Intervista a Brook Drumm : The Demise of Printrbot e Brook’s Next Steps

Adoro Printrbot . La società ha fatto valore ingegnerizzato, duro, hackerabile, stampanti 3D ben progettate e ben fatte. Dove tutti gli altri erano solo un esercito di cloni, Printrbot ha realizzato stampanti 3D economiche che funzionavano. Era un’azienda con molta integrità e onestà. Printrbot è stata anche una delle aziende di stampa 3D di maggior successo che abbia mai venduto oltre 50.000 sistemi. I progetti Printrbot Metal e Simple sono stati ampiamente copiati e la società di stampa 3D open source non ha mai preso molto in considerazione per stampante. I prezzi medi di vendita erano bassi e le stampanti erano state vendute per circa $ 500. C’erano delle macchine che potevo raccomandare caldamente e con qualche ritocco hanno funzionato davvero bene. C’era una reale qualità e integrità nel modo in cui l’azienda operava e nel prodotto stesso. Brook è stato anche ispiratore del percorso donchisciottesco che ha fatto e dei fantastici progetti di stampanti 3D che ha creato. Voleva solo fare una buona stampante economica che chiunque potesse usare, una nobile causa. La concorrenza per le stampanti 3D da $ 300 è costata cara la società tuttavia e in un improvviso shock, è andata sotto. L’esercito di cloni aveva rivendicato una vittima.Brook ha avuto bisogno di tempo per riorganizzarsi e ora è tornato. In questa intervista a cuore aperto, 3DPrint.com parla con Brook di quello che è successo con Printrbot e di quello che è il prossimo per un mio eroe personale della stampa 3D. Ora è su Patreon e sta cercando di educare e creare contenuti per la comunità di stampa 3D . Puoi supportarlo qui .

Come te la passi?

“Ah! Per un amministratore delegato che ha dovuto chiudere la sua società una volta di grande successo e presentare la bancarotta … Sono bravo! So che suonerà duro per molti, ma pochi dei tuoi lettori saranno in grado di relazionarsi personalmente con la situazione che sto vivendo. Sono contento che sia il caso! Tutto sommato, però, ho molto di cui essere grato! Quindi, sì, sto bene. ”
Com’è andare fuori mercato? Lo senti anche emotivamente?

“È stato un tempo incredibilmente solitario. Brutale. Semplicemente angosciosamente brutale.

Purtroppo, l’anno scorso, ho camminato a fianco di uno dei miei migliori amici, Dan, mentre perdeva lentamente la sua lotta con il cancro del pancreas. Abbiamo visto segni, avuto il tempo di prepararci, eravamo così felici di assaporare ogni momento … ma alla fine è stato terribile. Terribile. Solo poche settimane prima di chiudere Printrbot, ho eseguito il funerale di Dan e il servizio funebre e ho messo il mio amico a terra. Mi manca, caro.

La morte di Printrbot non era NULLA come quella … ma era un po ‘così. Fa male. Mi ha spezzato il cuore. E ‘stato molto, molto doloroso. Ma ero così fortunato da averlo persino! Mi è piaciuto molto il mio tempo con Printrbot. Sono un uomo migliore per questo, nessuna domanda. Ora ho il quadro più chiaro che io abbia mai avuto di me stesso – chi sono come persona e cosa è importante nella vita. La mia fede in Dio, nella mia famiglia e nei miei amici. Perdere un’azienda è difficile, ma le persone sono molto più importanti. Periodo.”
Ho intervistato Scott Crump una volta e ha detto che il miglior consiglio è di alzarsi ancora una volta che cadi?

“Buon Consiglio. Mi piace dire: “Vengo abbattuto, ma mi alzo di nuovo. Non mi manterrai mai giù. ”  Se qualche saggezza può davvero venire da una band chiamata” Chumbawamba “.

Il tuo riferimento alla citazione di Scott Crump sta davvero affrontando la condizione umana, non il business . Qualunque cosa sia, rispolverati e torna su quel cavallo. Riprova. E a proposito, smettila di lamentarti! È la vita.”
Ha fatto le stampanti a basso costo uccidere il vostro business?

“Uno dei miei principali mantra nella vita è” PROPRIO “. Ciò significa che, se hai sbagliato, dillo. Ammettere l’errore e andare avanti Ci sono sempre altri fattori nell’ambiente ma possiedi le tue decisioni e conseguenze. Detto questo, Printrbot fallì come risultato diretto delle mie decisioni lungo la strada. Qualunque cosa va oltre quella descrizione non è la causa principale. Ma sì, gli stampatori cinesi a basso costo, e Amazon.com li vende, e gli americani scelgono di comprarli – tutto ha contribuito in modo significativo alla scomparsa di Printrbot “.
Perché non ti sei rivolto alla comunità in cerca di aiuto? Hai fatto così tanto per loro?

“750 mila ragioni. Ehm, dollari. Sì, non era qualcosa che la comunità potrebbe o potrebbe anche aiutare con. Era matematica. La comunità di stampa desktop 3D vota con i loro dollari. Nel 2011 hanno votato BIG per me e Printrbot. Ma le cose sono cambiate. Il mercato è diventato affollato. Il clamore ha provocato delusione per molti. Anche essere un “maker” è cambiato un po ‘. Sotto certi aspetti, la promessa di una stampante in ogni casa suona vuota. In ogni caso, gli acquirenti sono andati altrove. Ma il modo in cui gestivo la mia azienda si è tradotto in un fallimento finanziario – e questo è su di me, non su di loro.

In realtà ho provato a trovare un acquirente per l’azienda. Avrei preso 1 milione per questo e ho pagato il debito solo per evitare di perdere tutto. Ma in questo momento è davvero un brutto momento per vendere un’azienda di stampanti 3D.

Mi sono chiesto se non dire al pubblico fosse una cosa d’orgoglio. Ma non lo penso davvero. Ero ottimista, fino alla fine, che avrei potuto tagliare i costi fino all’osso e sopravvivere. In realtà mi ha colto di sorpresa. Non ho mai visto il conto in banca di Printrbot. L’ho controllato forse una volta all’anno. Strano, eh. La prossima cosa che so, sono nel mio ufficio di avvocati con mia moglie e il mio CFO che parla di fallimento. E ‘stato molto improvviso. ”
Perché continui a supportare i clienti di Printrbot?

“Sono una persona socievole. Ho trattato i miei clienti come famiglia. A volte, dovevo avere a che fare con mio zio pazzo, ma tu ami ancora il ragazzo. Il più delle volte, trattare con la famiglia di Printrbot era tutto degli abbracci e dei fuzzies caldi. Ho veramente amato i miei clienti. Devo poi così tanto.

Ma, lasciami essere chiaro. Non mi sento obbligato a fare nulla per nessuno. Ho perso di più, economicamente, di ogni cliente … quindi anche se ho voluto offrire un rimborso o inviare un libero questo o quello … la sua non solo possibile. Non ci sono soldi da dare. Siamo andati in bancarotta. Ma io sono un ragazzo utile e amo la stampa 3d, quindi se posso aiutare qualcuno con le informazioni, lo farò! Non mi sento necessario, lo voglio. ”
Eri tentato di abbandonare la stampa 3D?

“No. Mi piace e so che è uno strumento incredibile per così tante applicazioni. Ho più cose che voglio fare e creare in questo spazio. Ma se non riesco a trovare una nicchia sostenibile e ad esibirmi bene in quel mercato … potrei dover rivolgermi a un altro mercato per le imprese. Non è che i CEO scelgano di lasciare la stampa 3D alle spalle, e che la stampa 3D ha lasciato dietro di sé molti CEO “.
Quali sono le tue ambizioni ora?

“Youtube + Patreon.com/brookdrumm

Potrebbe volerci un po ‘di tempo, ma voglio far crescere il mio pubblico su YouTube e lavorare affinché i contenuti forniscano entrate sufficienti per fare di più. Quindi la cosa di Patreon. Le persone contribuiscono mensilmente per permettermi di farlo. Mi piace pensarlo come il modello “Value for Value”. Produrrò roba buona che ha valore e alcuni sceglieranno di ridare valore. È una cosa bellissima. Alcuni dei contenuti saranno correlati alla stampante 3D, ma ho un sacco di cose sulla lista. La sua intenzione di essere divertente per dare un progetto il tempo che merita! Sto anche iniziando un podcast audio di lunga durata. Racconterò la mia storia nel primo episodio, ma i miei prossimi due ospiti sono Bre Pettis (di Makerbot fame) e Max Lobovsky (FormLabs). Questo da solo vale la pena iscriversi al mio canale Patreon! ”
Farai più stampanti 3D?

“Sì, naturalmente. È quello che sono adesso.

In questo momento sto aiutando Carl Ubis, di ubishotends.com , a portare la torcia e a fornire accessori per servire i clienti. Ma ho intenzione di progettare e realizzare nuove stampanti su scala molto più piccola. Printrbot stava andando alla deriva nella costruzione di stampanti sempre più grandi, quindi mi sto divertendo a esplorare quella nicchia. Attualmente sto costruendo alcune stampanti “Model 3″ per una protesica senza scopo di lucro Niatech.org. Questo design di stampante ha sovraperformato la concorrenza in natura, costa molto meno e, francamente, sono molto più facile lavorare con rispetto di alcune aziende. (Io sto parlando, non loro) Questo lavoro di grande formato mi sta ispirando a continuare a progettare e costruire. Come le persone hanno bisogno o desiderio, Carl e io siamo felici di accogliere. Non è solo divertente risolvere nuovi problemi, ma i prezzi delle stampanti di grande formato sul mercato mi fanno impazzire. Non dovrebbero costare $ 10000, $ 20000. È ridicolo.”
Sono un ergastolano. Voglio dire che non farò mai altro che la stampa 3D. Tu?

