Intervista a Beth Ripley

INTERVISTA: LA DOTT.SSA BETH RIPLEY DI VA PUGET SOUND SULL’AVANZAMENTO DELLA STAMPA 3D NEL SETTORE SANITARIO

Il Vugans Affairs (VA) Puget Sound Health Care System , una rete di centri medici sotto la Veterans Health Administration (VHA) e la University of Washington School (UW) of Medicine ha recentemente annunciato una partnership di due anni con l’obiettivo di far avanzare la stampa medica 3D . Entrambe le organizzazioni stanno collaborando per sviluppare nuove applicazioni per la stampa 3D nella diagnosi e nel trattamento di patologie cardiache complesse.

Come parte dell’accordo, entrambe le organizzazioni condivideranno stampanti 3D, materiali 3D, software e personale (medici, ricercatori e ingegneri), con l’obiettivo di sviluppare rapidamente nuovi protocolli per le procedure di pianificazione operativa utilizzando la tecnologia. Gli esempi includono la creazione di modelli stampati in 3D specifici del paziente per aiutare a trattare la malattia della valvola mitrale, una complessa anomalia cardiaca. Beth Ripley è un radiologo VA Puget Sound, VHA Senior Innovations Fellow e presidente del comitato consultivo per la stampa 3D VHA. Parlando con l’industria della stampa 3D della recente collaborazione, la dott.ssa Ripley spiega la sua visione del futuro della stampa 3D negli ospedali e nelle cure mediche.

“Immagina il potere di tenere in mano un modello 3D a grandezza naturale del tuo cuore mentre il cardiologo discute il tuo piano di trattamento e ti guida passo dopo passo nella tua prossima procedura. Questa è la realtà che vogliamo per tutti i nostri pazienti “, commenta il dott. Ripley.

“ESSENDO IL PIÙ GRANDE SISTEMA SANITARIO INTEGRATO NEGLI STATI UNITI E UNA DELLE PIÙ GRANDI RETI DI STAMPA 3D BASATE SU OSPEDALI, LA VA STA DEFINENDO IL MODO IN CUI LA STAMPA 3D VIENE UTILIZZATA ORA E COME VERRÀ UTILIZZATA IN FUTURO.”

La rete VA Puget copre i centri medici VHA che servono le aree di Seattle e Tacoma nello stato di Washington, fornendo assistenza sanitaria a oltre 105.000 veterani che vivono in 14 contee intorno al Puget Sound nel Pacifico nord-occidentale. Concentrandosi sull’innovazione nel fornire assistenza sanitaria ai veterani, VA Puget Sound ha dimostrato uno sforzo continuo nel portare la stampa 3D nella cura del paziente.

In qualità di sito di punta della rete di stampa 3D di VHA, iniziata nel 2017, ha condotto seminari sulla stampa 3D in medicina e ha avviato collaborazioni con GE Healthcare per migliorare i risultati clinici e le cure mediche per i veterani che utilizzano la stampa 3D . La rete di stampa 3D dell’ospedale è cresciuta fino a contenere 20 ospedali negli ultimi due anni. I vantaggi che alcuni di questi ospedali hanno già ottenuto includono la produzione di modelli di reni per informare la pianificazione pre-chirurgica e ortesi plantari specializzate che aiutano a prevenire le amputazioni evitabili.

La UW School of Medicine ospita un laboratorio di stampa 3D riconosciuto a livello nazionale che ha prodotto oltre 100 modelli specifici per paziente per cardiologi e chirurghi. Lo scienziato ricercatore Dmitry Levin, che gestisce il laboratorio, afferma che, collaborando con VA Puget Sound, “uniamo tutta la nostra esperienza collettiva in uno sforzo unificato per offrire ai pazienti cure cardiache personalizzate in base alle loro esigenze specifiche”.

