In Giordania inaugurato il primo FabLab pubblico TechWorks

FabLab pubblico con centro di eccellenza di stampa 3D Inaugurato in Giordania

I FabLab sono piccoli laboratori in cui i membri possono andare a lavorare su progetti di fabbricazione digitale, sfruttando la tecnologia dello spazio, che spesso include stampanti 3D e macchine CNC, tra le altre. Sebbene non siano privi dei loro problemi , i FabLab sono ottimi posti in cui lavorare, imparare e incontrare altre persone che la pensano allo stesso modo. Questa settimana, in Giordania, il principe ereditario di Sua Altezza Reale Al Hussein bin Abdullah II ha inaugurato un FabLab pubblico chiamato TechWorks.

Questa piattaforma di punta della  Crown Prince Foundation Initiative (CPFI), costruita come modello nazionale di eccellenza,  è pensata per aiutare a rispondere alla necessità per i giovani di avere accesso a strumenti innovativi. TechWorks offre a giovani creatori, imprenditori e pensatori di lavorare insieme e incoraggia l’istruzione tecnica fornendo risorse e strumenti adeguati, insieme a “un campo di gioco su cui competere”, secondo le fonti di fondazione.

“Sua altezza reale il principe ereditario Al Hussein Bin Abdullah II incoraggia continuamente le menti giovani e curiose a creare e innovare. Nel tentativo di riunire studenti, ricercatori e inventori, anticipiamo il successo di FabLab come centro di innovazione per i creatori locali per attualizzare le loro idee “, ha scritto la Crown Prince Foundation (CPF). “La struttura promuoverà collaborazioni tra innovatori di ogni tipo, oltre a facilitare e sostenere progetti di sviluppo di capacità, fornendo accesso a tecnologie progettate per i metodi di fabbricazione digitale più avanzati. FabLab fornirà inoltre servizi di incubazione e tutoraggio a coloro che desiderano far avanzare le loro creazioni in prodotti brevettabili e commercialmente fattibili. ”
All’inaugurazione, il principe ereditario HH Hussein ha fatto un tour del nuovo FabLab digitale basato sulla società e ha ascoltato tutti i beneficiari, tra cui creatori, imprenditori, produttori e giovani, ha spiegato i progetti che saranno in grado di andare oltre attraverso iniziative come TechWorks.

Tamam Mango, CEO di CPF, ha dichiarato: “TechWorks cerca essenzialmente di creare una piattaforma che inizi con la struttura, che è la FabLab, che lavora da lì per riunire una comunità di produttori, pensatori e imprenditori con particolare attenzione ai giovani e da lì guarda all’ecosistema più grande “.
Mango ha spiegato che un FabLab è lì per aiutare i produttori a passare dall’avere idee alla commercializzazione.

“Puoi  trovare attrezzature, set di abilità, corsi di formazione e il nostro obiettivo nel prossimo futuro è quello di raggiungere i giovani della Giordania”, ha detto Mango riguardo a TechWorks.

” Stiamo progettando di portare giovani provenienti da varie parti della Giordania a beneficiare del FabLab o di avere un FabLab mobile che percorre diverse parti del paese per raggiungere i governatorati della gioventù in modo che le attrezzature FabLab possano essere un ulteriore vantaggio per l’economia in generale .

” Ci auguriamo di fornire una piattaforma per skillset, stampa 3D e apprendimento automatico nonché un’ampia varietà di settori che non sono stati accesi sufficientemente in Giordania”.
Mango dice che chiunque abbia un interesse ad unirsi alla comunità dei maker dovrebbe controllare TechWorks, dato che ci sono molti livelli di programmi disponibili, partendo dall’orientamento fino alle master classes tenute da esperti. Per celebrare l’innovazione nello sviluppo economico della Giordania, la piattaforma contribuirà anche ad aumentare  la creazione di nuovi modelli di business.

TechWorks include tre dimensioni per collegare i giovani in Giordania con reti di innovazione a livello nazionale e globale; il primo di questi è la struttura accessibile stessa. Il FabLab incentrato sull’utente ha lo scopo di attrarre e supportare diversi segmenti di utenti, compresi i giovani, e fornire accesso a programmi che aumentano la capacità concentrandosi sull’innovazione, l’imprenditorialità e diventando impiegabili. Ha diverse sezioni,  tra cui un Centro di eccellenza di stampa 3D sotto il CPF, grazie a un regalo di Sua Maestà il Re Abdullah.

Questo centro di stampa 3D è una delle principali entità giordane in Giordania che supporta il movimento dei maker. Mentre il Jordan Times dice che le conoscenze necessarie per utilizzare le nuove tecnologie, come la stampa 3D, che manca a livello nazionale nel regno del Medio Oriente, i suoi governanti sono sicuramente investiti per accelerare l’adozione. Il centro di stampa 3D ti aiuterà a iniziare subito le cose.

La comunità è la seconda dimensione di TechWorks, che fornisce competenze e infrastrutture a produttori, studenti e ricercatori attraverso un’istituzione locale. Il “polo di arricchimento dell’ecosistema” è la dimensione finale, che sta cercando di creare una  catena del valore dell’innovazione nazionale attraverso il sostegno alla commercializzazione e alle lacune di collegamento.

Diversi progetti sono già stati realizzati in TechWorks, come  sei progetti di studenti della Jubilee School che includono un filtro dell’acqua stampato in 3D, un meccanismo Iris per il caricabatterie solare del telefono, un sistema di automazione domestica intelligente con tecnologia Bluetooth e un voltmetro intelligente. La startup giordana  Acacus Technologies ha sviluppato una macchina senza conducente per l’apprendimento automatico, mentre il progetto Classic Cars of Jordan utilizza la stampante 3D TechWorks per la produzione di parti di automobili ridisegnate.

L’iniziativa Sager 1, che sviluppa competenze e consapevolezza nello spazio UAV nella regione MENA, ha sviluppato i suoi Droni da corsa presso TechWorks e la Royal Jordanian Air Academy ha progettato un gadget personale, indossato attorno al braccio o alla gamba, in grado di supportare un rapido accesso a strumenti, quindi non sarà necessario portarsi dietro grandi strumenti.

Be the first to comment on "In Giordania inaugurato il primo FabLab pubblico TechWorks"

Leave a comment