“A lungo termine … beh, <gulp>, ho sognato da anni di avviare una società che produce motori elettrici open source e controller per le conversioni di auto elettriche. Quindi proverò a farlo. Ho già trovato la squadra che può farlo accadere e tutti hanno accettato di salire a bordo. Il design del motore da 65kW è quasi finito – progettato da uno specialista di talento della squadra. Ma ho bisogno di raccogliere fondi per finire di realizzare i prototipi di motori e installarli in una delle mie macchine per dimostrare che è reale. Poi lo porteremo su Kickstarter e vedremo se c’è un mercato per questo. Una cosa è certa: questa compagnia non avrà debiti. Periodo. Sì, sembra tutto pazzesco, ma questo è il posto dove mi piace vivere. Se le persone non ti stanno dicendo che sei pazzo, non stai sognando abbastanza grande. Questa è una cosa lunare per me. Potrebbe volerci un po ‘,
Che consiglio hai per le persone che realizzano stampanti 3D?

“Per gli hobbisti:

Costruire il tuo kit dovrebbe riguardare il divertimento, l’apprendimento, una sfida, l’esplorazione, l’innovazione. È semplice e realizzabile. Compra con saggezza, non a buon mercato. E considera che questo hobby riguarda il tempo libero, l’interesse o le persone con cui lo fai. In effetti, sfiderei tutti a perseguire regolarmente l’hobby CON LE PERSONE. Esci e fai qualcosa di significativo con i tuoi fantastici strumenti e le nuove conoscenze acquisite. È pensato per essere condiviso.

Ai designer:

1. Smetti di fare brutte stampanti. Non devono essere brutti. Ma se lo fai, ammetti che hai semplicemente scelto la funzione e hai gettato la forma fuori dalla finestra. Per me, i prodotti su cui le persone spendono i soldi guadagnati duramente dovrebbero essere belli. È più difficile rendere bella una macchina funzionale. Fallo e ti distinguerai.

2. Sapere PERCHÉ state progettando quella particolare macchina. Il mondo non ha bisogno di più stampanti 3D. Ha bisogno di MIGLIORI. In che modo il tuo design è migliore di quello che già esiste? Testare il check out per i vostri disegni e se la sua non meglio di che cosa è già là fuori – gettarlo nella spazzatura. Qual è il punto? Diverso non è migliore. Meglio è meglio Più economico non è sicuramente meglio. Meglio è ancora meglio. Aspirare a fare qualità, affidabili, indistruttibile, valore imballato , facile da usare macchine.

Alle aziende che producono stampanti scadenti:

smettila.”
Quali lezioni hai imparato?

“Così. Molti. Lezioni.

# 1. Lavorare in modo più intelligente, non più difficile.

Ho versato troppo di me stesso in Printrbot. Non penso sia stato salutare. Non per me, non per la mia famiglia, non per nessuno. Non ho intenzione di fare di nuovo quell’errore. Avrei dovuto lavorare in modo più intelligente, non più difficile. Avrei dovuto chiedere consiglio ad altri che hanno seguito il processo di avvio dell’hardware prima di prendere alcune delle pazze decisioni che ho preso all’inizio. Qualche volta ho provato a fare cose pazze solo perché sapevo di poterlo fare. L’abbiamo quasi sempre rimosso, ma era troppo difficile. L’ho reso difficile

# 2. Cerca la contentezza. Il denaro non ti rende felice. Periodo.

Ho sempre voluto essere un amministratore delegato di un’azienda in rapida crescita. Volevo essere un milionario di 40 anni. Stai attento a quello che chiedi. Sembra un cliché, ma forse un modo migliore per dirlo è: se non riesci a trovare contentezza esattamente dove ti trovi, in questo momento, non lo troverai in quell’erba verde dall’altra parte del recinto.

# 3. Fa quello che ami.

Ho davvero amato ciò che dovevo fare su printrbot . Lo amo. Ma indovina un po ‘… Posso ancora farlo nel mio garage o in qualche altra piccola impresa che inizio. Adoro fare cose. Non mi fermerò mai. E tu non puoi farmi. Non mi fermerei se mi pagassi. Lo adoro.

Ora vai a cercare qualcosa che ami e fai quella cosa. ”

Joris Peels di 3dprint.com

Be the first to comment on "Intervista a Brook Drumm : The Demise of Printrbot e Brook’s Next Steps"

Leave a comment