Intervista a Haleyanne Freedman di M. Holland Company

Haleyanne Freedman è un professionista in sviluppo aziendale e ingegneria con una storia dimostrata di lavoro in una varietà di settori; è specializzata nella produzione additiva. Ha accumulato competenze nello sviluppo di applicazioni, nelle specifiche dei materiali e nella progettazione per la produzione additiva. Attualmente è la Global 3D Printing Specialist presso M. Holland Company.

Dacci qualche informazione sulla tua esperienza e come sei arrivato a questo punto?

Ero in produzione sottrattiva. Volevo lavorare sulla lavorazione, ma ero con una società che comprava stampanti 3D e poi ho imparato più produzione additiva. Poi ho ottenuto 7 stampanti 3D da solo a casa mia.

Spiega cosa fai alla M. Holland Company?

Tradizionalmente, M. Holland Company opera nell’ambito del tradizionale mondo manifatturiero. Creano resine. Volevano entrare nel settore delle stampanti 3D . Poi mi hanno portato a riformulare la strategia per questo particolare campo. Aiutiamo a insegnare ingegneria e progettazione . Aiutiamo gli stampatori con tanta parte delle loro applicazioni.

Quali sono i più grandi blocchi stradali?

Alcune persone e organizzazioni nel settore si concentrano esclusivamente sulle vendite e sul marketing. È difficile nella mia posizione avere persone che commercializzano le cose in modo non pratico. Costringe le persone a rinunciare e le loro aspettative sono ora demolite. È importante concentrarsi su cose che sono effettivamente realistiche.

In termini di sviluppo del business, come dovrebbero le aziende manifatturiere classiche sfruttare la stampa 3D e la produzione additiva?

Nella nostra esperienza le persone hanno successo quando si educano prima di acquistare una stampante. Un sacco di gente comprerà prima di cercare. Quando acquisti la tua stampante, dovresti consentire a tutti di usarla. Ciò fa sì che tutto il tuo team di tecnici non ne sia a conoscenza. È importante che tutti gli ingegneri abbiano competenze nelle macchine reali. Nessuno lo fa nella produzione classica, quindi non dovremmo farlo nella produzione additiva. Il tempo di adozione aumenta quando ci sono altre persone che lavorano su stampanti in casa. Ciò avvantaggia ancora le aziende in termini di costi futuri risparmiati. È importante avere più persone qualificate su una tecnologia. Deve essere uno sforzo di squadra e la formazione incrociata è estremamente vitale. Le persone e altre organizzazioni stanno anche sottovalutando il valore della stampa 3D. Le aziende che stanno risparmiando milioni sono le persone che hanno una stampante sulla scrivania di ogni ingegnere.

Quali industrie sono le più aperte alle interruzioni in termini di produzione additiva?

Penso che lo stampaggio personalizzato sia incredibilmente aperto. Ci sono ancora aziende che pagano 40.000 dollari per muffa. La maggior parte di questi stampi potrebbe essere creata con la stampa 3D. È ancora dipendente dai materiali. Le persone che acquistano le parti devono realizzare il beneficio. La maggior parte delle parti deve essere isotropa. C’è un mondo intero che deve ancora essere messo in uso.

Parlate del vostro coinvolgimento come Vicepresidente di Women in Manufacturing e di Women in 3D Printing.

Sono presidente di Women in 3D Printing a Chicago. Per le donne nel settore manifatturiero, ero preoccupato del perché Madison, nel Wisconsin, non avesse una filiale qui con così tanti produttori in quanto si tratta di un’organizzazione nazionale. Abbiamo avuto un’enorme conversazione e discussione con varie persone qui. Abbiamo 75 membri in modo coerente. Le donne nella stampa 3D sono nuove per tutti. È un’organizzazione no-profit avviata un anno fa. Ci sono meno persone in questa organizzazione. È più che altro sei sulla stampa 3D e vuoi essere nel settore.

Come affrontare il divario di competenze che è prevalente e privo di persone con background diversi?

È davvero stupido che le persone non mi dicessero che potrei essere in produzione da bambino. Penso che sia sbagliato. Le persone spazzolano via la produzione come un’industria sporca. È un’industria piacevole, lucrosa e non-sporca. È utile per tutte le persone. Le competenze apprese in questo settore sono grandi e si traducono in diverse aree di crescita della carriera. Dobbiamo cambiare idea su ciò che le persone possono fare. Non dovremmo essere limitati nelle nostre capacità.

Quali sono questi ostacoli all’accesso?

Nella mia mente molti di loro stanno iniziando a cambiare. Ci sono un sacco di stampanti 3D nelle scuole superiori . È possibile acquistare una stampante 3D per un mezzo più economico. Posso vedere le cose cambiare perché questa tecnologia è tangibile. La mentalità è la più grande. La natura fisica di questo sta cambiando ogni giorno.

Be the first to comment on "Intervista a Haleyanne Freedman di M. Holland Company"

Leave a comment