In Olanda centro traumatologico l’Elisabeth-TweeSteden Ziekenhuis (ETZ) stampa in 3d le fratture per una migliore terapia

Centro traumatologico olandese 3D stampa modelli di frattura ossea per un trattamento migliore

Un centro traumatologico nei Paesi Bassi utilizza tecnologie di stampa 3D per migliorare il trattamento dei pazienti traumatizzati, in particolare quelli che sono stati ricoverati con fratture ossee. La tecnologia è testata presso il centro traumi Elisabeth-TweeSteden Ziekenhuis (ETZ) da una squadra di chirurghi e ricercatori traumatologici.

Presso l’ETZ, uno degli 11 centri traumatologici nei Paesi Bassi, il candidato al dottorato Lars Brouwers sta testando l’efficacia della stampa 3D per il trattamento di traumi. È stato incaricato di trasformare le scansioni mediche delle fratture ossee in modelli stampati 3D specifici per paziente. Le ossa stampate in 3D vengono quindi utilizzate come ausili pre-chirurgici per i medici e come modelli esplicativi per i pazienti.

Brouwers, insieme ai chirurghi traumatologici ETZ Mike Bemelman, MD e Koen Lansink, MD, credono che i modelli fisici stampati in 3D possano offrire ai chirurghi una comprensione migliore e più chiara delle lesioni di un paziente rispetto ai modelli 3D visualizzati su uno schermo 2D.

In genere, i chirurghi del centro trauma si preparano per un’operazione studiando e analizzando una scansione TC dell’osso del paziente o un rendering 3D digitale della scansione TC. E mentre questo metodo è un taglio sopra metodi ancora più tradizionali (come andare direttamente in sala operatoria), dare un senso a un’immagine 3D su un piano bidimensionale ha il rischio di creare confusione in termini di profondità e orientamento.

Ecco perché la stampa 3D, che può offrire una ricreazione tangibile dell’osso del paziente, potrebbe essere utile.

Brouwers ha trasformato le scansioni TC delle lesioni dei pazienti in modelli 3D stampabili con l’aiuto del portale Philips IntelliSpace, che gli consente di convertire facilmente un file di scansione CT (formato DICOM) in un file STL compatibile con la stampa. Da lì, il file viene preparato e affettato utilizzando Ultimaker Cura e stampato in 3D su una stampante 3D Ultimaker 3.

Il ricercatore si è affidato a materiali di supporto PVA idrosolubili per ricreare la complessa struttura di un osso fratturato o fratturato, per fornire ai chirurghi il modello più preciso possibile. Secondo il ricercatore, una volta che ha la scansione CT, può avere il modello stampato in 3D pronto in meno di un giorno.

La domanda è: i modelli stampati in 3D hanno migliorato i trattamenti con ETZ? Bene, sembra che siano stati utili, o almeno questo è quello che suggerisce il metodo del punteggio kappa chirurgico.

Brouwers e il team ETZ hanno riportato un punteggio medio di kappa compreso tra 0,6 e 0,7 utilizzando i modelli stampati in 3D come strumenti di preparazione chirurgica. Questi punteggi sono il più alto di tutti gli altri metodi, con chirurghi esperti che tipicamente hanno un punteggio kappa di circa 0,4 quando analizzano le scansioni 2D.

Alla fine sembra che la stampa 3D abbia un effetto positivo su ETZ, quindi forse anche gli altri 10 centri traumatologici nei Paesi Bassi adotteranno presto anche la tecnologia.

L’anno scorso abbiamo scritto di Brouwers quando ha guidato la Sierra Leone con una stampante 3D Ultimaker per fornire armi protesiche stampate in 3D .

 

Be the first to comment on "In Olanda centro traumatologico l’Elisabeth-TweeSteden Ziekenhuis (ETZ) stampa in 3d le fratture per una migliore terapia"

Leave a comment