per scoprire cosa stanno cercando e vendendo gli altri. Quindi, invece di lavorare da soli e quasi in segreto, possono unirsi e creare progetti che attraversano diverse istituzioni, specialità e discipline. Durante la conferenza, ad ogni angolo ho incontrato gruppi di persone provenienti da diverse università e città che si riunivano per far nascere un progetto, dimostrando che c’era un’atmosfera molto cooperativa. Tutti chiaramente avevano interessi comuni e scoprirono che potevano lavorare al di fuori del proprio spazio con gli altri.

Cosa c’era di così unico nella conferenza 3D Med?

Poiché in realtà non ci sono molti incontri come questo, le aree di interesse sono ancora in crescita, chiunque stia lavorando con queste tecnologie ha applicazioni in diverse aree, ecco perché abbiamo un sacco di crossover tra i campi. Il punto di forza della confluenza deriva dall’incoraggiare le persone ad avere una visione d’insieme di ciò che stava accadendo sul campo, quindi piuttosto che comprendere solo gli aspetti tecnici della tecnologia, tutti hanno iniziato a diventare informati sull’intero paesaggio, ad esempio, perché dobbiamo preoccuparci etica e regolamentazione, o considerando le utili implicazioni dell’applicazione delle tecniche da una diversa area della scienza e della ricerca.

Una delle maggiori sfide per la stampa 3D è?

Uno dei maggiori problemi nei dispositivi medici personalizzati e nello spazio di stampa 3D è che non vi è incertezza su cosa accadrà in futuro. Oltre alla guida della Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti, non ci sono state molte risorse per produttori e ricercatori su come saranno regolati la stampa 3D e i dispositivi medici personalizzati. Rappresentanza dell’Amministrazione terapeutica delle merci (TGA) in Australia nel Forum internazionale dei regolatori dei dispositivi medici(IMDRF) è stato molto forte, in particolare per quanto riguarda la stampa 3D e i dispositivi medici personalizzati. Durante la conferenza John Skerritt, Vice Segretario del Dipartimento della Salute australiano, ha delineato l’ampio quadro intorno al campo e ha avviato un processo di consultazione con la comunità della stampa 3D medica (e abbiamo fornito alcune proposte per la documentazione finale che sarà pronta presto.)

La produzione distribuita presenterà nuovi rischi per garantire il controllo di qualità dei prodotti finali. Occorrerà uno spostamento fondamentale della responsabilità dal fornitore al luogo in cui vengono fabbricati i medicinali o i dispositivi. Ciò rappresenta un grande cambiamento e dobbiamo capire come potrebbe funzionare. Ma se otteniamo il regolamento giusto, trasformerà l’accesso ai prodotti medici.

Come sarà il futuro della stampa 3D in medicina?

Il punto centrale di ciò che facciamo è migliorare l’assistenza ai pazienti, quindi dobbiamo riflettere attentamente sui nostri prossimi passi e analizzare se è utile o meno. Per i pazienti, i modelli anatomici li aiutano a vedere e comprendere le condizioni o gli interventi chirurgici che prevedono. Abbiamo realizzato progetti e abbiamo alcune prove conclusive che la comprensione del paziente è migliorata con modelli anatomici stampati in 3D.

I pazienti sono interessati a sapere cosa accadrà in futuro, in particolare con reni e stent stampati in 3D. Ma la verità è che quella tecnologia è molto lontana. Potremmo non essere mai in grado di stampare in 3D un organo, almeno non come immaginiamo che sia. Realisticamente, se stiamo parlando di un organo da trapianto, dobbiamo pensare che, indipendentemente dall’aspetto dell’organo, la domanda è: fa il lavoro? Ad esempio, se stessimo pensando alla bioprinting per sostituire un rene, purché svolga la funzione del rene, non importa quale forma abbia. E per questo, dobbiamo essere in grado di riprodurre un struttura. Questo potrebbe essere in forme, piuttosto che in un blocco, oppure potrebbe essere una composizione di un dispositivo esterno e uno interno, il che significa che staremmo esaminando qualcosa che è assemblato. Oggi la tecnologia per avere il rene sostitutivo è disponibile, è una macchina per dialisi, ma non ti aspetteresti che una macchina per dialisi assomigli ad un rene. Lo stesso accadrà con gli organi stampati in 3D, in cui è necessario separare l’aspetto e la struttura dell’organo dalla funzione. Alla fine, la funzione è ciò che conta.

Pertanto, se dovessimo immaginare come sarebbe un cuore stampato in 3D, dovremmo andare nel campo della robotica leggera o imitare le strutture naturali, tutto ciò cambia fondamentalmente il modo in cui pensiamo agli organi del corpo umano.

In che modo il tuo particolare campo medico può trarre vantaggio dalla stampa 3D?

Come chirurgo vascolare, sto anche guardando gli stent stampati in 3D, e c’è un bel po ‘di soluzione. Principalmente si basa sulla stampa di qualcosa che assomiglia a uno stent, ma è molto difficile riprodurre le proprietà meccaniche di uno stent usando la stampa 3D. I vantaggi ruotano attorno ai diversi materiali che potrebbero essere utilizzati con la stampa 3D, ad esempio, se si potesse riprodurre uno stent in una plastica bioassorbibile, ciò consentirebbe ai chirurghi di distribuirlo con farmaci incorporati (come antibiotici e antidolorifici) che vengono rilasciati in un tempo impostato. Ci sono molte opzioni in termini di utilizzo della tecnologia multi-materiale nella produzione di impianti personalizzati, oltre a una grande precisione, ed è un’area in cui la stampa 3D aiuta.

Idealmente, dobbiamo comprendere la tecnologia per sapere dove possono verificarsi gli errori. Ma in generale, sta migliorando, sia in hardware che in software, la sfida consisterà nel renderlo accessibile. Abbiamo effettuato prove randomizzate su modelli anatomici per l’insegnamento, l’educazione e la simulazione. Esistono già alcuni dispositivi medici stampati in 3D, ad esempio per giunti e impianti. Sarebbe l’ideale per avere valutazioni dell’economia per determinare se i modelli anatomici saranno utili.

In che modo l’Australia sta cambiando il paradigma della stampa medica 3D?

L’Australia ha una tecnologia leader a livello mondiale, ma per quanto riguarda il modo in cui abbiamo collaborato e lavorato insieme, siamo piuttosto unici. Anche a livello globale uno dei maggiori problemi è trovare i gruppi che stanno facendo questo tipo di lavoro. Siamo stati in contatto con gruppi di ricerca in Polonia, Boston e Toronto, anche impegnandoci con grandi centri come la Mayo Clinic, nel Minnesota. La collaborazione chiave tra i centri internazionali è ottima e stiamo tenendo d’occhio altri importanti centri di attività, come in Cina, Corea del Sud ed Europa. Dobbiamo collegare tutti i gruppi internazionali, ecco dove vediamo che stanno andando le cose!

Be the first to comment on "Intervista a Jason Chuen"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi