Intervista a Bill Fienup

Questa è stata un’intervista divertente e approfondita fatta con l’esperto di settore Bill Fienup. Bill Fienup, direttore e servizi di innovazione e co-fondatore di mHUB. È ingegnere meccanico, sviluppatore di prodotti e imprenditore seriale che ha progettato giocattoli per Hasbro e ha studiato l’energia di fusione per il laboratorio nazionale di Los Alamos . Bill ha conseguito il Bachelor e il Master in ingegneria meccanica presso il Massachusetts Institute of Technology. È stato co-fondatore e presidente di Catalyze Chicago, che ha fornito spazio, attrezzature, tutoraggio e comunità a decine di imprenditori in fase di sviluppo prodotto. Prima di fondersi in mHUB, Catalyze ha occupato 8.000 metri quadrati, servito vicino a 200 membri che hanno depositato 80 brevetti, raccolto $ 21 milioni, generato $ 57 milioni di entrate e creato decine di nuovi posti di lavoro. Bill ha iniziato la sua carriera come consulente di design di prodotto per IDEO e Insight Product Development . Con una profonda esperienza nella progettazione di meccanismi, nello sviluppo del prodotto e nei complessi sistemi elettromeccanici, Bill si è spostato dalla consulenza per diventare un imprenditore. Ha avviato diverse società, tra cui Ecofurn e MB Labs, che si concentrava sui dispositivi collegati. Bill detiene 11 brevetti – tra cui un dispensatore di bende, un ago per biopsia e un NERF Atom Blaster con più sospensioni, tra cui diversi relativi alla stampa 3D. La reputazione di Bill come leader di pensiero si estende oltre Chicago. Oltre ad essere un visitatore abituale della Casa Bianca per argomenti che vanno dal commercio internazionale al movimento dei maker, Bill è apparso sulla televisione nazionale con le sue invenzioni.

Ese: Cosa ti ha interessato alla stampa 3D?

Bill: Z Corp. Sono stato coinvolto con loro come matricola al college. Ho avuto modo di lavorare con il loro sistema basato su polvere. Ha utilizzato materiale legante insieme a una cartuccia a getto d’inchiostro. È uno dei primi processi di stampa 3D costruiti. Questo era prima dell’enorme boom della stampa 3D. Pensavo fosse fantastico, e sapevo che avrebbe cambiato lo sviluppo del prodotto. L’iterazione rapida era selvaggia. La levigatura e la modellistica erano come la mia generazione pensava ai prodotti. Stavamo imparando il CAD e altre cose interessanti con le nostre mentalità classiche.

Spiega le tue prime esperienze lavorative e come portano a dove ti trovi attualmente?

Ho iniziato per la prima volta con il mio lavoro presso IDEO. Ho fatto circa 7 anni di sviluppo del prodotto. È stata una bella esperienza. Volevo più altro. Ho visto le imprese essere fatte. Ho quindi deciso di lasciare il mio lavoro per diventare un imprenditore. Stavo facendo un sacco di lavoro da solo per un po ‘. Volevo costruire una comunità di persone che la pensano allo stesso modo. Mi sono reso conto che stavo fallendo da solo cercando di creare prodotti. Avevo bisogno di una comunità più grande. Ho pensato che sarebbe stata una buona idea costruire un’incubatrice. Erano necessari anche set di competenze aziendali. Ho capito le difficoltà, quindi ho voluto aiutare gli altri. Ho incontrato presto Haven Allen con questo disco e ambizione simili. È così che abbiamo iniziato e siamo attualmente nelle nostre posizioni presso mHUB.

Quali sono i maggiori ostacoli con il lavoro che hai svolto per mHUB?

È un obiettivo ambizioso nel cercare di costruire questo tipo di spazio. Anche ottenere le persone dietro la missione era inizialmente molto difficile. Ci siamo lanciati come no-profit in modo che gli imprenditori potessero crescere. Quel modello di business è difficile, anche perché l’appartenenza spinge le nostre entrate. Vogliamo che crescano nella nostra comunità al punto che ci lasciano.

Quali sono alcune cose che ritieni importanti per il futuro della produzione additiva? Quali sono le tendenze interessanti a Chicago?

La velocità è della massima importanza. La velocità è stata la barriera per realizzare prodotti realmente. Le macchine tipiche del settore vengono realizzate con efficienza più rapida. Le persone iniziano a progettare pensando alla stampa 3D. L’industria delle scarpe è molto interessante quando si tratta di questo tipo di sviluppi. Le stampanti 3D stanno finalmente diventando abbastanza veloci per fare un ottimo lavoro. Le proprietà uniche si verificano con l’uso della stampa 3D. Sarà vitale per industrie come l’industria aerospaziale. I materiali più leggeri sono sempre fantastici. Quindi, per lo più, la velocità e la gente che progetta prodotti è interessante.

Che consiglio hai a chi sta cercando di iniziare la loro carriera imprenditoriale?

È molto difficile fare le cose da solo. Consiglierei alle persone di unirsi a una comunità di incubatori. Un sistema di supporto delle competenze del settore è sempre importante. Anche il crowdsourcing è molto potente. È importante avere una comunità. Non fare niente da solo. Cerca sempre di cercare delle partnership. È fondamentale per la tua crescita.

Be the first to comment on "Intervista a Bill Fienup"

Leave a comment