Industria 5.0 e stampa 3d in Germania

di Joriss Peels direttoredi 3dprint.com

Industria 4.0: Mein Har (t) z Brennt Parte 3 Industria 5.0

Odio il termine stampa 4D. Da Aborrire. Ero inorridito quando l’ho visto più velocemente del previsto guadagnare valuta nel nostro mercato e nei lessici dei giornalisti. Ma, al fine di stampare un futuro per noi stessi e questo pianeta, salterò felicemente sul wordforge me stesso per aiutare tutti noi. Ora, sarò il primo ad ammettere che Industrie 5.0 è un po ‘allungato. Ma sembra logico e questo è tutto ciò che serve davvero. Quindi cos’è Industria 5.0? Industrie 5.0 è la progettazione, lo sviluppo e la produzione autonomi di beni in modo sostenibile. Utilizzando algoritmi di apprendimento, big data, stampa 3D, robotica e automazione, il futuro della produzione sarà più preciso, on demand e rispetterà le nostre scarse risorse energetiche. La produzione non consiste più nel realizzare il maggior numero di cose, ma nel fare le cose giuste nel posto giusto al momento giusto. Utilizzando sistemi di riciclaggio, energia e risorse rinnovabili e sistemi di recupero dell’energia, i beni saranno progettati per la sostenibilità e per molte vite efficienti in molte forme. Le fonti naturali, riciclate e riciclabili sostituiranno quelle che esauriscono la terra e software, automazione e sistemi intelligenti monitoreranno, ottimizzeranno e ridurranno gli sprechi lungo l’intera catena di approvvigionamento.

Fortunatamente penso di essere riuscito a escogitare qualcosa che quasi tutti potevano lasciarsi alle spalle. Se guardiamo alle catene di approvvigionamento in modo olistico e in maniera da culla a culla (e oltre in nuovi beni per molti decenni!) Potremmo trovare prodotti veramente sostenibili. Se in fase di progettazione le persone iniziassero con quali materiali fossero disponibili dove e in cosa potrebbero essere trasformati in seguito, potremmo usare l’intelligenza del sistema per pianificare la vita di molte merci durante le loro numerose iterazioni riciclate. Potremmo progettare per ottimizzare i bassi rifiuti e il basso utilizzo del suolo tenendo conto di fattori quali la disponibilità di altri prodotti e la necessità di stabilire le priorità. Le industrie più efficienti aiutano a salvare il pianeta. Uno sguardo più olistico all’intera catena di approvvigionamento e al modo in cui le cose vengono realizzate e distribuite porteranno risparmi a tutti nella catena del valore

All’uomo nero di blocco che dà dei calci alla finestra di una Mcdonald potrebbe non piacere il commercio, l’industria o la stampa 3D. Ma, se potessimo dimostrargli che c’era un nuovo futuro in cui credere che un gruppo selezionato di aziende stesse intraprendendo un viaggio verso i rifiuti più bassi e le tecnologie e i futuri più rispettosi dell’ambiente, avrebbe potuto dare un calcio in meno alle finestre. A un ambientalista potrebbe non piacere un chimico polimerico o un ingegnere industriale finché non vede che finora con Industrie 5.0 stanno lavorando attivamente verso un futuro senza emissioni di carbonio. Un agricoltore potrebbe ottenere i Jeebie Heebie dall’industria, ma darebbe il benvenuto a un gruppo di aziende che lavorano attivamente per un mondo più verde. Un politico di sinistra diffida sempre dall’automazione ma se è accoppiato a un pianeta più verde e un futuro più luminoso potrebbe trovarlo nel suo cuore per dare una mano. Potenzialmente con Industrie 5.

Industrie 5.0 ci offre una soluzione di business tecnologica per il fatto che il nostro pianeta sta morendo. Industrie 5.0 potrebbe potenzialmente riunire molte persone diverse sotto un unico ombrello in cui la tecnologia di costruzione non equivale a distruggere il pianeta. Se noi come comunità di stampa 3D vogliamo interagire con Industrie 5.0 dovremo essere consapevoli di essere il più sostenibili possibile mentre avanziamo nella marcia verso parti di uso finale più adatte. Thermohardend o post-stampa e polimerizzazione di parti stereolitografiche riscaldate ne sono un buon esempio. Da un lato, queste parti sono decisamente più compatibili con il mondo rispetto alle precedenti generazioni di resine. Questi materiali sono termoindurenti e non possono essere riciclati. In alcuni casi, questi materiali e i loro ausili per la lavorazione possono essere cancerogeni. Queste parti e questi processi si inseriscono in un mondo sempre più attento all’ambiente? Se siamo una tecnologia di nicchia con applicazioni prevalentemente B2B, che se ne frega ma mentre ci spostiamo in casi d’uso più grandi e più visibili, anche noi dobbiamo fare una scelta. L’ambientalismo per noi non può essere un ripensamento. Quindi, da un lato, le resine in fiamme possono essere il futuro, ma dall’altro lato, sappiamo già che sono nel passato.

Be the first to comment on "Industria 5.0 e stampa 3d in Germania"

Leave a comment