Insieme, UW Medicine e Puget Sound cercano di migliorare l’accesso a trattamenti innovativi come la sostituzione transcatetere della valvola aortica (TAVR). Gli esiti chirurgici dovrebbero anche migliorare nell’ambito della partnership, poiché la stampa 3D consente ai cardiologi di visualizzare meglio l’anatomia unica di ogni paziente. “I modelli 3D specifici del paziente sono creati da studi di imaging trasversale, più comunemente scansioni TC o MRI”, spiega Ripley. “Verifichiamo l’accuratezza dei modelli confermando che le dimensioni del modello 3D corrispondono alle dimensioni dell’immagine. Questo fa parte della nostra pratica di garanzia della qualità, che è alla base di tutto ciò che facciamo per garantire i migliori risultati di salute per i nostri pazienti. “

Inizialmente, la partnership si concentrerà sull’uso della stampa 3D per creare modelli cardiaci, tuttavia, si espanderà anche per comprendere qualsiasi parte del corpo. Ripley commenta che “VA Puget Sound e UW Medicine stamperanno modelli specifici per paziente per qualsiasi anatomia complessa, dalla testa ai piedi. Ciò include il cervello, lo scheletro e il cuore, così come gli organi addominali e pelvici. ”Aggiunge che il team si concentrerà innanzitutto sulla“ creazione di percorsi standardizzati ”per i modelli cardiaci poiché questi sono i più richiesti. Inoltre, il dott. Ripley afferma: “I modelli 3D specifici per il paziente sono in fase di stampa nei centri medici della VA Puget Sound e dell’Università di Washington. La maggior parte dei modelli verrà stampata presso la struttura in cui il paziente riceve assistenza. “

Aiutare gli ospedali ad adottare la stampa 3D su scala globale

Gli sviluppi e i risultati dell’accordo di ricerca di VA Puget e UW Medicine dovrebbero creare benefici che vanno oltre i 9 milioni di pazienti arruolati e la vasta base geografica di pazienti di UW Medicine. Entrambe le organizzazioni sperano di informare la ricerca futura e di aiutare a sviluppare e ridimensionare le applicazioni di stampa 3D per trattamenti avanzati su scala globale. Alla domanda su come le due organizzazioni intendono aiutare gli ospedali al di fuori delle proprie reti ad adottare modelli stampati in 3D, il Dr. Ripley afferma che stabilire le migliori pratiche è la chiave: “Dopo aver creato e convalidato flussi di lavoro standardizzati per la creazione di modelli 3D, intendiamo condividerli con la comunità attraverso pubblicazioni, corsi pratici offerti durante le riunioni accademiche e contenuti online gratuiti “,

“L’OBIETTIVO È INCORAGGIARE LE MIGLIORI PRATICHE NELLA STAMPA 3D MAN MANO CHE QUESTO CAMPO CRESCE.”

“Nel prossimo futuro”, aggiunge il dott. Ripley, “prevediamo una crescita significativa del numero di ospedali pubblici e privati ​​che acquisiscono stampanti 3D. E speriamo che i flussi di lavoro che creiamo contribuiranno a facilitare l’adozione delle migliori pratiche in queste nuove strutture sanitarie “.

Il dott. Ripley ritiene che il prossimo grande passo per la stampa 3D in campo medico risieda ora nella bioprinting e nello sviluppo per l’autorizzazione della FDA. Nonostante sia molto lontano, l’obiettivo finale per VA è quello di creare tessuti e organi che possano integrarsi nel corpo di un paziente. Tuttavia, l’obiettivo a breve termine per la bioprinting ruota attorno alla creazione di osso vivente e vascolarizzato.

“La speranza è che, in futuro, potremmo creare organi sostitutivi che possano rispondere all’esigenza insoddisfatta di organi da trapianto”, conclude il dott. Ripley, “Il nostro obiettivo a breve termine è di essere in grado di stampare in 3D ossa viventi che possono crescere e fondersi con l’osso del paziente. Questo potrebbe essere usato per sostituire l’osso che si perde a causa di infezione o malignità. Perché questa diventi una tecnologia praticabile, dobbiamo perfezionare il processo di stampa delle ossa e dimostrare alla FDA che è sicuro ed efficace. “

Be the first to comment on "Intervista a Beth Ripley"

Leave a comment