International Data Corporation (IDC) Spesa Europea stampa 3d 3,6 miliardi di dollari nel 2017 dovranno raggiungere 7,4 miliardi di dollari nel 2022

L’IDC impone che la spesa europea per la stampa 3D cresca fino a circa 7,4 miliardi di dollari nel 2022

Dall’interno del settore della stampa 3D è chiaro che la produzione additiva sta crescendo in termini di applicazioni e adozione, sebbene sia sempre interessante inserire alcuni numeri rigidi per la crescita e il valore del settore.

Secondo un recente aggiornamento della guida semestrale mondiale alla stampa 3D di International Data Corporation (IDC), gli acquisti europei di stampanti 3D , materiali, software e servizi correlati raggiungeranno un totale di $ 3,6 miliardi nel 2017. Il rapporto IDC prevede che il la spesa per la stampa 3D per l’Europa occidentale e l’ Europa centrale e orientale registrerà un tasso di crescita annuo composto quinquennale (CAGR) del 15,3%, con entrate che raggiungono $ 7,4 miliardi nel 2022.

La guida semestrale mondiale per la stampa 3D è stata progettata per aiutare i responsabili delle decisioni IT a comprendere chiaramente l’ambito e la direzione specifici del settore delle spese di stampa 3D oggi e per i prossimi cinque anni. Secondo la guida, l’Europa occidentale è di gran lunga il maggior contributore nella più ampia regione europea e ha realizzato l’83% dei ricavi totali della stampa 3D in Europa nel 2017, con un CAGR in crescita del 14,4% per il 2017-2022. Tuttavia, l’Europa centrale e orientale sarà la regione in più rapida crescita con un CAGR del 19,1% per il 2017-2022.

Il 2018 rappresenterà un punto di svolta per il mercato della stampa 3D. “La stampa 3D ha il potenziale per espandere l’industria manifatturiera, spostare la distribuzione localmente e implementare la produzione on-demand, riducendo gli inventari ei costi di spedizione non necessari”, ha affermato Julio Vial, responsabile della ricerca, European Imaging, Printing and Document Solutions, IDC. “Consentirà la personalizzazione di massa e la stampa di diversi prodotti riducendo i costi e riciclando la polvere in eccesso della stampante, riducendo inoltre il peso del prodotto e rendendo necessari meno strumenti perché le stampanti 3D possono sostituirne alcune”.

Il rapporto IDC racchiude la spesa in varie aree del settore della stampa 3D, inclusi hardware (ovvero stampanti 3D), software, materiali di stampa 3D e servizi di stampa 3D. Sebbene l’hardware di stampa 3D abbia generato la maggiore spesa nel 2017, l’attenzione ai materiali determinerà la spesa associata nei prossimi anni, con un CAGR del 20% nel periodo di previsione, superiore al componente hardware. Servizi come la consulenza e i servizi di integrazione di sistemi rimarranno una parte fondamentale del mercato.

IDC identifica anche quali settori produttivi stanno spendendo di più con le tecnologie di stampa 3D. Non sorprende che la produzione discreta, la produzione di articoli distinti come automobili, mobili, giocattoli, smartphone e aerei, ecc., Abbia avuto la spesa di stampa 3D più significativa, rappresentando oltre la metà della spesa totale per la stampa 3D in tutta la regione nel 2017, con un CAGR del 14,5% per il 2017-2022. Le subindustrie automobilistiche e aerospaziali sono i maggiori contributori, mentre il settore medicale dovrebbe svilupparsi ulteriormente nei prossimi anni, con un CAGR previsto del 19,5% nel periodo di previsione.

Altri settori importanti, come la sanità e i servizi professionali, stanno già utilizzando la stampa 3D, con una spesa superiore al 10% del mercato totale. I fornitori di servizi sanitari adotteranno internamente e svilupperanno capacità e capacità dirette nella stampa 3D. Ci si aspetta che crescano le loro spese nella stampa 3D, con un CAGR del 20,9% dal 2017 al 2022.

I tre casi di utilizzo principali che hanno generato i maggiori ricavi per la stampa 3D nel 2017 in Europa sono stati i prototipi ($ 755 milioni), le parti aftermarket ($ 522 milioni) e i progetti / modelli architettonici ($ 353 milioni). Il rapporto IDC prevede che nel 2022 i prototipi e le parti aftermarket rimarranno i primi 2 casi d’uso, seguiti da oggetti dentali e oggetti di supporto medico. Nel periodo di previsione, i casi di utilizzo a più rapida crescita saranno tessuto / organo / osso, oggetti dentali e alimenti speciali, con tassi di crescita annuali composti superiori al 20%.

Più del 17% delle organizzazioni intervistate nell’Europa occidentale sta adottando o progettando di adottare la stampa 3D nel 2018. Nel periodo di previsione, i casi di utilizzo medico / sanitario mostreranno la maggiore crescita e, nel 2022, gli oggetti dentali e gli oggetti di supporto medico saranno diventare il terzo maggior numero di casi d’uso nell’Europa occidentale.

“C’è un numero crescente di start-up, molte delle quali utilizzano fondi UE, specializzate in servizi di stampa 3D, i fondi dell’UE sono il principale motore di questa tecnologia nell’Europa centrale e orientale”, ha affermato Evelin Stoev, analista senior di IDC.

Tuttavia, il rapporto IDC sottolinea anche che “molte aziende manifatturiere tradizionali, essendo bloccate nei vecchi modi di fare le cose, non hanno il tempo di sperimentare nuove tecnologie come la stampa 3D, né di ricercare casi d’uso emergenti nel mercato – e questo è il principale inibitore di una più rapida penetrazione di questa tecnologia nella regione, il che significa che nel prossimo futuro sarà difficile chiudere importanti lacune nell’esperienza di stampa 3D rispetto all’Europa occidentale e in particolare a Stati Uniti e Giappone “.

Be the first to comment on "International Data Corporation (IDC) Spesa Europea stampa 3d 3,6 miliardi di dollari nel 2017 dovranno raggiungere 7,4 miliardi di dollari nel 2022"

Leave a comment