Intervista a James Nordstrom di 3DPrintClean

James Nordstrom è il fondatore di 3DPrintClean , specializzato in filtri per stampanti 3D e custodie di sicurezza. Stanno cercando di risolvere vari problemi in termini di sicurezza e salute pubblica nel settore della stampa 3D.

Cosa ti ha portato dove sei ora?

Ho trascorso 20 anni nel software IT, ma ho sempre avuto il fascino dell’ingegneria. Ho fatto un progetto di robotica nel 2010 e questo mi ha insegnato molto sul CAD e varie abilità. Ho anche lavorato per varie startup nella mia carriera.

Puoi spiegare cosa fai con 3DPrintClean?

La fidanzata di mio fratello era al Comicon. Stava costruendo un enorme costume con parti stampate in 3D. Poi mio fratello e io abbiamo trovato una ricerca sulla filtrazione dell’Illinois Institute of Technology su vari articoli su come le emissioni della stampa 3D possono essere dannose per la salute. Siamo quindi stati in grado di costruire rapidamente un prototipo. Poi siamo diventati molto coinvolti come uno dei primi sostenitori di questo. È stato interessante visto che per la prima volta vendevamo molto in Canada e in Europa perché erano molto sensibili alla salute. Poi alla fine anche l’America ha iniziato a venire in giro. Questo ci ha permesso di approfondire ulteriormente anche la nostra soluzione. Abbiamo iniziato a pensare a cose come la sicurezza antincendio.

Cosa ne pensi della sostenibilità e dell’economia circolare?

Questo è sicuramente qualcosa a cui abbiamo pensato. Abbiamo imparato tantissimo su questo. La quantità di plastica prodotta con la parte in plastica e le parti dell’armatura è grande. Il PLA è un materiale di riciclaggio molto migliore rispetto alla plastica tipica. Se lo metti in una discarica, non sarà riciclabile. Le aziende di riciclaggio non sanno cosa fare con il materiale. Le persone usano diversi tipi di filamenti e questo li rende impossibili da riciclare. C’è un grande lavoro svolto nello spazio da aziende come Filabot.

Quali sono alcune aree tipiche di preoccupazione quando una stampante 3D sta producendo un ruolo in termini di sostenibilità e sicurezza?

La sicurezza è il nostro pane e burro. Filtrazione e accesso non autorizzato sono grandi aree di preoccupazione. Ho visto insegnanti che hanno avuto anche problemi. Penso anche che sia importante conoscere la sicurezza alla base di questi materiali. Anche le resine sono un grosso problema. Anche le polveri di sinterizzazione del metallo sono molto esplosive. È importante tenere a mente queste cose quando si ha a che fare con la stampa 3D e il futuro del suo sviluppo.

Puoi parlare della tecnologia che sta dietro al sistema di filtraggio di fumi e particelle 3DPrintClean?

Abbiamo sviluppato soluzioni proprietarie. La maggior parte dei filtri non funziona bene in base alle dimensioni della particella. Questi vanno dritti al flusso sanguigno quando li inalate. La tecnologia del filtro si rivolge a diverse nanoparticelle. Ci occupiamo anche dei VOC. Siamo orgogliosi di essere esperti in questo campo. Cerchiamo costantemente nuovi modi per filtrare i vari prodotti.

Il lato del filamento è davvero interessante. Quindi ci sono un sacco di stampanti che stanno andando benissimo in termini di sicurezza, ma alcune stampanti sono inclini al fuoco. Una cosa che ci ha scioccato riguardo i filamenti è che la maggior parte delle stampanti afferma che dovrebbero essere utilizzati in un’area ben ventilata. Tutti si sono trasferiti al PLA perché pensavano che fosse sicuro.

Il PLA produce anche particelle ultrafini. Questo non significa che sia sicuro. È particolarmente importante nella scuola quando si hanno polmoni in crescita. Un decano di una scuola in cui andavamo era un tossicologo e ha immediatamente compreso il valore del lavoro che stavamo facendo. Ha quindi incaricato tutte le loro stampanti 3D di utilizzare i nostri sistemi di ventilazione.

Quali sono alcune cose semplici di cui dovremmo essere a conoscenza in termini di sicurezza della stampa 3D?

Penso che conoscere le basi sulle proprietà meccaniche sia importante. Conoscere la testa riscaldata è importante. La gestione del materiale è importante soprattutto nelle stampanti SLA. In realtà insegnare alle persone ad indossare i respiratori è importante. La post-elaborazione generale è importante, ma è importante conoscere l’acetone come oggetto infiammabile. Un sacco di gente usava fare la propria colla per il letto. Uno prenderebbe acetone e della plastica per fare uno slosh, ma questo è in realtà molto pericoloso. Ci rendiamo conto che con tutti questi problemi di sicurezza presi in considerazione contribuisce a migliorare la qualità della stampa. Quando abbiamo il nostro sistema chiuso, consente all’aria di non influire sulla temperatura.

Quanto è importante la salute pubblica nella crescente tendenza dei consumatori che utilizzano stampanti 3D?

Estremamente. È super critico. Le persone stanno ricevendo giocattoli e non li capiscono. Dobbiamo rendere le persone consapevoli delle sfide. Non è qualcosa che hai appena messo nella tua camera da letto. I laboratori professionali sono importanti per essere tenuti al sicuro. Come stare attorno a questi oggetti è importante. L’ABS è anche infiammabile, quindi dobbiamo pensare a tutti questi punti di accensione.

Quali sono i piani futuri di 3DPrintClean?

Stiamo continuando ad evolvere i nostri filtri. Lanciamo anche nuove dimensioni per le stampanti. Continueremo anche a costruire nuovi accessori. Continueremo a migliorare ed evolvere in base a ciò che i clienti desiderano. Le persone ci hanno chiesto degli allarmi antincendio e delle comunicazioni testuali per aiutarli a conoscere i problemi come utenti remoti. Ci stiamo solo assicurando di coprire le nostre basi in termini di come possiamo aiutare i nostri clienti e la loro sicurezza.

Be the first to comment on "Intervista a James Nordstrom di 3DPrintClean"

Leave a comment