In Australia troviamo la prima microfabbrica di e-waste al mondo

Un nuovo progetto innovativo lanciato di recente in Australia dovrebbe vedere l’impatto ambientale dell’elettronica di consumo notevolmente ridotto in futuro. Nel Nuovo Galles del Sud, troviamo la prima microfabbrica di e-waste al mondo, che elabora materiali di scarto da telefoni e altre apparecchiature digitali per essere utilizzata per altri scopi, come ad esempio la realizzazione di filamenti di stampanti 3D. Alcuni mesi fa abbiamo riportato i  progetti iniziali per questo progetto di micro-fabbrica , e ora il primo è stato ufficialmente aperto, presso il Centro per la ricerca e la tecnologia dei materiali sostenibili dell’Università del New South Wales (SMaRT Center).

Secondo uno  studio dell’Università delle Nazioni Unite , l’Oceania (la regione che comprende Melanesia, Micronesia, Polinesia e Australasia) genera 15,2 kg di rifiuti elettronici pro capite, a partire dal 2014. Tra il 2010 e il 2015 c’è stato un aumento del 63% dei rifiuti elettronici. , raggiungendo un totale di 12,3 milioni di tonnellate. Sviluppato come risposta a questa enorme crescita di rifiuti elettronici, l’idea alla base di queste nuove micro-fabbriche è semplice ma efficace, uccidendo due piccioni con una fava. Convertendo i vecchi prodotti di tecnologia consumer in materiali riutilizzabili per nuove e importanti applicazioni tecnologiche come la stampa 3D, stanno creando un circuito virtuoso che consente di affrontare il problema dei rifiuti e di creare valore.

“La nostra microfabbrica di rifiuti elettronici e un’altra in fase di sviluppo per altri tipi di rifiuti di consumo offrono una soluzione economicamente vantaggiosa a una delle maggiori sfide ambientali della nostra epoca, offrendo nuove opportunità di lavoro alle nostre città, ma anche importanti aree rurali e regionali “, Ha detto il direttore del Centro SMaRT, Professoressa Veena Sahajwalla. “Utilizzando le nostre tecnologie di produzione ecologiche, queste microfactory possono trasformare i rifiuti dove sono accumulati e creati, consentendo alle imprese e alle comunità locali non solo di affrontare i problemi dei rifiuti locali, ma di sviluppare un’opportunità commerciale dai preziosi materiali che vengono creati”.

Le micro-fabbriche possono essere installate in siti di appena 50 metri quadrati, con il loro design modulare che consente un elevato livello di flessibilità e adattabilità. Ci sono diversi moduli nel processo, a seconda del tipo di rifiuto e di cosa verrà usato. Ad esempio, i portatili e le custodie per smartphone scartati verranno prima suddivisi, quindi verrà introdotto un robot speciale per l’identificazione di elementi utili tra i rifiuti. Un altro modulo prevede l’utilizzo di un piccolo forno per trasformare queste parti in materiali di valore, utilizzando un processo a temperatura controllata con precisione che è stato sviluppato attraverso una ricerca approfondita.

Ulteriori moduli sono specifici per il tipo di materia prima che viene convertita. Le leghe metalliche recuperate dai circuiti possono essere riutilizzate per produrre componenti metallici per una varietà di processi produttivi, e il problema particolarmente serio dei rifiuti di plastica viene gestito in modo efficace, convertendo le diverse plastiche di qualità in tipi di filamento che possono essere utilizzati per FDM / Tecnologia di stampa 3D FFF.

UNSW ha sviluppato questa tecnologia con il supporto del Consiglio di ricerca australiano e ora collabora con numerose aziende e organizzazioni. Questi includono un altro riciclatore di rifiuti elettronici TES, così come il produttore minerario Moly-Cop, che utilizzerà i prodotti finiti dopo la conversione, così come il produttore di occhiali Dresden.

Be the first to comment on "In Australia troviamo la prima microfabbrica di e-waste al mondo"

Leave a comment