Intervista a Gina Scala di Stratasys

Intervista a Gina Scala di Stratasys sulla stampa 3D in ambito educativo
10 ore di interviste esclusive di Joris Peels 3D Printing Education

Gina Scala è responsabile del marketing degli sforzi educativi di Stratasys. È anche responsabile del marketing delle stampanti 3D della serie F123 entry-level dell’azienda. Il mercato dell’istruzione è enorme per la stampa 3D. Lontano dall’istruzione formalizzata e dalla stampa 3D è un argomento molto aperto . Nel nostro podcast ne abbiamo discusso a lungo . Avrà un impatto sull’educazione? A quale livello? Sarà disponibile solo per gli studenti delle scuole superiori? Bambini dell’asilo? Sarà il percorso attraverso il quale la stampa 3D guadagna in adozione più ampia o una moda passeggera? Abbiamo parlato con Gina per scoprire cosa pensa e cosa sta facendo Stratasys in materia di istruzione.

Cosa sta succedendo nell’educazione alla stampa 3D?

Dove stiamo vedendo la crescita è nelle scuole di design, nelle scuole d’arte e in medicina. Molte altre aree si stanno interessando alla stampa 3D. Stanno integrando la tecnologia nei curricula e nelle loro offerte. A livello universitario, le persone guardano alla pianificazione della stampa 3D di più.

In alcune università, ora hanno così tante stampanti 3D che usano mappe online per trovare tutte le stampanti del campus. Negli ultimi anni c’è stata una crescita organica in tutto il campus. Ora stiamo assistendo a un aumento delle intenzioni delle università. Stanno esaminando di più i loro bisogni e le loro esigenze e stanno quindi distribuendo stampanti in tutto il campus o nei laboratori.

Stiamo anche assistendo a un numero sempre maggiore di programmi di laurea in stampa 3D.

Per un’università dovrei mettere una stampante 3D su ogni scrivania, utilizzare un cluster o un laboratorio con una serie di tecnologie diverse in esso?

Dipende dai tuoi bisogni. I laboratori di prototipazione rapida tendono ad avere tassi più alti di tecnici, quindi, per ora, hanno la massima produttività. Anche le stampanti distribuite utilizzate per una cosa specifica funzionano bene.

Per un’università che è appena iniziata, la cosa più importante da fare è non avere un solo campione. Ne avrai davvero bisogno due o tre. Inoltre non consiglierei di ottenere 40 piccole stampanti. Prendi invece una stampante che ti dà affidabilità e controllo, come la F120. Sai che funzionerà e sarà semplice da usare. Quando raggiungi il 70% di produttività su quella stampante, ottieni quella successiva.

Per quali livelli di istruzione è adatta la stampa 3D?

I primi 25 F120 sono andati alle scuole superiori. Qui vengono utilizzati come risorse condivise. Possono lasciare che le persone si concentrino sull’apprendimento e sulla logistica della stampa 3D senza doversi preoccupare della stampante. Facilità d’uso, plug and play. Carica la tua parte e vai. Col passare del tempo la tecnologia si abituerà più utile ai gradi inferiori.

La mancanza di capacità CAD mantiene la stampa 3D?

Il design per la produzione additiva è un prerequisito all’uso di questi strumenti per usi avanzati. Ciò significa che per alcune applicazioni esiste un punto di barriera. Le conoscenze e le abilità sono sempre più facili da usare per la tecnologia. In alcuni pacchetti CAD è diventato più semplice attraverso cose come dare primitive da usare.

un F120 e un F370

Quali sono alcune novità che stai vedendo?

La microfluidica è qualcosa in cui vediamo le applicazioni emergenti. Ora abbiamo FDM avanzato in GrabCAD Print. Ciò consente di modificare le impostazioni avanzate come riempimento / trama in Stampa senza dover tornare al CAD. Nelle maschere dei proiettori, ad esempio sulla linea di produzione, un lavoratore può facilmente riparare un dispositivo nel file in GabCAD.

Stiamo facendo molta innovazione materiale sulla serie F123 con cose come TPU e molto altro arriverà su quella piattaforma. È la stampante 3D più diffusa che Stratasys abbia mai avuto. Sono più macchine plug and print che rendono facile ed efficiente lavorare con loro. Con una struttura in acciaio, cingoli lineari cinghie in kevlar e cose come flusso d’aria controllato attraverso la camera, libbra per libbra sono superiori alla concorrenza.

Be the first to comment on "Intervista a Gina Scala di Stratasys"

Leave a comment